Close
8 libri da leggere per volare a Parigi

8 libri da leggere per volare a Parigi

Chi non avrebbe voglia di passare un weekend nella Città delle Luci? Ecco quindi 8 libri per volare a Parigi restando comodamente a casa vostra.

Mai sottovalutare il potere della letteratura! Quale mezzo migliore per trasportarci nei nostri luoghi preferiti? Se vi trovate a sognare Parigi in questi giorni, ecco x libri da leggere che vi trasporteranno senza dubbio nella Città delle Luci.

1. Festa mobile, Ernest Hemingway

Una lettura obbligatoria per chi ama Parigi. In questo romanzo, Hemingway racconta del suo periodo a Parigi, quando era uno scrittore in difficoltà negli anni Venti; racconta le sue fatiche e le sue prove, il tutto mentre vive gomito a gomito con amici letterati suoi contemporanei, come James Joyce e i Fitzgerald. Il lettore sognerà di poter essere una mosca sul muro per poter spiare questi personaggi leggendari.

View this post on Instagram

Avete mai visitato Parigi? Cosa vi aspettate da LEI? 🌻 Parigi profuma di pioggia, di castagne, di dolci al burro, degli autori famosi che l’hanno abitata. Così, riflettendo e camminando, perché a Parigi si cammina sempre, poso il mio sguardo su una casetta insipida che mi ricorda che proprio lì, durante il secolo scorso, ha abitato Hemingway. Vicino di casa di Joyce, si scambiavano lo zucchero ed il sale? Mi piace pensare che fosse così. Immagino i giorni in quella casa, immagino i sacrifici per non farsi schiacciare dalla Parigi bella e matrigna, le risate ed i libri letti, i pochi spiccioli e gli articoli scritti. Lo rivedo al cafè con il suo figlioletto sulle gambe. Nel libro Festa Mobile è di questo che si parla. La quotidianità dello scrittore diventa un libro dolce e intenso. È con questo testo che mi sono innamorata del suo stile geniale, spoglio di ogni inutile retorica, ricco di quell’ottimismo disperato e drammatico. Emerge chiaramente la psicologia contorta di Hemingway. Bellissimo! Durante la lettura i suoi ricordi si mischiavano ai miei. Era tutto estremamente reale. Conosco Parigi e la vivo, quindi so di aver sentito questo libro vicino al mio mondo anche per questa esperienza di vita comune! In ogni caso lo consiglio a chiunque. Buona giornata dalla Ville lumière ! ❤️ #book #books #libro #hemingway #paris #libri #instabook #bookstagram #bookblog #libreria #mondadori #oscar #festamobile #letteratura #romanzo #leggere #poesia #pagine #biblioteca

A post shared by Maison Du Livre (@maisondul) on

2. Una moglie a Parigi, Paula McLain

Durante la sua permanenza a Parigi la prima moglie di Hemingway, Hadley Richardson, si unì a lui nelle sue avventure. Nel romanzo vengono definiti la coppia d’oro della Parigi degli anni Venti, vera personificazione degli années folles, ma tradimenti e cuori spezzati hanno portato alla fine del loro matrimonio.

.3. La nuova Parigi, Lindsey Tramuta

Il libro definitivo per gli amanti del cibo, racconta dei creativi, parigini ma non solo, che hanno lasciato un segno nella città e hanno contribuito a definire la Parigi di oggi. Il libro non solo immortala la quotidianità parigina, ma funge anche da guida perfetta per i pellegrini del food (per quando si potrà tornare a viaggiare).

4. Notre Dame de Paris, Victor Hugo

Un grande classico che prende il nome da uno dei luoghi più amati della città. Quasimodo, il campanaro deforme della cattedrale nutre un amore non corrisposto per Esmeralda. Quando si è a Parigi, è impossibile non restare a bocca aperta di fronte alla magnifica meraviglia gotica che è Notre Dame, un punto di riferimento che oggi ci è ancora più caro, dopo il tragico incendio dello scorso anno.

5. Una piccola libreria a Parigi, Nina George

Il titolo di questo romanzo basta a catturare l’attenzione di qualsiasi topo da biblioteca che ama Parigi. Il romanzo di Nina George racconta la storia di Monsieur Perdu, che si definisce speziale letterario che prescrive romanzi per chi cerca di superare i momenti difficili, il tutto dalla sua libreria galleggiante in una chiatta sulla Senna. Serve aggiungere altro?

View this post on Instagram

Una piccola libreria a Parigi di Nina George🗼 "Le dita di Jean cadevano nel vuoto alla fine della fila di libri che sfiorava. Sapeva con precisione dove era stato ciascun libro prima di essere venduto. Proprio come chi conosce gli edifici e i campi della propria via e continua a vederli anche se vengono rimpiazzati da una circonvallazione o un centro commerciale. Da sempre percepiva la presenza dei libri come un’aura protettiva. Nella sua barca aveva trovato tutto il mondo, tutti i sentimenti, ogni luogo e ogni tempo. Non aveva mai dovuto viaggiare e gli erano vastate le chiacchierate con i libri..a volte li stimava più delle persone. Erano meno minacciosi”. . Un libro leggero e appassionante allo stesso tempo, era proprio quello che ci voleva in un periodo come questo, pieno di tensioni e di pensieri. La storia che ci viene raccontata è quella di Jean Perdu, un libraio che ha per ogni male un libro adatto, capace di sollevare l’umore e strappare un sorriso. Girovaga con la sua barca piena di libri sul fiume della Senna, è la sua personale farmacia letteraria che dona agli altri, chiunque abbia la necessità di curarsi senza aver bisogno di una medicina, perché non c’è nessuna medicina capace di curare i dolori dell’anima. Jean Perdu è bravo ad aiutare le persone, ma a superare le proprie difficoltà non è altrettanto bravo, tanto da farsi scappare la propria felicità dalle mani, solo per orgoglio, ma presto capirà il suo errore, commesso vent’anni fa, e prima o poi dovrà affrontare tutto ciò che non ha avuto il coraggio di affrontare prima. Dal titolo può sembrare un libro smielata, ma non lo è affatto. Ciò che ho amato di più è l’elenco di tutti i libri che vengono citati durante il racconto e il motivo per la quale si consiglia di leggere quel determinato libro. Se state cercando una lettura leggere ma non smielata, questa è ottima!

A post shared by Cetty 🎈 (@concettacassarino) on

6. Lei e lui, Marc Levy

Si dice che Marc Levy sia l’autore francese contemporaneo più letto, e questa storia d’amore che unisce Mia, una famosa attrice londinese che si dirige dall’altra parte della Manica per nascondersi, e Paul, un autore americano bestseller che vive lì. Un libro ambientato a Parigi che vi ruberà il cuore!

7. L’eleganza del riccio e Estasi culinarie, Muriel Barbery

Sì, sono due romanzi diversi, ma sono scritti dalla stessa autrice. Il primo racconta l’avvincente storia di Renée, la portinaia di un edificio in cui abitano personaggi molto particolari, mentre il secondo racconta di un critico gastronomico che in punto di morte (vive nello stesso palazzo de L’eleganza del riccio) non desidera altro che mangiare per l’ultima volta un piatto sublime assaggiato molto tempo prima.

8. Da Parigi alla Luna, Adam Gopnik

Nel 1995 il giornalista americano Adam Gopnik si è trasferito con la moglie e il figlio a Parigi, e da qui ha continuato a lavorare per il New Yorker. Parigi alla Luna è una raccolta di saggi che riflettono sul suo tempo in città e su ciò che lo ha spinto a viverci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close