Close
I migliori padiglioni di Expo Dubai 2020

I migliori padiglioni di Expo Dubai 2020

Fai un viaggio intorno al mondo e scopri alcuni dei migliori padiglioni da visitare a Expo Dubai.

Expo Dubai 2020 (post posto al 2021) ha finalmente aperto. Le date sono state fissate e l’esposizione universale è iniziata l’1 ottobre 2021 e proseguirà per sei mesi, fino alla fine di marzo 2022. Per l’occasione, sono previste in visita oltre 25 milioni di persone. È il più grande evento turistico da quando è scoppiata la pandemia, quindi noi avevamo già preparato una piccola guida alle migliori cose da fare.

Per la prima volta nella storia dell’Expo, ogni paese partecipante ha un suo padiglione per mettere in mostra le proprie eccellenze e offrire a chi è in visita un assaggio della propria cultura e tradizione. E chi ha progettato questi padiglioni ha fatto sì che verranno per sempre ricordati nella storia dell’Expo.

Dal gemello in stampa 3D del David di Michelangelo, star del Padiglione Italia, agli affascinanti giochi d’acqua del Padiglione Brasile, passando per la fattoria verticale dei Paesi Bassi, scopri alcuni dei migliori padiglioni di Expo Dubai 2020:

Padiglione Italia

Il padiglione dell’Italia si posiziona tra le due aree tematiche Opportunità e Sostenibilità ed è dedicato al tema della bellezza. Con il motto “Beauty connects people” (“la bellezza unisce le persone”) il padiglione dell’Italia si rifà al concetto di armonia, proporzioni ed equilibrio dell’età classica, coniugando tradizione e innovazione.

La struttura del padiglione comprende un’area di 3.500 mq e si costituisce di tre grandi “scafi” in materiale nautico altamente tecnologico e corde in materiale riciclato. Il percorso espositivo è un tributo all’arte e alla scienza e si divide in diversi ambienti: il Belvedere, le Short Stories, lo Spazio Innovazione, il Teatro della Memoria e la Rampa Immersiva. Qui, le riproduzioni di opere famose si mescolano al racconto del progresso tecnologico e delle eccellenze del Made in Italy. Grande aspettativa per la riproduzione digitale del David, il gemello del capolavoro di Michelangelo prodotto in stampa 3D.

Molti anche gli eventi in programma, per scoprirli tutti e programmare al meglio la tua visita, è disponibile un’app dedicata.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Italy Expo 2020 (@italyexpo2020)

Padiglione Regno Unito

Ispirato a uno degli ultimi progetti di Stephen Hawking, “Breakthrough Message”, il padiglione del Regno Unito mette in mostra l’importanza dell’intelligenza artificiale e del settore aerospaziale del paese. Situato nel Distretto Opportunità, questo padiglione è stato soprannominato il “Padiglione della poesia”.

Creato dalla designer inglese Es Devlin, la struttura propone uno stupefacente punto focale in legno lamellare incrociato che mostra una poesia collettiva. La poesia è generata da chi è in visita, donando all’ingresso una sola parola. L’intelligenza artificiale fa il resto, usando queste parole per creare versi basati su circa 15.000 poemi scritti da più di 100 poeti e poetesse inglesi. All’interno si è completamente immersi nelle parole, in inglese e in arabo, accompagnate da un coro in sottofondo. Ogni minuto viene generata una nuova poesia che, grazie a un algoritmo, viene accorpata alle altre per creare un risultato stupefacente e corale. Un messaggio dell’umanità a un’altra civiltà.

Il padiglione del Regno Unito ospita anche il ristorante 1851, nome dedicato alla data del primo Expo tenutosi a Londra, che propone il meglio della cucina britannica.

Padiglione Brasile

Progettato dall’architetto José Paulo Gouvêa, il Padiglione Brasile è situato nel Distretto Sostenibilità ed è dedicato al tema dello sviluppo sostenibile. Il padiglione si estende per 4.000 metri quadri ed è costituito da una struttura di acciaio e tela bianca con un elemento principale: l’acqua.

Tra le tante attrazioni, lo specchio d’acqua creato all’interno del padiglione rappresenta i fiumi brasiliani ed è piuttosto spettacolare. Questo è anche il posto perfetto per sfuggire al caldo di Dubai, per bagnarsi i piedi e rinfrescarsi. Insieme a suoni, musica, profumi e proiezioni, questo padiglione è una vera e propria esperienza sensoriale.

Durante il giorno è uno dei padiglioni a Expo Dubai per godersi un po’ di relax. Durante la notte, invece, diventa uno schermo proiettato da 125 proiettori ad alta definizione, che trasformano la struttura in un viaggio in Brasile.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by MARATA engenharia (@marataengenharia)

Padiglione Francia

Il padiglione della Francia si trova all’interno del Distretto Mobilità ed è dedicato al progresso. Con la tematica “Luci, luci” il padiglione si riferisce da una parte alla luce, il fenomeno fisico, e dall’altra al “lume della ragione” dell’intelligenza francese del XVIII secolo.

