Close
L’arte moderna in 14 opere

L’arte moderna in 14 opere

Dalle opere di Van Gogh a quelle di Grant Wood e Frida Kahlo, scopriamo insieme 14 dei più importanti dipinti di arte moderna.

Quella di arte moderna è una categoria molto ricca. Per definizione, comprende tutta l’arte creata dagli anni Sessanta del XIX secolo agli anni Settanta, e questo tratto comprende diversi stili artistici e filosofi, inclusi il Cubismo, il Post-impressionismo, il Surrealismo, e l’Impressionismo, tra gli altri.

Con così tanti incredibili dipinti d’arte moderna, restringere il campo a 15 dei più importanti non è stata un’impresa da poco. Ecco le nostre scelte.

Se non trovate nella lista il vostro preferito, fatecelo sapere nei commenti.

1. Le bonheur de vivre, Matisse, 1906

Considerato uno dei pilastri dell’arte moderna, Gioia di vivere di Matisse causò a suo tempo indignazione per la sua combinazione di colori e distorsioni. Leader del fauvismo, Matisse ha implementato nell’opera la predominanza del colore e delle qualità pittoriche dello stile rispetto alla realtà. Il dipinto raffigura diversi corpi nudi che vivono con spensieratezza la vita.

Dove: Fondazione Barnes in Philadelphia.

View this post on Instagram

The Joy of Life – Henri Mattise 1905-06, Barnes Foundation Philadelphia , USA style: fauvism Bonheur de Vivre or else "The Joy of Life" is recognized as the greatest fauvistic work in history of art. The work is saturated with color in the spirit of fauvism, where the colors served as a transmitter of emotion and not the real colors percieved by the artist. The artwork is a masterpiece that has definitely changed the fate of contemporary painting. Mattise's work particularly influenced the work of Pablo Picasso, who, inspired by the image, created the famous Virgins of Avignon. The radical disortion of the characters scale, viewed from different angels allows the observer to become part of the visual scene of the image. The painting is located in the private collection of Albert C. Barnes, an art collector who bought it from Christian Tetzen-Lund. The work can be seen at the Barnes Foundation in Philadelphia, USA. This is one of the most outstanding collections of contemporary art in which we can also see works of m.i. Edgar Degas, Henri Rousseau, Pierre-Auguste Renoir and Paul Cezanne. The painting was once in the possession of Leo and Gertrude Stein, who very deeply reflected their mark on the development of 20th century art. An interesting fact is that since 1992 there is a total ban on reproduction of the image in color. #arthistory #henrimattise #artist #painting #painter #artgallery #artisticinspiration #inspiration #artistic_nation #artlover #historiasztuki #artoftheday #artistoftheday #artshot #traditionalpainting #modernart #modernism #artprofile #artstudentv #educationchannel #education #culture #cultural #artistlifestyle #instaart #artistsofinstagram #instaartist #artvisual #visualart #masterpiece

A post shared by art history lessons (@arthistory_visual) on

2. Les Demoiselles d’Avignon, Picasso, 1907

Un’altra pietra miliare dell’arte moderna, Les Demoiselles d’Avignon di Picasso è una delle opere più famose dell’artista. Rappresenta cinque prostitute nude in un bordello a Barcellona. Invece di ritrarle come tipicamente femminili e seducenti, Picasso utilizza angoli acuti e forme disarticolate per farle apparire ‘ intimidatorie e primitive. Il dipinto presenta anche influenze dall’Africa e dall’Oceania.

Dove: MoMA in New York.

https://www.instagram.com/p/CBo86t1nimJ/

3. Ninfee, Monet

Claude Monet dipinse ninfee in forma diversa per tutta la sua carriera, creando più di 250 opere con questo tema. L’artista espose la prima serie nel 1900, dopo aver cercato ispirazione nei giardini della sua casa a Giverny. Questi dipinti sono importanti non soltanto per l’opera dell’artista, ma per tutto il movimento impressionista. Oggi si possono trovare le sue ninfee in tutto il mondo, all’Art Institute of Chicago, al MoMA, al Museo d’Arte di Chichu in Giappone, alla National Gallery di Londra e all’Orangerie nei ParigiGiardini delle Tuileries a Parigi (che è stato adattato appositamente per queste opere e aperto al pubblico nel 1927).

