Close
Renzo Piano in 8 opere

Renzo Piano in 8 opere

Scopri alcune delle opere più famose di Renzo Piano, innovativo architetto contemporaneo.

Il nome di Renzo Piano è ormai famoso in tutto il mondo. Grazie alla sua architettura innovativa e visionaria, l’architetto genovese ha vinto numerosi premi, tra cui la medaglia d’oro AIA nel 2008. Sensibile alle tematiche della sostenibilità ambientale, della riqualificazione dei quartieri e dell’accessibilità, Piano ha realizzato le sue strutture nelle capitali di tutto il mondo, da Milano a Parigi, da Londra a Los Angeles.

Non soltanto estetica, l’architettura secondo Piano deve essere messa al servizio delle persone. La sua grande utopia è migliorare la vita dei quartieri e delle città, progettare luoghi che diventino punti d’incontro e socialità.

Ma per scoprire tutto ciò che c’è da sapere su questo artista contemporaneo, abbiamo provato a descrivere l’architettura di Renzo Piano in 8 opere emblematiche:

1. Centro Georges Pompidou, Parigi

Probabilmente una delle opere di Renzo Piano più famose, il Centro Georges Pompidou di Parigi è anche la struttura che ne ha consacrato la fama internazionale. Anche conosciuto come il Beaubourg, questo museo di arte contemporanea è stato istituito nel 1977. Al progetto lavorarono anche gli architetti Rogers e Franchini.

Il Pompidou, dalla posizione centralissima, viene spesso considerato uno degli esempi più riusciti di architettura high-tech, caratterizzata dalla flessibilità strutturale degli edifici e dalla trasparenza della costruzione. Infatti, la caratteristica predominante del Centro sono i tubi a vista dell’esterno, di diversi colori a seconda della loro funzione strutturale. A guardarlo sembra tutto meno che un museo, così Piano prova a ribellarsi al confinamento dell’arte nelle istituzioni.

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da Centre Pompidou (@centrepompidou)

2. Fondazione Beyeler, Riehen

Questo museo di arte moderna e contemporanea è stato inaugurato nel 1982 e si trova nel Cantone di Basilea Città, in Svizzera. La collezione privata conta più di 250 opere di artisti come Van Gogh, Klee, Matisse e Chagall. L’edificio è immerso nel verde ed è stato costruito all’insegna dell’accessibilità: in una zona facilmente raggiungibile e su un solo piano.

Le vetrate sono ampie e permettono da una parte di dialogare con l’ambiente circostante e dall’altra di sfruttare al massimo la luce naturale. Marchio di fabbrica di Piano il sistema di alette mobili sul tetto.

3. NEMO, Amsterdam

Questo museo della scienza interattivo è una delle principali attrazioni di Amsterdam. L’edificio, a forma di nave, è stato progettato da Renzo Piano e inaugurato nel 1997, sebbene il museo abbia origini precedenti. La struttura è rivestita in rame ossidato e somiglia ad una nave ormeggiata nel porto di Amsterdam. Il NEMO ha una pendenza costante e ascendente, in modo tale che, dall’interno, si possa agevolmente salire fino alla bellissima terrazza panoramica.

4. Porto Antico, Genova

Non si può parlare di Renzo Piano e delle sue opere senza citare il Porto Antico di Genova. Qui il progetto dell’architetto va ben oltre il singolo edificio e si sviluppa su uno spazio pubblico più ampio e articolato. La zona, ad oggi centro turistico della città, è stata completamente ripensata da Piano nel 1992. Tra le strutture più famose ci sono l’Acquario di Genova e la Biosfera del 2001, anche conosciuta come la “Bolla di Renzo Piano”.

5. Auditorium Parco della Musica, Roma

Questo grande progetto di riqualificazione urbana, progettata da Renzo Piano e dal Renzo Piano Building Workshop, ha una storia travagliata. I lavori iniziano nel 1995 ma l’auditorium opera a pieno regime soltanto nel 2003. L’auditorium di Roma è stato concepito come una vera e propria Città della Musica: tre sale da concerto, un anfiteatro all’aperto e diverse sale per le prove e la registrazione.

Nascono qui anche bar e ristoranti, la gente inizia a ritrovarsi nella Cavea, concepita sia come sala all’aperto che come piazza, e l’Accademia Musicale di Santa Cecilia trova una nuova dimensione.

6. The Shard, Londra

Una delle grandi opere di Renzo Piano, The Shard (La Scheggia) è stata inaugurata nel 2012. Questa futuristica struttura è alta ca. 309 metri ed è l’edificio più alto di Londra. A commissionare l’opera fu l’imprenditore Irvine Sellar che contattò il famoso architetto per realizzare un grattacielo al posto delle Southwork Towers degli anni Settanta. Fu allora che Piano rivelò la sua ostilità verso i grattacieli, che considerava simboli aggressivi nel paesaggio urbano. Così, ripensò completamente la struttura, progettandola come un’altissima vela che appare dal Tamigi.

Il risultato è un edificio estremamente moderno ed elegante, caratterizzato da luminosità e trasparenza. All’interno è pensato come una città verticale, con numerosi accessi, bar, ristoranti e anche una folta vegetazione.

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da @TheShardLondon (@theshardlondon)

7. Centro culturale Stavros Niarchos, Atene

Aperto nel 2016, questo grande centro culturale comprende la nuova sede per la Biblioteca Nazionale Greca e per l’Opera Nazionale Greca, insieme al Parco Stavros Niarchos di 210.000 m². Piano ha concepito questa struttura come una faglia terrestre che emerge dal terreno. Per realizzarla sono state messe in atto tecniche all’avanguardia di ingegneria e architettura.

La caratteristica di spicco dell’edificio è la tettoia che sovrasta la sede dell’Opera, sorretta da sottili colonne d’acciaio, a detta di Piano a rappresentare una nuvola sul punto più alto della collina. Grazie a pannelli solari, rivestimenti in materiale organico e flora locale e un design studiato per resistere al meglio durante le intemperie, il Centro Culturale Stavros Niarchos è uno degli edifici più all’avanguardia d’Europa.

8. Academy Museum of Motion Pictures, Los Angeles

Tra le grandi opere di Renzo Piano, l’Academy Museum of Motion Pictures è la più recente. Inaugurata nel settembre 2021, questa istituzione di Los Angeles è il più grande museo dedicato all’industria cinematografica degli Stati Uniti d’America. Per la realizzazione di questo enorme edificio, Piano ha lavorato insieme all’architetto Kulapat Yantrasast.

L’ex edificio industriale della May Company, usato come corpo principale, è stato completamente ristrutturato con pietra calcarea e piastrelle in foglie d’oro. Come estensione dell’edificio principale è stata costruita una struttura sferica. Nel punto più alto di questa nuova sfera di Piano si trova una bellissima terrazza panoramica, con una cupola in vetro e un auditorium da 1000 posti.

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da Academy Museum (@academymuseum)


L’architettura ti appassiona? Leggi anche il nostro articolo sugli edifici brutalisti più famosi d’Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close