Close
10 cortili nascosti che ti faranno innamorare di Milano

10 cortili nascosti che ti faranno innamorare di Milano

Riservata e per molti anche un po’ snob, Milano accoglie i suoi visitatori senza concedersi mai troppo. Ecco i 10 cortili nascosti che non potete proprio perdervi.

Capitale della moda e regina indiscussa nella Design Week, Milano è meta ambita per i molti turisti che scelgono l’Italia come destinazione di viaggio.
Ma se i turisti meno attenti si limitano ad apprezzarla per il Duomo o per il Cenacolo vinciano, sono molti ormai quelli che non si accontentano del solito tour e, dopo aver ammirato la sobria facciata di un palazzo borghese, si avvicinano curiosi al suo ingresso per scoprire la Milano nascosta dietro ai portoni. La vera bellezza di Milano sta nei suoi cortili!

Ecco i 10 cortili nascosti che meritano una sbirciatina.

1. Casa Rossi
Meta ambita dagli instagrammer a caccia di bellezze milanesi, il cortile ottagonale di Casa Rossi sorprende solo se lo si guarda con il naso all’insù. Questo palazzo dalla ricca facciata rinascimentale ospita, oltre a due cortili, un luxury B&B e un bistrot. L’ideale è andare a visitarlo nelle prime giornate primaverili, magari all’ora di pranzo, per mangiare un panino baciati dal sole.
Corso Magenta 10 – CADORNA M1

2. Palazzo Luraschi
A pochi passi dai bastioni di Porta Venezia si trova Palazzo Luraschi, costruito nel 1887 su nel punto in cui sorgeva il lazzaretto di Milano. Nel suo cortile sono rimaste due colonne che raccontano ciò che resta dell’antico Lazzaretto (proprio quello dove Renzo andò a cercar Lucia durante la peste) e i busti di pietra dei personaggi principali de “I promessi sposi” sorvegliano dall’alto i visitatori. Corso Buenos Aires 1 – PORTA VENEZIA M1

3. Palazzo Bolagnos Visconti
Di origine spagnola ma con soprannome milanese, la Ca’ Bolagna, si mostra ai suoi visitatori con ben due cortili. Il primo, abbracciato da curvilinee balconate rococò, è seguito da un secondo cortile in cui si nota una grotta artificiale: al centro della grotta posa una sensuale Venere e al suo fianco si può ammirare un piccolo teatro dove il celebre Luchino Visconti mosse i primi passi prima di diventare uno dei registi più importanti e famosi del mondo.
Via Cino del duca – SAN BABILA M1

4. Palazzo dell’Ambrosiana
Forse il meno accessibile della lista – il cortile è visibile solo attraverso una vetrata – il cortile dell’Ambrosiana viene definito “il cortile degli spiriti magni” perché è la dimora delle statue di bronzo dei più grandi pensatori europei. Tra essi, spicca il padre della lingua italiana, Dante Alighieri.
Piazza Pio XII – DUOMO M1 M3

5. Casa Ortelli
Nel cuore del “Quadrilatero del Silenzio”, questo cortile stupisce per la varietà di elementi architettonici che lo riempiono senza alcun ordine. Colonnine, candelabri, capitelli, ruotano intorno a una fontanella decorata con un putto e un delfino. Fu progettato da Paolo Ortelli che gli diede anche il nome di “cortile degli artisti” poichè, in origine, al piano terra erano presenti numerose botteghe artigiane. Via Rossini 3 – PORTA VENEZIA M1

6. Casa Ucelli di Nemi
Il cortile di Casa Ucelli di Nemi è immerso in un silenzio atipico per una metropoli come Milano, ed è forse uno dei più incantevoli della città, soprattutto a maggio quando il chiostro, un tempo appartenuto al monastero delle Umiliate, si tinge dei toni del rosso delle rose. Fu il fondatore del Museo della Scienza e della Tecnologia Guido Ucelli a volerlo inserire nella dimora di famiglia per usarlo come cortile ed è quindi grazie a lui che oggi abbiamo la possibilità di ammirarlo.
Via Cappuccio 7 –  SANT’AMBROGIO M2

7. Palazzo Bonacossa
Sede del Museo d’Arte e Scienza di Gottfried Matthaes, Palazzo Bonacossa offre allo sguardo dei passanti una splendida facciata in bugnato (ripreso dal palazzo dei Diamanti ferrarese) e un cortile che sembra risentire dell’incontro tra lo stile rinascimentale fiorentino e quello lombardo. Con il permesso del custode, si può entrare nel cortile e ammirare la magnifica statua di Nettuno.
Via Q. Sella 4 – CAIROLI M1

8. Palazzo Landriani
Palazzo Landriani è un edificio quattrocentesco che sorge alle spalle dell’Accademia di Brera. Il suo cortile è forse il più nascosto tra quelli citati finora: per arrivarci, bisogna entrare dentro l’Accademia, superare l’ingresso principale, e raggiungere un cancello in ferro. Resterete incantati dall’antico pozzo coperto da piantine e protetto da un caco secolare.
Via Borgonuovo 25 – MONTENAPOLEONE M3

9. C&C Milano
Un cortile magico nella sua semplicità: non ci sono reperti archeologici o glicini a decorarlo, ma una semplice fontanella e un giardino segreto alle sue spalle. Bianco e luminoso, è la sede dell’atelier di tessuti Made in Italy C&C Milano e attira molti visitatori durante la Design Week. Da qui inoltre si può godere di una splendida vista sulla Vigna di Leonardo nella Casa degli Atellani.
Via Zenale 3 – SANT’AMBROGIO M2

10. La Corte del Naviglio 
Nella lista dei cortili da vedere a Milano non poteva certo mancare  una vecchia corte. Amate quanto criticate, le case di ringhiera milanesi sono ancora presenti in diverse zone della città, in particolare nella zona dei Navigli. La Corte del Naviglio ha mantenuto l’antica struttura del palazzo con botteghe al piano terra le abitazioni ai piani superiori.
Alzaia Naviglio Grande 4 – PORTA GENOVA M2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close