4. La persistenza della memoria, Salvador Dalí, 1931

Non solo Persistienza della memoria è una delle opere più significative di Dalí, ma è anche considerata un pilastro del Surrealismo. Gli orologi che sembrano sciogliersi sullo sfondo dell’alba a Port Lligat, un villaggio della Catalogna, sono stati interpretati in molti modi.

Dove: MoMA a New York

5. Notte stellata di Vincent Van Gogh

Un altro gioiello del MoMA è senza dubbio la Notte di Van Gogh che raffigura la vista dalla sua stanza del manicomio di Saint-Rémy-de-Provence, dove soggiornò dal maggio 1889 al maggio 1890. Il dipinto è noto per i suoi meravigliosi vortici caotici che danno vita a un incantevole cielo notturno.

6. Autoritratto con collana di spine, Frida Kahlo, 1940

Questo autoritratto è stato dipinto da Frida Kahlo dopo il divorzio da Diego Rivera. La collana di spine rappresenta il dolore inflittole da Diego, mentre il colibrì morto simboleggia la buona sorte. Il gatto nero, simbolo di sfortuna, cerca di catturare il colibrì. Mentre molte delle sue opere si trovano nel suo museo omonimo a Città del Messico, questo dipinto, uno dei quadri più famosi di Kahlo, si trova all’Harry Ransom Center dell’Università del Texas ad Austin.

7. Ritratto di Adele Bloch-Bauer 1, Gustav Klimt, 1907

Klimt era leggendario per le sue opere surreali e simboliste, e questa, in particolare, è emblematica della sua fase aurea. Questo era uno dei due ritratti commissionati dal marito della protagonista del dipinto, un banchiere ceco, e magnate dello zucchero. I nazisti rubarono questo dipinto e l’opera divenne poi il fulcro di quasi dieci anni di battaglie legali portate avanti dalla nipote della protagonista, Maria Altmann. Alla fine vinse, sia questo quadro che altre quattro opere di Klimt,

Dove: Neue Galerie di New York.

8. American Gothic, Grant Wood, 1930

Uno dei quadri più iconici di tutti i tempi, citato (anche a fini politici) in moltissime opere audiovisive, dai Simpson, a Desperate Housewives. L’immagine ritrae una coppia in piedi davanti alla Dibble House, una casa in Iowa progettata in stile gotico nordamericano Carpenter. L’artista chiese a sua sorella e al suo dentista di posare e di come il tipo di persone “a cui “piaceva vivere lì”.

Dove: in mostra all’Art Institute of Chicago.

9. I nottabuli , Edward Hopper, 1942

L’Art Institute di Chicago ospita una collezione di dipinti d’arte moderna, e I nottambuli di Edward Hopper è uno dei più esemplari. La scena rappresenta una tavola calda deserta in una strada di città ancora più deserta, illuminata dalla luce che entra dalle finestre del locale. Hopper risiedeva nel Greenwich Village, e si ritiene che il suo quartiere abbia ispirato il dipinto, ma nessuno è mai stato in grado il luogo esatto.

Dove: Art Institute of Chicago.

https://www.instagram.com/p/CB23pT4JgNC/

10. Una domenica pomeriggio sull’isola della Grande-Jatte, Georges Seurat 1884-1886

Una domenica pomeriggio di George Seurat sull’isola di La Grande Jatte è uno dei dipinti più iconici della storia e appartiene al Post-impressionismo. Per ritrarre i parigini che si godono una domenica pomeriggio in un parco lungo una delle rive della Senna è stata utilizzata la tecnica del puntinismo. Questa dipinto ha ispirato l’acclamato musical di Stephen Sondheim, Domenica nel parco con George.

