Close
12 buoni motivi per visitare il Molise

12 buoni motivi per visitare il Molise

La regione ordinaria più piccola d’Italia ha molto da offrire, leggi l’articolo per scoprire qualche spunto per visitare il Molise.

Il Molise è la regione ordinaria più piccola d’Italia. È anche poco popolata, subito dopo la Valle d’Aosta per densità di popolazione residente. Anche per questo, la zona non è particolarmente interessata dal turismo di massa.

Ma in realtà la regione è una gemma nascosta, piena di posti sorprendenti da visitare, incastonata tra mare e montagne e con un patrimonio paesaggistico, storico e artistico-culturale che non ha nulla da invidiare al resto d’Italia. La regione non è ben collegata al resto d’Italia, né sono particolarmente agevoli gli spostamenti interni. È quindi consigliabile visitare il Molise in auto, per non perdersi neanche una chicca.

Se ancora non hai deciso se visitare il Molise durante la tua prossima vacanza, ecco 12 buoni motivi per farlo.

1. Visitare il borgo antico di Termoli e il suo Castello Svevo

Termoli ha saputo resistere allo scorrere degli anni. Ha infatti mantenuto due anime distinte: il borgo antico e la città nuova. La città nuova si caratterizza per la vivacità delle strade e dei tipici mercati molisani. Il borgo antico è invece il profilo storico della città, arroccato su un promontorio e con una veduta suggestiva sul mare Adriatico.

A caratterizzare il profilo del borgo antico è il Castello Svevo, secondo una nostra ricerca una delle attrazioni turistiche più amate d’Italia. Il castello è datato XIII secolo ed è composto da un corpo centrale e da una torre superiore. Dall’aspetto particolare, viene spesso usato durante le festività per mettere in scena spettacoli di luci.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da paolotrl (@paolotrl)

2. Percorrere una delle vie più strette d’Italia

Tappa obbligatoria quando ci si trova a Termoli è la via a Rejecelle, letteralmente “stradina”, considerata da alcuni il vicolo più stretto d’Italia. In realtà non ci sono notizie certe sull’effettivo primato di Rejecelle, ma con i suoi 41 cm è senza dubbio una delle strade più strette del nostro paese.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da 𝓐𝓵𝓲𝓬𝓮 (@aliceiacovino)

3. Fare vita da spiaggia

Ma com’è il mare in Molise? Cristallino! Una vacanza in Molise vuol dire anche avere la possibilità di immergersi nel bel mare del Sud Italia, stando il più possibile lontani dalle folle.

Tra le spiagge più note della regione troviamo quelle di Campomarino, caratterizzate da un grande litorale di sabbia dorata dove, fra le dune, è possibile scorgere qualche airone indisturbato. Oppure la spiaggia di Petacciato Marina, dal fascino selvaggio e separata dalla strada dalla pineta.

4. Ma anche vita da montagna

E se è vero che dopo un po’ il mare stanca, in Molise si può decidere di dare una svolta alla vacanza e rilassarsi in montagna. Fra le mete montane più rinomate troviamo Campitello Matese, non soltanto una delle mete sciistiche del meridione più popolari ma anche una zona attrezzata per l’estate.

Il paese è un punto strategico per camminate ed escursioni nella natura incontaminata. Con la seggiovia si sale sul Monte Miletto, a più di 2.000 m.s.l.m., da cui si può godere di una vista mozzafiato.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Vincenzo Melino (@vincenzomelino)

5. Visitare una Riserva della biosfera patrimonio Unesco

Uno dei posti da visitare in Molise, soprattutto se sei un amante della natura, è la Riserva MAB di Collemeluccio-Montedimezzo Alto-Molise. Riconosciuta Riserva della biosfera Unesco nel 2014, si trova in provincia di Isernia, nell’entroterra molisano. Molti sono i percorsi naturalistici che si possono fare nelle bellissime foreste. Una delle più panoramiche è l’anello di Collemeluccio.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Click for Molise (@clickfor_molise)

