Close
Cosa vedere a Palermo: 15 luoghi per esplorare la città

Cosa vedere a Palermo: 15 luoghi per esplorare la città

Da Palazzo dei Normanni al Santuario della Santuzza, scopri cosa vedere a Palermo attraverso 15 luoghi imperdibili.

Ah Palermo. Che tu stia programmando un viaggio lungo o pensi di rimanere in città solo poche ore, lo stupore è comunque assicurato. C’è la Palermo arabo-normanna, che nel 2015 è stata proclamata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. C’è la Palermo barocca, con fontane scenografiche e chiese elaborate. C’è il mare, il buon cibo e se ti arrampichi sul monte Pellegrino anche una riserva naturale.

Ma se ti vuoi assicurare di non perderti nulla, qui ti proponiamo 15 luoghi imperdibili da visitare a Palermo.

1. La Cattedrale di Palermo

Dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 2015, questa maestosa cattedrale è un ottimo esempio dello stile arabo-normanno che caratterizza la città. La chiesa, dedicata alla Santa Vergine Maria Assunta, viene ufficialmente consacrata nel 1185 ma ha subito durante il corso degli anni numerose trasformazioni.

L’esterno è maestoso e ti lascerà senza fiato, ma è all’interno che la visita diventa ancora più sorprendente. Oltre alla possibilità di visitare la cripta e le tombe reali, l’edificio ospita anche il così detto “tesoro della cattedrale”, una vasta collezione di gioielli reali del XII secolo.

2. Palazzo dei Normanni

Di Palazzo dei Normanni ne abbiamo già parlato, lo abbiamo infatti inclusi nella nostra lista dei palazzi reali spettacolari da visitare in Italia. Rientra senza dubbio anche nella lista di cosa vedere a Palermo, rappresentando forse il monumento più famoso della bella città.

Grazie al suo stile unico e stratificato nel corso degli anni, caratterizzato da elementi di culture e religioni diverse, questo palazzo in Piazza dell’Indipendenza è davvero sorprendente. All’interno è possibile visitare i cortili, la meravigliosa Sala di Re Ruggero e ammirare i mosaici decorativi. Fiore all’occhiello è la sfarzosa Cappella Palatina.

3. San Giovanni degli Eremiti

A poca distanza da Palazzo dei Normanni, in Via dei Benedettini, si erge una chiesa dall’aspetto insolito e sorprendente. San Giovanni degli Eremiti si caratterizza per le sue cupole rosse. Completata nel 1136, l’edificio rientra nel circuito della Palermo arabo-normanna. Vale la pena visitare l’interno anche per ammirare il chiostro benedettino e il giardino ottocentesco.

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da si.gira.mondo (@si.gira.mondo)

4. Il barocco di Palermo

L’itinerario del barocco palermitano include alcune delle attrazioni più famose della città. I famosi Quattro Canti, all’incrocio tra Via Vittorio Emanuele e Via Maqueda, costituiti da quattro edifici barocchi perfettamente simmetrici; la fontana di Piazza Pretoria, anche detta “Fontana della Vergogna” per la nudità delle statue che la compongono, spesso considerata una delle fontane più belle e scenografiche d’Italia.

Valgono una visita anche le Cappelle Rococò di Santa Caterina e le sei chiese barocche: Chiesa del Santissimo Salvatore, Chiesa di Santa Maria di Monte Oliveto, Chiesa della Concezione, Chiesa di San Gioacchino, Chiesa di San Domenico, Chiesa di Santa Maria di Valverde. Per scoprire tutti i segreti e la storia di questi meravigliosi monumenti cittadini, il consiglio è di prendere parte a un tour guidato.

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da Andrea Fiorillo (@caravaggio79)

5. Chiesa della Martorana

Sapevi che la Martorana non è soltanto un delizioso dolce di mandorle? Nel centro storico di Palermo si trova la Chiesa della Martorana, dedicata a Santa Maria dell’Ammiraglio. Con un mix di stili caratteristico, la chiesa ospita il più antico ciclo di mosaici di tutta la Sicilia. Questa chiesa appartiene alla circoscrizione di Piana degli Albanesi, rappresentando un luogo di culto cristiano-ortodosso.

6. Catacombe dei Cappuccini

Nella lista di cosa vedere a Palermo rientra anche una visita sui generis e non adatta a chi è impressionabile: la visita alle Catacombe dei Cappuccini. Con lo slogan “il luogo dove i vivi incontrano i morti”, questo antico cimitero del Convento dei Cappuccini di Palermo ospita circa 8.000 mummie splendidamente conservate. Inizialmente dedicato ai soli frati del convento, nel corso degli anni sono stati molti i membri di famiglie nobili che hanno trovato sepoltura in questo luogo particolare.