11.L’Urlo, Edvard Munch, 1893

Un altro quadro famosissimo (e per alcuni, il più inquietante). La serie di Edvard Munch L’urlo è composta da due dipinti che si trovano entrambi in Oslo. Uno è al museo dedicato proprio all’artista norvegese e l’altro alla National Gallery.

12. Io e il Villaggio , Marc Chagall, 1911

Questo stravagante dipinto dell’artista bielorusso-francese è un “autoritratto narrativo” della sua infanzia. Le immagini sovrapposte del folklore, della religione, dei paesaggi russi e del suo passato sono delineate dal colore e dalla forma, e si intrecciano in un risultato unico e convincente.

Dove: MoMa, New York

13. I giocatori di carte, Paul Cezanne, 1890 – 1895

Questa serie raffigura contadini provenzali che fumano la pipa mentre giocano a carte. Questi cinque dipinti sono considerati fondamentali per la sua carriera, pur essendo stati completati negli ultimi anni di attività.

Dove: Fondazione Barnes di Philadelphia, Museo D’Orsay di Parigi, MoMA, Courtauld Institute of Art di Londra e una collezione privata della famiglia reale del Qatar.

https://www.instagram.com/p/7yJMlgyX3O/

14.Le Déjeuner sur l’herbe (Il pranzo sull’erba) , Édouard Manet, 1863

Uno dei dipinti più emblematici del movimento Impressionista. Vediamo una donna nuda che pranza con due uomini mentre un’altra donna seminuda sembra lavarsi nel ruscello dietro di loro. Il dipinto suscitò polemiche quando Manet lo espose al Salon des Refusés del 1863.

Dove: Museo d’Orsay di Parigi, ma anche Courtauld Institute of Art di Londra, che ospita una piccola versione precedente dell’opera.

View this post on Instagram

#manet #édouardmanet #ledejeunersurlherbe #lacolazionesullerba #france #francia #paris #parigi #arte #pittura #dipinti #quadri #impresssionismo #espressionismo #monet #degas #renoir #picasso #utrillo #picabia #zola #enpleinair #modigliani #montmartre #montparnasse #napoleoneIII #nudo #mostre LE PETITE DÉJEUNER SUR L'HERBE ============================ Colazione sull'erba (Le petite déjeuner sur l'herbe) è un dipinto del pittore francese Édouard Manet, realizzato nel 1863 e conservato al museo d'Orsay di Parigi. Enorme fu la scandalo che questo quadro suscitò, enorme e prezioso per capire come la censura operi. Guardate il dipinto: cosa vi è di così scandaloso? Una donna nuda? È forse la prima volta che in un'opera vediamo una donna nuda? No di certo, il nudo nell'arte era da sempre accettato, studiato. Dove sta quindi lo scandalo? Nel contesto. La donna non è una ninfa, non è un personaggio mitologico o letterario, Manet non si avvale di tale pretesto. Gli stessi due uomini che sono con lei non sono camuffati con paludamenti storici. Manet semplicemente rappresenta la realtà, la realtà di quei tempi, Manet dipinge una scena che nella Parigi d'allora sì, si poteva vedere. Qui sta lo scandalo, la colpa che i benpensanti non perdonano a Manet. Come se non bastasse, pure la fattura stessa del dipinto viene giudicata inaccettabile, si accusa Manet di non aver saputo usare né il chiaroscuro né la prospettiva geometrica. E Napoleone III? Si reca personalmente a vedere il dipinto, lo giudica un intollerabile attacco alla morale borghese. Interessantissimo quindi questo quadro, al di là delle valutazioni artistiche, per capire la mentalità dei censori, mentalità che è uguale in ogni epoca. La censura ti permette molto, devi però sempre ammantare la tua opera d'ipocrisia, collocandola in un periodo passato, inserendola in contesti già da tempo accettati. Se tu invece parli della realtà, dei tuoi giorni, della tua epoca, qui cominciano i guai.

A post shared by MarcoNebbia (@marconebbia56) on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close