Close
10 bellissime terme libere in Italia

10 bellissime terme libere in Italia

Dalle famose Cascate del Mulino a Saturnia a quelle nascoste di Bagni Sclafani a Palermo, scopri 10 bellissime terme libere in Italia.

Durante l’Antica Roma, le terme erano un importante punto di ritrovo comunitario. Nonostante oggi Spa e terme siano spesso associate al lusso, all’epoca dei romani erano strutture pubbliche, accessibili a tutte le classi sociali.

Non soltanto un modo per passare le giornate in completo relax, le terme naturali possiedono anche proprietà curative, oltre che venire utilizzate come trattamenti di bellezza. Per non farti mancare momenti di pace assoluta durante il tuo prossimo viaggio, Musement propone 10 terme libere e naturali in Italia da visitare almeno una volta nella vita.

1. Vasche di Leonardo

Le terme di Bormio sono fra gli stabilimenti più apprezzati di tutta Italia. Ma non tutto sanno che esistono anche le terme libere di Bormio, chiamate dalla gente del luogo Pozze di Leonardo, in onore dell’artista che qui si recò in visita, invitato da Ludovico il Moro. Per raggiungerle bisogna percorrere un breve sentiero di montagna, per poi ritrovarsi immersi fra le splendide vette alpine.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Anna (@anna_campostrini)

2. Cascate del Mulino

Le terme libere in Toscana sono davvero molto numerose e una più bella dell’altra. Eppure, non ne esiste una che batta in popolarità le Cascate del Mulino, a Saturnia. Non è difficile capire il perché: scenografiche cascate di acqua sulfurea che scendono giù da una collina, nel bel mezzo della bellissima campagna toscana e a due passi dallo stabilimento di Saturnia, per chi vuole concedersi ancora più relax.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cascate del Mulino (@cascatedelmulino)

3. Bagni San Filippo

Altre terme naturali in Toscana da non perdere sono i Bagni San Filippo, immerse nello splendido paesaggio della Val d’Orcia. In questo piccolo paese si sta come dentro un dipinto: calde acque sulfuree in cui sguazzare, formazioni calcaree che hanno creato rocce bianchissime e natura ancora incontaminata. Il Fosso Bianco, immerso nel bosco, è il posto ideale per iniziare l’esplorazione.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gianluca (@gianluca_malesi)

4. Terme del Bullicame

Queste piscine termali si trovano a 2,5 km da Viterbo e hanno origini antichissime. Vengono infatti citate anche da Dante nella Divina Commedia. Le piscine sono piuttosto scenografiche e si aprono davanti agli occhi in modo del tutto inaspettato. Anche in questo caso si tratta di acqua sulfurea, che sgorga alla sorgente a una temperatura di 58 gradi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Denis Spratt (@denisspratt)

5.Spiaggia delle Fumarole

La bellissima isola di Ischia è nota anche per le sue sorgenti termali. Il fenomeno delle fumarole si può trovare in diverse zone, si tratta di getti di vapore acqueo dal terreno dovuti ad attività vulcaniche. Nella Spiaggia delle Fumarole questo tipo di attività è particolarmente evidente. I getti di vapore si vedono tra la sabbia e le temperature sono elevatissime. Questo è anche il posto perfetto per fare le sabbiature.

6.Terme di Fordongianus

Fordongianus è un piccolo paese della provincia di Oristano, in Sardegna, il cui destino è strettamente legato a quello delle sue terme. Particolarmente apprezzato anche per il sito archeologico d’epoca romana, le terme libere di Fordongianus si trovano lungo il fiume Tirso, dove le acque sulfuree si mescolano con quelle fresche del corso d’acqua. Esiste anche la struttura termale di Is Bangius che a prezzi veramente contenuti offre vasche e servizi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lorenzo Muntoni (@lorenzomuntoni)

7. Sclafani Bagni

Nella città metropolitana di Palermo si trova Sclafani Bagni, un borgo dalla storia antica molto piacevole da visitare. La vera sorpresa del paese, però, è proprio la sua vasca termale, libera e completamente naturale, che si trova poco distante dal centro storico, immersa nella natura.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Michela Polimeno (@clair_delune93)

8. Bagni liberi di Segesta

Anche note come le Polle del Crimiso, questo fiume dalle acque calde ha una storia strettamente collegata alla mitologia. Non sapendo spiegare l’origine della fonte termale, il fenomeno è stato ricondotto all’opera di una divinità fluviale, che avrebbe scaldato le acque del fiume per salvare la ninfa Egesta. Completamente immerse nella campagna trapanese, il posto è anche molto frequentato di notte, quando l’atmosfera è magica.

9. Lago Specchio di Venere

Uno dei luoghi simbolo dell’isola di Pantelleria, il Lago Specchio di Venere non è altro che l’enorme cratere di un vulcano spento. L’acqua sulfurea continua a sgorgare nella parte meridionale del lago e il fondale è ricco di fanghi. Come se non bastasse, il panorama è straordinario.

10. Vulcano Terme

Quale posto migliore per godere delle proprietà delle acque sulfuree se non su un vero e proprio vulcano? Tra le Eolie, l’isola di Vulcano è la più particolare. Ci sono tre aree libere, che oggi per mantenere gli standard di pulizia e sicurezza richiedono una piccola offerta all’ingresso: le fumarole, il mare caldo e la pozza dei fanghi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ghegga (@aleghegga)

Se vuoi continuare a farti ispirare, leggi anche il nostro articolo in giro per il mondo con 8 sorgenti termali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close