7. Il Teatro Massimo Vittorio Emanuele

Il Teatro Massimo di Palermo è il più grande teatro lirico di tutta Italia. Con all’attivo una vasta programmazione di balletti, opere e concerti, è possibile visitarlo unendosi a una visita guidata. Particolarmente suggestiva anche la vista dai tetti del teatro.

Se sei in cerca di ispirazione su cosa vedere e cosa fare a Palermo di sera, i vicoli nei dintorni del Teatro Massimo sono pieni di vita e di locali, e il percorso che porta fino alla cala marittima è perfetto per una passeggiata serale. Oppure puoi sempre assistere a uno spettacolo.

8. Villa Giulia e l’Orto Botanico

Villa Giulia è oggi un giardino pubblico cittadino. Il particolare schema geometrico dello spazio verde, costituito nel 1778, l’ingresso monumentale e le meravigliose sculture rendono questo parco un’oasi di pace e bellezza. Assicurati di ammirare la Fontana dell’Atlante al centro del giardino, così come la famosa fontana del Genio di Palermo.

Adiacente a Villa Giulia si trova l’Orto Botanico dell’Università di Palermo. Istituito nel 1795, oggi il giardino si sviluppa in due settori, antico e moderno, contando numerose piante tropicali e rarità.

9. Castello della Zisa

In ogni lista che si rispetti su cosa visitare a Palermo non può mancare questo meraviglioso esempio di architettura arabo-normanna. Costruito appena fuori le mura della città vecchia, il Castello della Zisa è stato eretto nel 1165 per volere di Guglielmo I. Il nome “zisa” deriva dall’arabo al-ʿAzīza, “splendido”.
Oggi all’interno del castello si trova il Museo d’Arte Islamica.

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da VisitSicily (@ig_visitsicily)

10. Il museo archeologico regionale Antonino Salinas

Il museo archeologico di Palermo conserva una delle collezioni archeologiche più vaste d’Italia. All’interno della splendida struttura dell’ex convento dei Frati Filippini, il museo coniuga reperti e bellezza architettonica.

Fra i reperti più interessanti troviamo la “Pietra di Palermo”, iscrizione risalente al 2900 a.C., e i reperti della civiltà etrusca di Chiusi.

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da Rosanna De Candia (@ro.decandia)

11. I mercati di Palermo e lo street food

Come parlare di cosa fare a Palermo senza nominare la deliziosa cucina del posto. Un tour per assaporare lo street food palermitano ti porterà alla scoperta dei sapori della tradizione, tra pane panelle, sfincione, arancine e dolci inimitabili.

Impossibile non fare un salto anche nei famosi mercati della città, come il mercato storico della Vucciria e il mercato rionale di Ballarò.

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da Barbara 🐱 (@bilikeadreamer)

12. Mondello e la sua famosa spiaggia

Se tra tutto questo girare senti di aver bisogno di una pausa, Mondello fa al caso tuo. Questo quartiere periferico è famoso per i palazzi Liberty, i ritrovamenti d’arte preistorica e la famosa spiaggia.

Attrezzatissima, con lettini, ombrelloni, cabine e tanti ristorantini, la spiaggia di Mondello è una meta ambita dai palermitani e molto frequentata dai turisti. Decisamente affollata, un salto fuori stagione renderà la permanenza ancora più rilassante.

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da Sicily Essence (@sicily.essence)

13. Il Duomo di Monreale

Non si può dire di aver visitato Palermo senza andare a Monreale, a circa 40 minuti d’auto dalla città, e visitare il suo duomo spettacolare. Uno degli aspetti più celebrati di questa cattedrale è la mescolanza degli stili architettonici: normanno, bizantino, arabo e barocco. Ma a stupire è l’interno, con il magnifico ciclo di mosaici a fondo oro.

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da Monreale (@monreale_sicily)

14. Il Monte Pellegrino e il Santuario di Santa Rosalia

Il Monte Pellegrino è un promontorio calcareo di circa 600 m s.l.m che caratterizza il profilo della città di Palermo. È anche una delle tappe della Via Rosaliae, dedicata alla Santa Patrona della città, Santa Rosalia, oltre che una riserva naturale. Durante l’escursione fai una tappa al Santuario della Santuzza, all’interno del quale è racchiusa la grotta carsica dove sono state ritrovate le ossa della santa.

15. Cefalù

Se hai tempo, un’escursione da Palermo a Cefalù è il modo migliore per completare il tuo viaggio. A soltanto 1 ora di distanza in macchina, questa piccola cittadina è famosa per la sua splendida cattedrale, patrimonio Unesco, esempio di arabo-normanno. Ma Cefalù è ricca di cose da vedere e, grazie al suo aspetto pittoresco, regala scorci indimenticabili.

Fai una passeggiata in Corso Ruggero fra i numerosi negozietti e le chiese barocche, ammira il panorama dalla Rocca medievale e fai un tuffo nella baia del porticciolo.


Se vuoi proseguire il tuo viaggio, leggi il nostro articolo su cosa vedere in Sicilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close