Close
Weekend in Puglia: Ostuni, Alberobello e Gallipoli

Weekend in Puglia: Ostuni, Alberobello e Gallipoli

Roma, Firenze e Milano potranno anche essere le città più visitata d’Italia, ma non c’è posto più autentico dell’assolata Puglia nel tacco dello stivale. Scopri Ostuni, la città bianca, i ristoranti vista mare di Gallipoli e i trulli di Alberobello con la nostra ricetta per il weekend perfetto ne cuore del Salento.

La Puglia è circondata dalle acque cristalline del Mar Ionio e del Mar Adriatico, offre cibo delizioso e vini davvero pregiati, ed è scaldata dal sole praticamente tutto l’anno. È famosa anche per la grande varietà di pasta fresca tradizionale: le forme più note sono le orecchiette (così chiamate proprio perché sembrano delle piccole orecchie), e gli strascinati o laganelle, un tipo di pasta simile alle fettuccine e solitamente cucinata con le cime di rapa o con i fagioli.

Alberobello

Alberobello, riconosciuta Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, è molto famosa per i suoi trulli: si tratta di abitazioni di pietra grigia e bianca con il tetto forma di cono, risalgono al 14º secolo e sono ancora utilizzate come case nella valle d’Itria. Partendo da Piazza del popolo e risalendo per la tortuosa strada di ciottoli del centro storico si arriva al Trullo Sovrano, il più grande dei trulli, situato dietro al Duomo. Parlando di chiese, quella di Sant’Antonio merita una visita poiché è situata proprio all’interno di un trullo. Infine non può mancare una passeggiata fino al Belvedere dei Trulli: offre una fantastica vista panoramica sui tetti appuntiti che dal centro arrivano fino alle colline del territorio circostante.

Dopo questa passeggiata è il momento di fermarsi per uno spuntino: l’Antica Salumeria del Corso in Corso Vittorio Emanuele 76 offre deliziosi panini al prosciutto ed è famosa per la sua carne fredda tradizionale, per gli ottimi formaggi e per il vino. Ci sono giganteschi prosciutti appesi sul soffitto che conferiscono al posto un’aria autentica. La vera star di Alberobello però, è il Panino Pasqualino, un panino imbottito con salame, formaggio, tonno. Il miglior Pasqualino lo fanno da Franco Girolamo Alimentari, un piccolo supermercato nel Rione Aia Piccola. Infine, se la degustazione di vino è sulla tua lista delle cose da fare, ecco ciò che fa al caso tuo: Cantina Albea, con il suo museo, offre degustazione di vini e tour della cantina. Vale proprio la pena fare un giro.


Alberobello

Ostuni

La città Bianca di Ostuni dista meno di un’ora da Alberobello ed è una tappa che non può mancare in un viaggio nel sud della Puglia. Inerpicata sulla cima di una collina che si affaccia sul mare, questa città medievale è un autentico museo a cielo aperto stratificato da secoli di storia. Le case in pietra bianca sono costruite una sull’altra e separate da un incredibile labirinto di piccole e tortuose strade di pietra, gradinate e archi. Il miglior modo per visitare la città è perdercisi. Potresti finire in un vicolo cieco tra muri bianchi e porte verdi o blu, o su un meraviglioso belvedere con vista sul mare azzurro. Proprio in questo punto ho deciso di fare un pisolino al sole quattro anni fa.

Inizia la tua visita in Piazza della Libertà (dove si trova anche l’Ufficio del Turismo) e segui la strada principale piena di negozi di souvenir fino a Piazza Beato Giovanni Paolo II. Compra un souvenir, per esempio un paio di tradizionali sandali di cuoio o dell’olio di oliva locale, ma poi parti all’avventura nelle stradine secondarie per scoprire molti tesori nascosti.

Ad agosto ci sono due eventi imperdibili:

  • La cavalcata di Sant’Oronzo: la festa del santo patrono di Ostuni con tanto di parata sul dorso dei cavalli.
  • La sagra dei Vecchi Tempi: un festival dove protrai assaggiare i sapori della Puglia e trovare moltissimi prodotti locali.


Ostuni

Gallipoli

Arrivati giù, sul fondo del tacco, nell’antica città calcarea di Gallipoli ci vuole un bel tuffo nel mare blu zaffiro e un bicchiere di vino bevuto in riva al mare. Gallipoli è costruita su un’isola dove sono collocate la città vecchia e il mercato del pesce ed è connessa alla terraferma con un ponte. Ancora una volta il modo migliore per scoprire la città vecchia è perdersi nel labirinto di piccole strade che attraversano tutta l’isola. Corte Gallo una strada intrisa di storia, un luogo in cui si avvicendano generazioni di pescatori, mercanti e artigiani con i loro attrezzi del mestiere.

Visita il Mercato del Pesce, il Museo Civico, la Fontana Ellenistica e la Cattedrale barocca di Sant’Agata. Segui le mura antiche e arriva ai bastioni del Castello angioino-aragonese che si affaccia sul mar Ionio.

Nel corso dei secoli Gallipoli è prosperata grazie alla pesca, e oggi il suo bel porto è ancora pieno di piccole barche tipiche del luogo piene di reti colorate. Assaggia il pesce fresco e i crostacei in uno dei ristoranti del porto e prova i ricci di mare, una prelibata pietanza tipica di Gallipoli. Concludi la giornata con un giro sul lungomare al tramonto o con una passeggiata romantica sulla Spiaggia della Purità.


Gallipoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close