Close
5 dei posti dalla natura più spettacolare in Australia

5 dei posti dalla natura più spettacolare in Australia

La natura dell’Australia è in grado di lasciare a bocca aperta. Scopriamo 5 dei posti dalla natura più spettacolare in Australia.

L’Australia è un luogo dalla natura spettacolare, in grado di lasciare a bocca aperta anche coloro che hanno girato tutto il mondo. Niente potrà mai preparavi alla bellezza della Great Ocean Road, o di una spiaggia lunga chilometri fatta solo di conchiglie, o ai colori sgargianti degli abitanti della barriera corallina.

Scopriamo 5 dei posti dalla natura più spettacolare in Australia.

1. Shell Beach, 60 km di spiaggia fatta di conchiglie

Il Western Australia è il più grande stato australiano ed è famoso per le sue splendide spiagge. Percorrendo l’Indian Ocean Drive da Perth verso nord, si arriva a Shell Beach, una delle poche spiagge al mondo fatta interamente di conchiglie. Questo mosaico di miliardi di minuscole conchiglie si estende per oltre 60 chilometri, creando un deposito di diversi metri, ciò significa che, scavando sotto la sabbia, si trovano solo conchiglie per una decina di metri di profondità. Una curiosità: in passato le conchiglie venivano compattate e lavorate in mattoni utilizzati per gli edifici nella vicina cittadina di Denham.

2. Ningaloo Marine Park, 500 specie di pesci tropicali e squali balena

Il Ningaloo Reef, Patrimonio dell’Umanità Unesco, vanta la più grande barriera corallina a frange del mondo, una barriera lunga 260 km abitata da tartarughe, pesci tropicali, mante, megattere.
Qui è possibile fare esperienze incomparabili come nuotare con uno squalo balena, ammirare in volo dall’alto la migrazione delle balene, fare glamping a pochi metri dalla barriera corallina.
Ningaloo è l’unico posto al mondo in cui transitano gli squali balena: migliaia di megattere migrano sulla costa occidentale australiana ogni anno lungo quella che gli australiani chiamano la “humpback highway” cioè l’autostrada delle megattere e, tra luglio e ottobre, è possibile immergersi e nuotare con loro, in piccoli gruppi da cinque persone. Non c’è da temere per la sicurezza delle balene perché regole molto severe vietano ai nuotatori di avvicinarsi a meno di 30 metri da loro.

3. Emma Gorge, tra alberi, farfalle, vigne e cascate

Se siete in viaggio in fuoristrada attraverso le meraviglie del Kimberley, Emma Gorge è consigliato come punto di arrivo per concludere la vostra avventura sulla Gibb River Road.
Dopo una piacevolissima passeggiata di un’ora fino alla gola, godetevi una meritata nuotata o un massaggio naturale sotto le cascate perenni di Emma Gorge che si trovano all’interno della catena dei Cockburn Range, dal colore tipico rosso.

View this post on Instagram

It’s not to often with social media and so much access to information that we can get to a place without feeling like we’ve almost seen it already and not get those feelings of pure amazement. Emma gorge was for us incredible and there is nothing a photo can do to show how amazing this place truely is. It was definitely worth getting up extra early so we could enjoy the place to ourselves for a few hours. . . . . . . #westisbest #travel #emmagorge #waterfalls #travelphotography #traveling #travelling #mytravelgram #igtravel #traveler #australia #travelaustralia #lifestyle #instatravel #ilovetravel #wanderlust #wanderer #amazing #australian #travelgram #travelblogger #travelcouple #westernaustralia #roadtripaustralia #welivetoexplore #lifeontheroad #seeaustralia #explorer #beautifuldestinations

A post shared by TRAVELLING AUSTRALIA ☼ (@gone.adrift) on

4. Le cupole del Bungle Bungle Range, venerate da 40.000 anni dagli aborigeni

Il Purnululu National Park è situato nella regione del Kimberley e custodisce un affascinante capitolo della storia australiana, nonché si tratta di uno posti dalla natura spettacolare in Australia. Stiamo parlando della catena delle Bungle Bungle, rimaste un segreto fino al 1983. Prima di allora, nonostante la vicinanza alla strada principale, erano conosciute solo dalla popolazione aborigena e dagli allevatori di bestiame che mantenevano il segreto. È possibile ammirarle con un volo panoramico, oppure noleggiando un fuoristrada per avventurarsi nel parco da soli, percorrendo una stretta strada sterrata lunga 50 km.
Parcheggiata l’auto, ci si addentra nel parco e, dopo una passeggiata di circa un’ora, si arriva a Cathedral Gorge, un enorme anfiteatro naturale famoso per la sua incredibile acustica naturale. I sentieri possibili per scoprire questo immenso parco sono tre: uno circolare di 3 chilometri conduce fino a Piccaninny Gorge, il punto migliore per ammirare le Bungle Bungle, dove è possibile accamparsi per la notte (una passeggiata notturna, in periodo di luna piena, può diventare una delle esperienze più straordinarie della vacanza australiana); un percorso di 2 chilometri fino all’Echidna Chasm, una profonda spaccatura tra rocce alte fino a 200 metri che prende il nome dal simpatico marsupiale australiano; infine un terzo di 5 chilometri che fino a Mini Palms Gorge, dove vi accoglierà uno spettacolo di colori, tra il verde delle palme e l’arancio delle rocce.

5. Il Deserto dei Pinnacoli e i canyon del Kalbarri National Park

Un viaggio attraverso il Western Australia non può non includere una sosta a Kalbarri, dove l’Oceano Indiano si congiunge al fiume Murchison. Qui, da luglio ad ottobre, il paesaggio prende vita con i colori delle 800 specie di fiori selvatici. Rimanete almeno un’intera giornata e passeggiate nel bush ammirando lo spettacolo offerto dalle catene montuose del Parco Nazionale di Kalbarri, oppure navigate in canoa tra le rossastre pareti delle gole scavate dal fiume. Percorrendo un sentiero sabbioso di circa 50 chilometri arriverete a a Z-Bend, una piattaforma sospesa sul canyon, e poi a Nature’s Window, un arco naturale che fa da finestra sul canyon, e infine Hawks Head, la roccia sospesa nel vuoto.
Durante il viaggio di rientro a Perth, potrete fare una sosta al Nambung National Park dove, se arrivate all’ora del tramonto, vi accoglierà uno spettacolo veramente suggestivo: il sole che va a dormire sul deserto dei Pinnacoli, un’area composta da migliaia di colonne calcaree che raggiungono quasi i 4 metri di altezza creando un paesaggio lunare. Alcune incisioni aborigene raccontano che i pinnacoli sono emersi circa 6000 anni fa per poi venire ricoperti per un lunghissimo periodo dalle dune di sabbia, e riemergere nuovamente solo alcune centinaia di anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close