6. Camminare sospesi nel vuoto

Sempre in provincia di Isernia si trova una chicca nascosta: il ponte tibetano di Roccamandolfi.
Roccamandolfi è un piccolo e grazioso borgo immerso nel verde. Da qui il sentiero conduce attraverso boschi e ruscelli fino ad arrivare allo scenografico ponte sospeso nel vuoto. Il ponte è lungo 234 metri e raggiunge un’altezza massima di 140 metri. Nelle vicinanze si trovano le rovine del castello Longobardo-Normanno.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Discover Molise | Italy (@discover_molise)

7. Bere del buon vino

I prodotti tipici del Molise sono tanti e tutti ugualmente deliziosi. Ma la patria dei fusilli non è soltanto un hot-spot gastronomico, è infatti produttore di 4 vini DOC, uno dei quali, la Tintilia, non si produce in nessun’altra regione d’Italia. Prodotto da vitigni a bacca nera, la denominazione è abbastanza giovane, risale infatti al 2011. Eppure, questa varietà ha origini molto antiche. Dal colore rosso intenso, questo vino ha un sapore corposo e un profumo fruttato. Perfetto da abbinare a zuppe saporite, carni rosse e formaggi stagionati.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Wine from Italy (@italian_wine_)

8. Fare un tuffo ai Caraibi

Sapevi che esiste un lago dalle acque così blu da essere conosciuto come i Caraibi del Molise? È il Lago di Castel San Vincenzo, in provincia di Isernia, immerso nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Un posto da visitare in Molise se si è in cerca di pace e non si ha paura di fare strade un po’ impegnative. A ricordare i Caraibi ci pensa la natura incontaminata, le montagne che si specchiano sul lago e un’acqua incredibilmente blu. Il lago è balneabile ed è possibile pernottare in campeggio.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Descubra Molise (@descubramolise)

9. Seguire le orme degli antichi romani

Se la regione è ricca di bellezze naturali da scoprire, i posti da visitare in Molise ricchi di storia non sono certo da meno! In provincia di Campobasso si trova l’Area Archeologica di Altilia-Saepinum. Sepino era un’antica città romana, oggi località Altilia, che conobbe un momento di particolare splendore durante l’età augustea.

Oggi, l’area archeologica si estende su circa 12 ettari ed è visitabile gratuitamente.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ANCIENT HISTORY (@ancient.scientist)

10. Andare a caccia di graffiti di Blu

Il famoso street artist bolognese è stato ospite di Draw the line, festival internazionale dedicato alla Street Art di Campobasso, nel 2011. Ecco perché in città, negli angoli più nascosti e grigi, è possibile imbattersi nelle sue opere provocatorie.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da DRAW THE LINE (@drawthelinefestival)

11. Scoprire ponti sommersi

Guardialfiera è un borgo pittoresco dell’entroterra molisano. Incastonato tra il lago omonimo e le montagne, è conosciuto per una peculiarità: un antico ponte sommerso. Il Lago di Guardialfiera è di origine artificiale, ha quindi indotto l’allagamento di zone che prima erano completamente asciutte. Il Ponte di Annibale, così chiamato per il presunto passaggio del condottiero mentre si stava recando in Puglia, è stato vittima degli allagamenti. Ma, se si è fortunati, torna ad emergere dalle acque, con grande sorpresa di chi guarda.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Guardialfiera 🌇 (@ilmegliodiguardialfiera)

12. Partecipare a una processione molto scenografica

Visitare il Molise vuol dire anche scoprire tradizioni antichissime. Tra le più note c’è la Sagra dei Misteri, una processione che sfila per le strade di Campobasso nel mese di giugno. Ad essere portati in processioni non sono soltanto i santi, ma anche angeli e diavoli. Dal 1748 la sfilata avviene ogni anno, il giorno di Corpus Domini, con caratteristiche immutate. Ad interpretare i personaggi sono persone reali, che vengono ancorate ad alte strutture e portate in processione, come se fossero delle statue!

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mauro Sangregorio (@maurinhosangri)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close