Close
Il giro del mondo in 15 bevande calde e corroboranti

Il giro del mondo in 15 bevande calde e corroboranti

Musement ti accompagna in un giro del mondo alla scoperta delle migliori bevande calde per riscaldarti quest’inverno.

1. Tè alla menta, Marocco

È impossibile andare a Marrakech, Fez o in qualsiasi altro posto del Marocco senza essere tentati almeno una volta dall’inebriante profumo del tè alla menta marocchino. Questa infusione di tè, foglie di menta e zucchero viene consumata quotidianamente dai marocchini e offerta in segno di ospitalità.

2. Yerba Mate, Argentina

Bevanda nazionale e vero motore dei legami sociali in Argentina, il mate viene consumato in qualsiasi momento della giornata. Ottimo per combattere la stanchezza, stimolare la digestione e pieno di proprietà antiossidanti, ti aiuterà ad affrontare l’inverno.

3. Pumpkin spice latte, Stati Uniti

Negli Stati Uniti l’autunno ha un sapore, quello del caffelatte speziato alla zucca. Come suggerisce il nome, è un caffè con latte al quale vengono aggiunti lo sciroppo di zucca e una miscela di spezie. Ideale per trascorrere la domenica stando raggomitolati al calduccio quando fuori fa freddo.

4. Masala Chai, India

Il Masala Chai è una bevanda a base di tè nero (“chai” significa letteralmente “tè”) che ha la particolarità di contenere più latte che acqua. A questo vengono aggiunte delle spezie (una miscela “masala”) e dello zucchero, un sacco di zucchero! Un vero e proprio stimolante per le tue papille gustative!

View this post on Instagram

As the weather continues to get colder, we love warming up with a steaming cup of traditional Indian masala chai. ‘Masala chai’ means ‘spiced tea’ – so when we refer to it in the West as ‘chai tea’ – we’re actually saying ‘tea tea’. It’s the masala – aka the spices – that really make this popular drink so special. When @anjum_anand makes masala chai, she uses a blend of fresh ginger, green cardamom, cloves, black pepper and sometimes cinnamon – but each person has their own recipe and it can be so much fun playing around with spices and creating your own flavour mix. . The History of Masala Chai: In India, masala chai was originally used as a cleansing Ayurvedic beverage. Over the years, Indian masala chai has developed immensely. Traditional masala chai was a hot beverage brewed using various spices. As the British started growing tea in India in the mid 1800s, black tea was eventually introduced into the masala chai mix. However, it wasn’t until the 1960s when tea production methods became more mechanised – and, therefore, it became cheaper to buy – that black tea started to become a staple ingredient of Indian masala chai. Today, this spiced milky drink is enjoyed in many variations all over the world. Some even substitute black tea for green tea or rooibos. . #tea #spice #masala #masalachai #chai #chaitea #hotdrinks #wintertime #hygge #cosy #modernindian #winterdrinks #winterrecipes #tealovers #cinnamon #cloves

A post shared by The Spice Tailor UK (@thespicetailor) on

5. Anijsmelk, Paesi Bassi

Se avessi deciso di visitare Amsterdam quest’inverno, non c’è niente di meglio di una tazza di Anijsmelk (latte caldo all’anice) per riscaldarti dopo ore trascorse a visitare la città e ammirare i canali illuminati per il Festival delle Luci.

6. Matcha, Giappone

Il matcha non ha più bisogno di presentazioni. Questo tè verde in polvere, consumato ancora oggi secondo le regole tradizionali in Giappone e seguendo un rituale profondamente codificato, ha la particolarità di non essere bevuto infuso nell’acqua ma pestato con una frusta di bambù.

7. Cioccolata con churros, Spagna

Se i benefici della cioccolata calda sono meno comprovati di quelli del matcha, non possiamo toglierle una virtù: quella del rilascio di endorfine. Inzuppa qualche churro ancora caldo e il gioco è fatto. Per essere sicuri di trascorrere una giornata di buonumore nonostante il grigiore e il freddo, scegli questa colazione in stile spagnolo.

8. Api morado, Bolivia

Molto meno noto delle bevande appena citate, l’Api morado è LA bevanda tradizionale della Bolivia. Fatta con la farina di mais viola e un mix di spezie, solitamente accompagnata da dolci tipo bignè, ti aiuterà a sopportare il freddo dell’inverno.

9. Po cha, Tibet

Il Po cha o tè al burro salato tibetano è la bevanda nazionale del Tibet. Il nome non è molto accattivante… immaginiamo che nemmeno la bevanda debba esserlo veramente, tuttavia è ideale per combattere il freddo e il mal di montagna ma anche contro le screpolature. J.K. Rowling non si sarà per caso ispirata a questa bevanda per creare la famosa burrobirra di Harry Potter?

https://www.instagram.com/p/BpgiOw1luk5/

10. Champurrado, Messico

In inverno, in Messico, spesso si comincia la giornata con una buona ciotola di atole, una bevanda dolce a base di latte e acqua, addensata con farina di mais a cui si aggiunge spesso la cannella. Se aggiungi del cioccolato, diventa champurrado. Come in Spagna, il champurrado può essere degustato al mattino accompagnato da churros caldi.

11. Glühwein, Germania

Ecco il re dei mercatini di Natale: il vin brulé! Chiamato Glühwein in tedesco, il vin brulé è un must nei tipici mercatini di Natale in Germania, Austria, Alsazia e Francia. È molto simile al Glögg svedese, che oltre al vino contiene acquavite, vodka, brandy o cognac.

12. Bombardino, Italia

Se in Francia e in Svizzera la raclette e la fonduta sono gli elementi fondamentali della settimana bianca, gli italiani non possono fare a meno del re dei cocktail di montagna: il bombardino! Zabaione caldo, crema chantilly, caffè e brandy: una bomba di calorie e alcol.

View this post on Instagram

Chill time! 😋☕❄☉

A post shared by Paulina Domańska 💫 (@doomanska) on

13. Bicerin, Torino

Ancora in Italia, molto più soft e senza alcol, ma altrettanto confortante, il bicerin ti sedurrà durante le fredde giornate invernali. Questa dolcezza, che ha più l’aria di essere una vera e propria golosità che una bevanda, è preparata con caffè, cioccolato e panna montata.

14. Eggnog, Stati Uniti

Simile al bombardino, ma molto meno alcolico, l’eggnog troverebbe le sue origini in Europa nel Medioevo. Preparato con tuorli d’uovo, latte, panna, zucchero, spezie e liquori, è apprezzato durante l’inverno per combattere la stanchezza.

15. Grog, Gran Bretagna

Questa bevanda a base di miele, limone, acqua calda e rum ti aiuterà sicuramente a combattere il raffreddore o la tosse tipici della stagione invernale. Tuttavia, se il grog può essere utile per combattere i mali dell’inverno, soprattutto grazie al calore della bevanda che ti placherà, così come il miele e il limone, ricchi di proprietà antisettiche e vitamina C, l’abuso di alcol indebolisce le difese immunitarie ed è incompatibile con i farmaci! Niente però ti impedisce di preparare un grog senza alcol.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close