Close
8 dei dipinti più celebri di Gauguin

8 dei dipinti più celebri di Gauguin

Scopriamo insieme 8 dei capolavori più celebri di Paul Gauguin e i luoghi dove poter ammirarli.

Paul Gauguin (1848-1903), grande maestro post-impressionista, è uno dei più importanti precursori dell’arte contemporanea. Di origine ispano-peruviana, l’artista ha trascorso gran parte della sua vita in giro per il mondo, cosa che si riflette innegabilmente nel suo lavoro.

Gauguin inizia a dipingere sotto l’influenza del famoso pittore impressionista Camille Pissarro, ma si unisce rapidamente ad altri movimenti, in particolare al Sintetismo alla scuola di Pont-Aven con Emile Bernard. Le sue ultime opere, dipinte durante i due viaggi in Polinesia, dove è sepolto, mostrano il suo interesse per la cultura Maori.

Sebbene la sua storia sia oggi controversa e spesso considerata come un colonialista che si è approfittato delle popolazioni locali, Paul Gauguin, grazie al suo stile primitivo e all’uso di colori intensi, sarà il precursore di grandi movimenti come il Fauvismo e i Nabis.

Abbiamo raggruppato otto dei dipinti più emblematici di Paul Gauguin e i musei dove potete ammirarli.

1. Rue Jouvenet a Rouen, 1884

Tra le prime opere dell’artista ci sono Rue Jouvenet a Rouen. Perso il lavoro in banca, Gauguin decise di lasciare la capitale e di trasferirsi a Rouen, dove viveva Pissarro, il suo mentore dell’epoca. Anche se vi rimase solo per poco tempo dipinse molte tele. Questa è una rappresentazione fedele delle piccole case di questa strada con alcuni personaggi. Si nota la commistione di stile tra impressionismo e sintetismo, soprattutto nelle pennellate, e i contorni accentuati delle forme.

L’opera è ora in mostra al Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid.

2. La visione dopo il sermone, 1888

Dopo un soggiorno a Panama e poi in Martinica, Gauguin fece ritorno nella Francia metropolitana. Entrato nella scuola di Pont-Aven si unisce al sintetismo e prende le distanze dagli impressionisti. Quest’opera del 1888 rappresenta la scena biblica di Giacobbe che lotta contro un angelo sotto lo sguardo delle donne bretoni. Si possono vedere le forme bidimensionali e l’uso di colori brillanti con contorni rigorosi, una tecnica chiamata cloisonnisme. Per ammirare questo dipinto bisognerà recarsi alla National Gallery of Scotland a Edimburgo.

3. Il Cristo giallo, 1889

Ispirato dalla scultura di Cristo nella cappella di Pont-Aven, Gauguin dipinse Le Christ Jaune nel 1889. Quest’opera è considerata l’esempio perfetto del simbolismo. Se confrontiamo il Cristo nella cappella con il Cristo nel dipinto, possiamo vedere che Gauguin ha deliberatamente modificato la sua espressione. Anzi, sembra placato nella preghiera tra i suoi fedeli. È ancora una volta l’uso intenso del colore, principalmente giallo e colori autunnali, che lo contraddistingue. Oggi l’opera è esposta alla Galleria d’Arte Albright-Knox di Buffalo.

4. La Orana Maria, (Ave Maria) 1891

Nel 1891 Gauguin lasciò nuovamente la Francia, si imbarcò per la Polinesia e per poi stabilirsi a Tahiti. Ispirato dalla cultura locale, inizia presto a dipingere e La Orana Maria è una delle sue prime opere. Gauguin rivisita la Vergine con il Bambino secondo un modello tahitiano. Per quanto riguarda la tecnica, la cura nell’espressività del colore e la ricerca della prospettiva sono le caratteristiche prominenti. L’opera è attualmente esposta al MET, Metropolitan Museum of Art di New York.

