Close
Il MoMA di New York

Il MoMA di New York

Il 21 ottobre 2019 il MoMA, uno dei simboli dell’arte moderna e di New York City, ha riaperto i battenti in seguito a lavori di ristrutturazione costati 400 milioni di dollari.

Il MoMA, che ospita tesori come Notte stellata di Van Gogh, Les Demoiselles d’Avignon di Picasso e la Danza di Matisse e opere di alcuni dei nomi più importanti dell’arte moderna come Mondrian, Rothko e Warhol, e molte altre perle da scoprire.

Questa importante istituzione newyorkese ha aperto nel 1929, e la sua collezione di 200.000 opere attira tutto l’anno sia gli appassionati d’arte che viaggiatori da tutto il mondo. Chiunque però abbia visitato New York la scorsa estate con la speranza di fermarsi al MoMA, ha avuto una brutta sorpresa: per il suo 90° anniversario, il museo ha chiuso per una ristrutturazione da 400 milioni di dollari, riaprendo il 21 ottobre con un nuovo look e con 40.000 metri quadrati in più di spazio espositivo.

Moma rennovation 1
View of The Marlene Hess and James D. Zirin Lounge. Photo by Iwan Baan

Nel nuovo MoMA è presente uno studio su due livelli nel cuore del museo che ha una programmazione di performance live sull’arte moderna che la cultura odierna, e funge da residenza per artisti affermati ed emergenti.

Un laboratorio creativo al secondo piano consente ai visitatori di entrare in uno spazio sperimentale e immersivo per creare arte, unirsi a dibattiti facilitati e partecipare a una serie di programmi progettati per avvicinare le persone all’arte. Questo spazio accogliente offre ogni giorno esperienze educative innovative e accessibili nelle gallerie e nelle aule del Museo, in collaborazione con le organizzazioni partner.

Nuove gallerie a livello strada offrono l’ingresso gratuito per il pubblico, portando l’arte ancora più vicino alle strade della città e a Midtown. I passanti possono semplicemente fare un salto per dare un’occhiata.

MoMA Rennovation 2
View of the restored Bauhaus staircase, with Oskar Schlemmer’s Bauhaus Stairway (1932). Photo by Iwan Baan

Il primo direttore del MoMA, Alfred Barr, aveva immaginato il museo come un luogo sperimentale, ma l’importanza della collazione, cresciuta sempre di più durante gli anni, ha avvicinato il MoMA a un concetto tradizionale di museo; grazie a questa nuova veste, il MoMA torna alla sua filosofia originaria.

Le gallerie del quinto, quarto e secondo piano – compresa la nuova galleria David Geffen Wing grande più di 30.000 metri quadrati – offrono ora una nuova e più profonda esperienza artistica di cui l’arte esposta è il fulcro. Le mostre inaugurali curate curate dalla collezione del Museo e sono:

Sur moderno: Journeys of Abstraction si espolora in profondità l’arte latinoamericana contemporanea del museo attraverso dipinti, sculture e opere su carta donate dalla Colección Patricia Phelps de Cisneros. In mostra fino a marzo 2020.

membro: Pope.L, 1978-2001 offre uno sguardo sul lavoro dell’artista multidisciplinare Pope.L, presentando performance di riferimento e relativi video, oggetti e installazioni. In mostra fino a gennaio 2020.

Betye Saar: The Legends of Black Girls Window esamina il rapporto tra Black Girl’s Window (1969), l’iconica scultura autobiografica dell’artista, e le sue rare, prime stampe degli anni Sessanta. In mostra fino a gennaio 2020.

Studio Museum al MoMA, The Elaine Dannheisser Project Series gestito come parte della nuova partnership pluriennale del MoMA con il MoMA PS1 e lo Studio Museum di Harlem. Thelma Golden, direttore e curatore capo di quest’ultimo, sovrintenderà a questa mostra, la cui prima installazione includerà Michael Armitage. L’installazione si trova nelle gallerie libere al piano terra.

Il nuovo MoMA è aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 17:30 con orario prolungato dal primo giovedì del mese fino alle 21:00.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close