Close
Un duetto di musica e cultura

Un duetto di musica e cultura

Il 30 novembre uscirà il nuovo album di Marco Mengoni e, con Musement, alcuni fortunati tra i suoi fan hanno avuto il privilegio di ascoltare in anteprima esclusiva il suo primo singolo.

I veri fan sono quelli che anche davanti a indicazioni misteriose e informazioni volutamente lacunose si affidano al destino, nella speranza di una bella sorpresa.

È proprio quello che hanno fatto i fan di Marco Mengoni: quando Musement ha lanciato il sito per vincere un’attività top secret con Marco Mengoni, più di 7000 persone si sono iscritte indicando una città di preferenza tra Milano, Roma, Venezia, Firenze e Napoli senza sapere cosa sarebbe successo.

Sono state selezionate dieci persone per ogni città e solo il giorno prima dell’evento è stato comunicato loro luogo e orario dell’incontro. I vincitori hanno scoperto, una volta arrivati a destinazione, che avrebbero trascorso del tempo con Marco e avrebbero ascoltato insieme a lui in anteprima esclusiva due tracce estratte dall’album che uscirà il 30 novembre, “Voglio” e “Buona vita”.

Per questi appuntamenti speciali, Musement ha scelto delle location d’eccezione, eleganti luoghi d’arte che hanno fatto da perfetta cornice alla musica dell’artista di Ronciglione che, dopo dieci anni di carriera, ha dato una direzione più intimista e sofisticata alla propria produzione.

Il primo incontro si è svolto a Milano il 5 ottobre nella cornice dell’Orto Botanico di Brera, uno dei “posti segreti” più affascinanti della città. L’Orto Botanico è nato come vero e proprio campo sperimentale botanico nel 1774 e oggi è diventato un museo che ha come obiettivo quello di essere una testimonianza del modello culturale della metà del Settecento. Tra gli esemplari di ortensie, Gingko Biloba, Juglans nigra e Firmiana platanifolia, Marco ha incontrato i suoi fan e tra domande e risate ha ascoltato con loro i brani estratti dal nuovo album.

Il 6 ottobre, nella suggestiva ambientazione del Chiostro del Bramante a Roma, Marco e i suoi fan sono stati avvolti dall’atmosfera onirica delle installazioni delle mostre temporanee del museo. Il Chiostro del Bramante rispecchia al meglio i canoni di linearità, classicità ed eleganza del Rinascimento: il portico a quattro archi con pilastri in stile ionico e il loggiato superiore con pilastri e colonne corinzie creano un’alternanza armonica e affascinante di luci e ombre. Il Chiostro inoltre ospita nella Basilica di Santa Maria della Pace Le Sibille, l’affresco di Raffaello che oltre a essere di una bellezza straordinaria, è anche ricco di simboli e sottotesti letterari. In questa cornice, la musica di Marco Mengoni ha trovato la sua collocazione ideale.

Il 7 ottobre è stato Palazzo Strozzi a Firenze a ospitare Marco e i suoi fan. Palazzo Strozzi è situato nel cuore di Firenze, e oltre a essere uno degli esempi più incantevoli di architettura privata del Rinascimento, è anche un centro culturale dinamico e all’avanguardia che ogni anno accoglie grandi mostre di livello internazionale, come la mostra “The Cleaner” di Marina Abramovich. L’incontro tra Marco e i fan è avvenuto nello splendido portico del palazzo.

L’8 ottobre è stato il turno di coloro che hanno scelto Venezia come città. L’incontro è avvenuto a Ca’ Pesaro, un grandioso palazzo sul Canal Grande che risale alla seconda metà del XVII secolo e che fu progettato da Baldassarre Longhena, il più importante esponente del barocco veneziano in architettura. Ca’ Pesaro è la sede della Galleria Internazionale d’Arte Moderna e ogni stagione ospita mostre interessanti e originali, come “Epoca Fiorucci“, il racconto di un epoca e della creatività di Elio Fiorucci attraverso un dialogo tra moda e cultura. Marco e i suoi fan hanno avuto il piacere di passare del tempo insieme e di ascoltare il nuovo progetto artistico di Marco sul balcone di Ca’ Pesaro con una vista privilegiata sulla Serenissima e sul suo principale corso d’acqua, Canal Grande.

Per l’incontro del 10 ottobre è stata scelta una location davvero particolare e suggestiva: si tratta del Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa a Napoli, il luogo in cui il 3 ottobre 1839 veniva inaugurata la prima strada ferrata d’Italia nel Regno delle Due Sicilie. Tra treni antichi e spazi simili a una stazione, Marco e i suoi fan hanno passato insieme un piacevole pomeriggio a base di musica, arte, chiacchiere, risate e sentimenti.

Quando arte, musica e cuore si incontrano, momenti irripetibili e indimenticabili sono assicurati.

Ringraziamo Marco Mengoni per aver scelto di collaborare con noi a questo entusiasmante progetto e i nostri partner World Tours Italy e Convention Bureau per aver messo a disposizione le loro location mozzafiato in cui far vivere un’esperienza indimenticabile ai fortunati fan di Marco.

 

1 comment

  1. Mancin Silene Gei says:

    Venezia Cá Pesaro, esperienza UNICA INDELEBILE che resterà con me per sempre, incontrare Marco Mengoni e stare con lui per un ora parlare confrontarci ascoltare i suoi due singoli.
    Musica Nuova suoni fighi.
    Un contesto d’arte eccellente, ma quanto sono stata fortunata? Di più.
    Ringrazio Marco lo Staff e in particolare Musement che ha organizzato tutto in maniera PERFETTA, i miei complimenti veramente. GRAZIEEEEE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close