View this post on Instagram

#Repost from @artezeri with @regram.app … Ia Orana Maria (Hail Mary), 1891, olio su tela, 114×88 cm, New York, @metmuseum Essenza e un profumo celato. Gauiguin li connatura ad ogni atto della vita. Per soddisfare la sua "terribile smania di cose sconosciute" , nel 1891 il pittore francese si reca a Tahiti, nella Polinesia Francese. Questa tela rappresenta il primo atto della sua caccia interiore. Un angelo dalle ali gialle indica due donne tahitiane con dei pareo fioriti che sembrano crescere dalla terra, alimentati da un sensazione di vita che sembra far germogliare anche il paesaggio che da verde smeraldo si trasfigura in violetto. La zona in cui si trovava Gauguin, il distretto di Mataiea, era una zona non completamente cristianizzata. Gauguin ambienta la scena dell'Annunciazione della Vergine a Tahiti. La scena religiosa diviene una celebrazione della maternità. Sembra voler gridare che i veri santi siano loro, siamo noi. Voleva significare che la vera spiritualità, la vera santità non è nei simboli esteriori ma in quei recessi di umanità. In lui gli eventi cruciali della religione cristiana, si contaminano con credenze radicate nell'animismo, con una natura capace di parlare attraverso segnali agli uomini. Qui il pittore crea quello che Mirbeau, intellettuale francese, definì: "un miscuglio inquietante e saporoso di splendore barbaro, di liturgia cattolica, di sogno indù, d’immaginazione gotica, di simbolismo oscuro e sottile". #gauguin

A post shared by Renato Carafa (@il.garage.di_ren) on

5. Manao Tupapau, (Spirito del risveglio dei morti), 1892

Durante il suo primo soggiorno a Tahiti, fino al 1893, Gauguin sposò una ragazza del posto di nome Teha’amana, che prese come modella. L’ha dipinta molte volte, in particolare in quest’opera del 1892, Manao Tupapau. Rappresenta la ragazza nuda sdraiata su un letto con uno sguardo pensante. Sullo sfondo, vediamo una misteriosa presenza vestita di nero che assomiglia a un “tupapau”, lo spirito polinesiano dell’inferno. Per ammirarla basterà andare alla Galleria d’Arte Albright-Knox di Buffalo.

6. Nafea faa ipoipo, (Quando ti sposi?), 1892

Quando arrivò a Tahiti, Gauguin si aspettava di trovare un mondo isolato e innocente, ma dovette affrontare la realtà colonialista che voleva imporre i costumi occidentali alla popolazione locale. Quando ti sposi? raffigura due donne indigene, una vestita in abiti locali e una in abiti occidentali. Il dipinto, alla morte dell’artista, è stato venduto per soli 7 franchi ed è diventato la seconda opera d’arte più costosa al mondo quando è stato acquistato nel 2015 dall’emiro del Qatar per 300 milioni di dollari. Da allora è stata affidata alla Fondazione Beyeler di Basilea, dove oggi può essere ammirata.

7. Arearea, (Giocosità), 1892

Al suo ritorno a Parigi nel 1893, Gauguin organizza una mostra per presentare le numerose opere che dipinge durante il suo soggiorno. Arearea, che significa anche giocosità, è tra le più importanti. Evidenzia il legame tra sogno e realtà. Questo dipinto provocò poco entusiasmo e molte critiche, diversi critici si presero gioco del cane rosso in primo piano. Eppure, Gauguin lo considerava uno dei suoi migliori dipinti. Attualmente è conservato al Museo d’Orsay di Parigi.

8. Chi siamo? Dove andiamo?

Tornato a Tahiti, Gauguin, in rovina, malato ed esausto, inizia a lavorare a quello che considererà il suo più grande lavoro prima di tentare il suicidio. Il titolo dimostra il fermento dell’artista con le tre domande sul significato del ciclo della vita e della morte: Da dove veniamo? Cosa siamo? Dove stiamo andando?

L’opera misura quasi 4 metri di larghezza e deve essere osservata da destra a sinistra. Nello spazio, compaiono prima tre donne con un bambino che simboleggiano l’inizio della vita, poi donne nella loro vita quotidiana e infine una donna anziana che si avvicina alla morte. Quest’opera è conservata al Boston Museum of Fine Arts.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close