Close
Cosa vedere ad Anversa durante il Festival del Barocco e non solo

Cosa vedere ad Anversa durante il Festival del Barocco e non solo

Scopri tutto quello che c’è da fare e da vedere in questa splendida città del Belgio.

Anversa è un vero gioiello: particolare, preziosa, sorprendente, la perla barocca del Belgio. In questa città sono molte le cose da fare e da vedere, in particolare durante il Festival del Barocco che animerà la città a partire da giugno con eventi, mostre, performance, spettacoli teatrali. Il Festival ha l’obiettivo di far apprezzare a visitatori e persone del posto Anversa in tutto il suo splendore, e di creare un ponte tra il barocco antico e le nuove espressioni che questo stile assume oggi nelle diverse forme d’arte.

Scopriamo insieme cosa fare e cosa vedere a Anversa, sia durante il Festival del Barocco, che durante il resto dell’anno.

1. La Casa di Rubens 

Cominciamo con la star della città, il personaggio più famoso delle Fiandre, il pittore che ogni personalità di spicco voleva nella propria cerchia e nel proprio salotto. Stiamo parlando di Peter Paul Rubens, il pittore la cui arte è stata fonte di ispirazione per la città di Anversa e per il mondo, nonché colui al quale è dedicato il Festival del Barocco quest’anno. Rubens era un artista visionario: in seguito al suo viaggio in Italia, progettò un palazzo nella zona del Meir che diventò la sua casa-studio. Oggi, dopo molte peripezie (venne ristrutturata, e addirittura adibita a prigione), è possibile visitare la casa di Rubens e vedere dal vivo i laboratori in cui lavorava insieme al suo team di allievi e aiutanti, i capolavori del pittore appesi alle pareti, la sua collezione d’arte personale, le sale in cui ospitava tutti coloro che volevano rendergli omaggio con una visita – e tra questi ci furono anche membri della Famiglia Reale – e le stanze nelle quali passava il tempo con la sua famiglia.

2. La Cattedrale di Nostra Signora

La “Signora” della città vanta dei numeri niente male: 169 sono gli anni impiegati per costruirla, 123 sono i metri di altezza che raggiunge il suo magnifico campanile. La splendida Cattedrale di Anversa, oltre a essere un capolavoro del gotico, è anche un luogo imperdibile per tutti gli appassionati della pittura di Rubens: ospita infatti il Trittico della Deposizione della Croce del pittore fiammingo.

3. Il Museo Mayer van den Bergh 

Fritz Mayer era un ricco uomo d’affari tedesco che visse ad Anversa  nel XIX. Il freddo mondo degli affari però non era la sua vera passione: ardeva infatti per l’arte, e grazie a un grande impegno unito a un grande interesse, fu in grado di scovare opere particolari, sconosciute e di fondare un museo, il Museo Mayer van den Bergh che oggi vanta una delle collezioni più raffinate e particolari del mondo. Ospita infatti due opere di Brueghel, insieme a tanti altri pezzi straordinari. Inoltre le sale del museo, piene di arazzi, sculture e vetrate mozzafiato, sono ad alto tasso di instagrammabilità.

4. Mostre e spettacoli

La volontà dichiarata del Festival del Barocco è quella di mettere in comunicazione i maestri del barocco storico come Rubens, con i maestri del cosiddetto barocco contemporaneo, in tutte le sue forme d’arte. Per questo, durante il Festival ci saranno interessanti mostre che coinvolgeranno tutte le epoche di questa importante corrente artistica: da una mostra dedicata a Michaelina (MAS) alle performance di Jan Fabre (autore della “follia teatrale” Mount Olympus), dalle opere di Luc Tuymans a Paul Kooiker (FOMU).

5. Vlaeykensgang

Quando visitiamo una città abbiamo l’ambizione di scoprire posti sconosciuti ai più, di scovare angoli segreti che ci consacrino come dei viaggiatori con la “v” maiuscola e che ci facciano sentire parte della vita del luogo. Il vicolo segreto di Vlaeykensgang (che risale al 1591 e collega fra loro Hoogstraat, Oude Koornmarkt Pelgrimstraat) è proprio uno di quei posti incantati che sembra in grado di svelarsi solo ai viaggiatori più meritevoli.
In questo vicolo, un tempo, vivevano i calzolai e gli strati più poveri della società, mentre oggi vi si possono ascoltare deliziosi concerti di carillon durante l’estate.

A post shared by Nuria Otero (@nuria_otero) on

6. Il Giardino Botanico

I giardini botanici hanno sempre un fascino straordinario: oasi verdi e profumate, (talvolta quasi giungle, come nel caso dell’Orto Botanico di Lisbona) nel centro cittadino, tra palazzi d’epoca, strade o grattacieli. Spesso il loro fascino deriva anche dal fatto che sono antichi e vi si respira un’aria di altri tempi: tra i viottoli di sassi, le serre, e le piante esotiche dai nomi complicati, sembra di passeggiare tra le trame di un romanzo d’appendice. Ad Anversa il Giardino Botanico si trova lungo la Leopoldstraat ed è stato costruito quasi 200 anni fa. Portici, costruzioni in mattoni rossi e statue fanno da cornice a oltre 2000 tipi di piante tra alberi, arbusti, erbe aromatiche e cactus provenienti da ogni angolo del mondo.

🌿💐🌸🌵#Botanicgardenonthewayhome

A post shared by Inês Filipe Mendes Coelho (@inesfmcoelho) on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close