Close
5 musei da non perdere a Venezia

5 musei da non perdere a Venezia

Ecco cinque musei bellissimi e imperdibili da visitare nella Serenissima.

Nel preciso istante in cui mettiamo piede fuori dalla Stazione Santa Lucia ci rendiamo conto che Venezia è davvero unica come dicono e, in ogni scorcio, ponte dopo ponte, riconosciamo le vedute dei quadri del Canaletto.
Venezia è un’opera d’arte di per sé, ma di certo non mancano i musei da visitare in città.  Ecco cinque musei bellissimi e imperdibili da visitare nella Serenissima.

1. Palazzo Ducale

Famoso in tutto il mondo, Palazzo Ducale era la residenza del Doge di Venezia; sorge in Piazza San Marco, accanto alla Basilica, e si affaccia sul Canal Grande. Le sue facciate incantano i visitatori con grandi finestre ogivali tipiche del gotico-veneziano e con un monumentale colonnato di marmi intarsiati, mentre le sue stanze nascondono tesori unici da scoprire: la collezione permanente di Palazzo Ducale comprende statue, dipinti e affreschi collocati in varie zone del Palazzo: nel Museo dell’Opera, nell’Appartamento del Doge, nel Cortile e nelle Logge. Palazzo Ducale ospita inoltre mostre temporanee raffinate e interessanti, come quella con la quale verrà celebrato il Porto di Marghera fino al 28 gennaio.

Orari: dal 1 aprile al 31 ottobre 8.30 – 19.00 (ingresso consentito fino alle 18.00),  dal 1 novembre al 31 marzo 8.30 – 17.30 (ingresso consentito fino alle 16.30).

2. Museo Correr

Anch’esso in Piazza San Marco, il Museo Correr è caratterizzato dallo stile neoclassico tipico dell’età Napoleonica e Asburgica, che contrasta con quello di Palazzo Ducale e testimonia il cambiamento nella storia della città. Il Museo Correr è il luogo ideale sia per gli appassionati di arte sia per chi vuole scoprire tutto sulla storia di Venezia. È possibile visitare le Sale Imperiali (nelle quali soggiornava la principessa Sissi), scoprire come si svolgeva la vita a Venezia, ammirare manufatti preziosi e rarissimi, e visitare La Quadreria che ospita i capolavori dell’arte veneziana. La vera chicca di questo museo è però la Collezione Canoviana ospitata nelle Sale Neoclassiche dove sono presenti bozzetti preparatori di sculture celebri come “Amore e Psiche”, gruppi di marmo come “Dedalo e Icaro” e altre magnifiche sculture come  “Venere italica” e “Danzatrici”.

Orari: dal 1 novembre al 31 marzo 10.00 – 17.00, dal 1 aprile al 31 ottobre 10.00 – 19.00.

3. La Casa di Goldoni

Carlo Goldoni, il celebre drammaturgo considerato il padre della commedia moderna, nacque proprio a Venezia e, per la precisione, in un bel palazzo gotico in Campo San Tomà che dal 1953 venne aperto al pubblico e diventò un museo. La Casa di Goldoni è dedicata principalmente all’opera teatrale del drammaturgo veneziano: quadri, soprammobili ed elementi d’arredo originali si mescolano elegantemente con le riproduzioni di alcune delle scene più famose del suo teatro. In queste isole sceniche” sono presenti, tra le altre cose, il tavolo del biribisso de Il Giocatore e un meraviglioso costume di Arlecchino.

Orari: dal 1 novembre al 31 marzo 10:00 – 16:00, dal 1 aprile al 31 ottobre 10:00 – 17:00; chiuso il mercoledì, 25 dicembre, 1 gennaio, 1 maggio.

4. Collezione Peggy Guggenheim

Nel 1948 Peggy Guggenheim, collezionista d’arte e nipote di Solomon R. Guggenheim, si innamorò di Venezia e vi trasferì la sua collezione definitivamente. Oggi la Collezione Peggy Guggenheim è uno dei musei del ‘900 più importanti d’Italia. Nelle sale di Palazzo Venier dei Leoni — sede originale della collezione, oltre che abitazione di Peggy Guggenheim —  si possono ammirare opere di Picasso, Dalì, Braque, Pollock, Duchamp, Mondrian, Klee, Kandinsky, Magritte, de Chirico, e di altri importanti esponenti delle avanguardie del ‘900. Gli spazi all’aperto del museo fanno parte del Giardino delle Sculture Patsy R. e Raymond D. Nasher e ospitano suggestive sculture e installazioni. Il museo inoltre propone sempre retrospettive interessanti e in linea con la collezione permanente, come le mostre appena concluse sul Simbolismo mistico e Picasso.

Orari: 10-18 tutti i giorni; chiuso il martedì e il 25 dicembre

Change is now #peggyguggenheimcollection

A post shared by •laura• (@laura_anaclerio) on

5. Il Museo del Vetro

Murano è una delle pittoresche isole della Laguna dove case e canali sembrano dipinti con gli acquerelli di un talentuoso pittore. Murano è famosa in tutto il mondo, oltre che per la sua bellezza, anche per l’arte dei Maestri Vetrai e per le loro magnifiche creazioni in vetro soffiato e proprio su quest’isola sorge il Museo del Vetro. Il Museo si propone di raccontare la storia del vetro muranese partendo da reperti di epoca romana fino ad arrivare ai giorni nostri, con approfondimenti sulle differenti tecniche e lavorazioni. Inoltre la Collezione Barry Friedman (che fa parte della permanente del museo) raccoglie creazioni e oggetti di vetro che sono entrati nella storia del design del ‘900.

Orari: dal 1 novembre al 31 marzo 10.00 – 17.00; dal 1 aprile al 31 ottobre 10.00 – 18.00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close