Close
Scalo a Dubai: tre giorni nell’emirato

Scalo a Dubai: tre giorni nell’emirato

Jackie del nostro staff di Musement riflette sui tre giorni che ha trascorso in scalo Dubai e su quanti in più gliene sarebbero serviti per visitare al meglio la città dell’oro.

Non so cosa mi aspettassi da Dubai: sapevo mi sarebbe piaciuta, ma non avrei mai immaginato di innamorarmene follemente. I tre giorni che ho trascorso nella città dell’oro sono stati troppo brevi, ma sono serviti come assaggio e per farmi venire voglia di tornarci.

Bisogna vedere Dubai per capire a cosa mi riferisco. L’emirato detiene diversi primati tra cui quello per l’edificio più alto del mondo (il Burj Khalifa), per il più grande centro commerciale del mondo (il Dubai Mall) e per l’hotel più alto del mondo (il Gevora). Le camere fornite di iPad sfavillanti al Burj Al Arab, uno dei pochi hotel a sette stelle al mondo, non dovrebbe essere una sorpresa nella città che ha un souk dedicato esclusivamente all’oro e ai brillocchi.

Prima di visitare Dubai mi ero lasciata condizionare dall’opinione di coloro che, pur non essendo mai stati a Dubai, la etichettano come una sorta di Las Vegas del Medio Oriente, o di Disney World per adulti.

Non potrebbe esserci nulla di più sbagliato. Non ho nulla con Las Vegas o Disney, ma mi pare che lì prevalga la finzione piuttosto che una mentalità pionieristica, come invece avviene nell’emirato più popoloso. Dubai risplende di incrollabile ambizione: tutto è vivo, scintillante, nuovo e reale; è contemporaneamente presente e futuro. Basti pensare che nel 2020 i treni Hyperloop viaggeranno alla velocità di 1200 km all’ora in aereo per portare i passeggeri da Dubai ad Abu Dhabi in soli 12 minuti. Sembra la trama di una puntata dei Pronipoti dei Flintstones, ma il bello è che Dubai è vera, e non un cartone animato futuristico degli anni ’80.

Dubai è il “luogo dei sì”, come sostiene Bethenny Frankel. È una città dove tutto è possibile. La gente sogna in grande e agisce ancora più in grande. Il risultato finale è, in un certo senso distopico: scintillante e incontaminato come lo sfondo di un episodio di Black Mirror. È possibile che una città sia davvero così pulita e funzioni così bene? E sia anche così sicura? Sì, è possibile.

Ho approfittato dello scalo gratuito di Emirates a Dubai per trascorrere tre giorni in città. Ho visto un sacco di cose, ma comunque non abbastanza: c’è tantissimo da vedere e da fare, e non vedo l’ora di ritornarci. Per questo il mio consiglio è di prevedere uno scalo a Dubai, se hai l’opportunità di farlo. Ecco alcune idee su cosa fare in pochi giorni a Dubai.

1. Il Louvre Abu Dhabi e la Grande Moschea dello Sceicco Zayed

Se stai trascorrendo due notti a Dubai, sarebbe un crimine non fare un salto ad Abu Dhabi, la capitale degli Emirati Arabi Uniti. Non solo è futuristica e mozzafiato come Dubai, ma ci sono anche due delle cose da vedere almeno una volta nella vita, il Louvre Abu Dhabi e la Grande Moschea dello Sceicco Zayed. Questo tour comprende entrambe le attrazioni: la stupefacente Grande Moschea, coronata da 82 cupole bianche come palle di neve, è la più grande del mondo al di fuori della Mecca e della Medina, e presenta elementi provenienti da tutto il mondo come il marmo toscano, un tappeto iraniano (il più grande del mondo), e lampadari tedeschi (di nuovo, i più grandi del mondo).

Il Louvre Abu Dhabi si trova invece sull’isola di Saayidat, e il bianco accecante della sua struttura si contrappone al turchese del Golfo Persico. La cosa più spettacolare è la cupola disegnata da Jean-Nouvel che si sovrappone ad un reticolo di ferro dalla quale “piove luce” con un effetto semplicemente ipnotico. Il museo racconta la storia dell’umanità attraverso 600 opere d’arte divise in 12 fasi, e a differenza del suo incredibile omologo parigino, è possibile visitarlo interamente in un solo giorno.

2. Tour privato con stile

Dubai non è stata la mia prima volta in Medio Oriente, ma ha segnato un’altra prima volta importante: il mio primo giro in Tesla! Grazie al tour privato di Musement sono andata a Palm Jumeirah dove, naturalmente, mi sono fermata a scattare qualche foto dell’inconfondibile Atlantis Resort e a mettere i piedi nell’acqua blu. Abbiamo girato intorno al JBR, ci siamo goduti il pranzo e siamo andati alla Dubai Marina. È stato un modo meraviglioso di visitare la città. La parte migliore? Ammirare dal tettuccio a vetri della Tesla i grattacieli della città.

3. Food Tour serale

Se pianifichi i tuoi viaggi in base quello che hai voglia di mangiare, questo tour serale di street food ti permetterà di assaggiare tutti i deliziosi spuntini che caratterizzano la cucina degli Emirati, che unisce le influenze delle diverse culture che vi si sono insediate. Il tour non si ferma ai grandi ristoranti degli chef stellati Michelin, ma include anche i cibi influenzati dalla popolazione locale e dagli immigrati. Questo tour è stato guidato dall’affabile e competente Mounir, che vive a Dubai da vent’anni. A Little India, abbiamo assaggiato delizie fritte come un samosa ripieno di carne e verdura, verdure croccanti servite in stile pakora, malpuri ripieni di banane e un ottimo bhelpuri. Poi è stato il turno del libanese, con hummus cremoso da sogno, rinfrescante fatoush, tabbouleh al limone, toum deliziosamente liscio e aglioso, e succulento kebab di agnello, il tutto completato da pane Khobz el Saj. La tappa finale: un ristorante tipico dove gli ospiti si siedono sul pavimento e mangiano con le mani….un’esperienza tradizionale in puro stile da Emirati. Il tour gastronomico è stato un modo gustoso per farsi un’idea del lato meno sfarzoso di Dubai, con una passeggiata attraverso il souk delle spezie, Little India, il souk dell’oro e una cavalcata di abra, nonché una visita a un tempio indù.

4. Il Burj Khalifa

A Dubai, una visita al Burj Khalifa, il grattacielo più alto del mondo, è d’obbligo! Ci sono due tipi di biglietti: quelli per arrivare 124° e 125°, e quelli che includono anche il 148° piano. Già che sei lì, non badare a spese: prendi i biglietti che includono l’accesso al 148° piano! I panorami sono straordinari e succhi di frutta e dolci sono compresi nel biglietto.

5. Altre idee

Purtroppo il mio tempo era poco e ho capito che tre giorni non sono affatto sufficienti per visitare Dubai! Le cose che non ho fatto in tempo a fare e che consiglio vivamente sono il safari nel deserto, la crociera dhow sul Dubai Creek, esplorare il quartiere artistico di Al Quoz, prendere il tè al Burj al Arab, o semplicemente trascorrere un po ‘di tempo sulla spiaggia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close