Con un’area di 5.000 metri quadri, è il quinto padiglione più esteso dell’esposizione. Il focus è sull’ecologia, così il padiglione della Francia è composto da 2.500 metri quadri di pannelli fotovoltaici. Per lo stesso motivo, un orologio a energia rinnovabile mostrerà minuto per minuto i dettagli del consumo energetico dell’edificio.

La mostra inizia all’ingresso del padiglione, con fotografie tematiche che vengono rinnovate due volte al mese. Ma è nel centro della struttura che risiede la mostra permanente. Questa include gli archivi nazionali, un’edizione originale dell’Enciclopedia di Diderot e d’Alembert e tre diverse esperienze immersive, note con il nome di “pianeti”, che mostreranno uno spaccato sul futuro della terra.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by France Dubai 2020 (@francedubai2020)

Padiglione Paesi Bassi

Il padiglione dei Paesi Bassi, nel Distretto Sostenibilità, tratta le tematiche dell’acqua, dell’energia e del cibo. Entra in un mondo in miniatura con il suo microclima e pioggia prodotta a energia solare. Il padiglione è ricco di soluzioni sostenibili e si focalizza sull’innovazione della raccolta del cibo. Tra queste, una innovativa fattoria verticale. L’acqua ricavata dall’aria del deserto viene usata per irrigare la struttura conica della fattoria verticale, alta 18 metri. Su questa montagna del cibo vengono coltivate circa 9.000 piante edibili ed erbe, nonché chili di funghi al suo interno. Dentro il cono è tranquillo, fresco e buio, creando un’esperienza sensoriale ancora più immersiva.

Concepita dallo studio V8 Architects, la struttura è un’eccellenza dell’ingegneria che esemplifica meravigliosamente il futuro della sostenibilità e delle tecnologie alimentari.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Jeroen Musch (@jeroen_musch)

Padiglione Spagna

Con lo slogan “Intelligence for life” (“ingegno per il futuro”) il padiglione della Spagna mette in mostra la ricchezza creativa e produttiva del paese, la sua propensione all’innovazione e il suo impegno per un futuro sostenibile. All’interno del Distretto Sostenibilità, il padiglione occupa un’area di 5.800 metri quadri, in cui enormi coni colorati rivestono parzialmente l’area con pannelli fotovoltaici ultraleggeri.

Uno degli spazi più celebrati è la “Foresta dell’ingegno”, una zona immersiva con la riproduzione di alberi in grado di assorbire C02, oltre a numerosi progetti spagnoli per contribuire all’utilizzo sostenibile di risorse naturali. Qui troverai l’Albero dell’equilibrio, un’installazione interattiva in cui comprendere quanto le decisioni individuali possano avere un impatto positivo o negativo sull’ambiente.

Nella zona dell’atrio, Dinamo, creata da Daniel Canogar, è la star. L’installazione dell’artista è circondata da rampe e, ogni volta che una persona ci cammina sopra e posa le mani sulla ringhiera, il motivo audio-visivo dell’opera d’arte cambia.

Oltre all’esposizione principale, il padiglione dispone di spazi espositivi complementari, chiamati Sparkles (“scintillii”). Le diverse aree tematiche passano in rassegna il contributo spagnolo alla cultura globale e il suo legame al mondo arabo. Un’altra fermata obbligatoria è il teatro, dove viene proiettato “Luna de Agosto” (“luna di agosto”), un cortometraggio di 8 minuti creato da Nacho Vigalondo.

Padiglione Stati Uniti d’America

Il padiglione degli Stati Uniti si trova nel Distretto Opportunità e mette in mostra lo spirito del paese, dimostrando come la dinamicità della società americana permetta alle persone di usare la propria creatività per un futuro migliore. Il tema, ‘”Life, Liberty, and the Pursuit of the Future” (“Vita, libertà e la ricerca del futuro”) si concentra principalmente sui concetti di libertà e opportunità.

Il padiglione a Expo è stato concepito dallo studio Woods Bagot e propone diversi programmi culturali e mostre durante tutto il giorno. Si esibiranno oltre 275 performer, incluso un corpo di ballo nativo americano, jazz, rock, country, bande marcianti e oratori. Il miglior modo per godersi lo spettacolo è con cibo e bevande americane. In alternativa, puoi camminare sulla passerella mobile che ti porterà a scoprire le sette mostre, dimostrazioni di come la libertà aiuti a creare possibilità per tutte le persone.

Altre attrazioni, invece, ti porteranno in un’altra dimensione! All’entrata si staglia una riproduzione di oltre 40 metri d’altezza della navicella spaziale Space X Falcon 9. Sono riprodotte anche la navicella spaziale delle missioni Apollo sulla Luna e il prototipo del rover su Marte.

Scopri le nostre esperienze a Expo Dubai 2020:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close