Close
7 delle migliori cantine dell’Oltrepò Pavese

7 delle migliori cantine dell’Oltrepò Pavese

Scopri le migliori cantine dell’Oltrepò Pavese, fra dolci colline, borghi medievali e vini pregiati.

L’Oltrepò Pavese è un territorio ricco di bellezze nascoste. Le dolci colline sono disseminate di pittoreschi borghi medievali e le caratteristiche del suolo ne fanno un terreno perfetto per la coltivazione a vite. La zona, non ancora interessata dal turismo di massa, viene spesso rinominata “Toscana del nord” per la bellezza dei paesaggi e la bontà dei prodotti locali.

Grande attrattiva è la produzione di vino dell’Oltrepò Pavese, da assaporare durante una degustazione oppure come perfetto accompagnamento per un pranzo in agriturismo. Pinot Grigio e Buttafuoco, prodotto caratteristico e unico della zona, sono fra i vini più rinomati dell’Oltrepò. Ma anche spumanti e, per gli amanti dei vini dolci, un ottimo Sangue di Giuda.

Per passare una giornata in collina assaporando il vino locale, abbiamo preparato una piccola guida alle migliori cantine dell’Oltrepò Pavese.

1. Cantine Terre d’Oltrepò

Terre d’Oltrepò nasce nel 2008, dalla fusione di due realtà vinicole storiche fortemente radicate sul territorio: la Cantina Sociale di Broni fondata negli anni Sessanta e la Cantina di Casteggio nata nel 1907. Terre d’Oltrepò è la più grande cooperativa vinicola di tutta la Lombardia, con una produzione all’attivo di quasi quattro milioni di bottiglie. Rispetto del territorio, modernità e tradizioni, oltre a una forte vocazione sociale, sono i punti forti di questa cantina simbolo della produzione di vino dell’Oltrepò Pavese. Sul territorio le cantine sono tre: a Broni, a Casteggio e nel suggestivo borgo di Santa Maria della Versa. Punte di diamante della produzione, dal sapore schietto e deciso, sono Bonarda, Barbera e Buttafuoco. In estate la cantina di Broni è particolarmente attiva, con eventi e spettacoli di musica dal vivo ad accompagnare prodotti locali e vino di qualità.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Terre d’Oltrepò (@cantina_terredoltrepo)

2. Cantina Monsupello

Storica cantina dell’Oltrepò Pavese, il suo prodotto più famoso è lo spumante, premiato per vent’anni di fila da Gambero Rosso con i Tre Bicchieri. La storia della famiglia Boatti inizia nel 1893 e prende il via all’inizio del Novecento, quando il primo podere viene acquistato a Torricella Verzate, tipico borgo caratteristico dell’Oltrepò Pavese. Ad oggi conta circa cinquanta ettari di vigneti di proprietà, mentre è possibile visitare la cantina su appuntamento. Monsupello è anche grande produttore di Pinot Nero metodo classico.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Monsupello (@monsupello)

3. Tenuta Quvestra

A Santa Maria della Versa, territorio particolarmente vocato per la produzione di spumante, si trova la Tenuta Quvestra. Dodici ettari di vigneti, due opzioni diverse di wine tour e la possibilità di pernottare fra le dolci colline dell’Oltrepò Pavese. Tra Croatina, Pinot Nero e salumi e formaggi tipici locali, la visita in cantina è un’esperienza da non perdere.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Tenuta Quvestra (@tenutaquvestra)

4. Borgo Santuletta

A Borgo Santuletta si vive un’esperienza fuori dal tempo. Questa azienda agricola riesce a stupire con un museo contadino, un agriturismo in una villa dell’Ottocento e il dolce paesaggio collinare. La vera protagonista è la cantina di affinamento, piccola e storica. Tra i vini più pregiati c’è il Lula, un Pinot Nero metodo classico, e il Giulè, un Riesling Renano, altra eccellenza del territorio.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Borgo Santuletta (@borgo_santuletta)

5. Tenuta di Stefanago

Il Castello di Stefanago si trova fra Borgo Priolo e Fortunago, due dei borghi più belli della zona. Ai piedi di questa fortificazione d’epoca medievale, si estendono i vitigni della Tenuta Stefanago, una delle cantine dell’Oltrepò Pavese dedicate alla produzione di vino biologico. Ancora una volta i grandi protagonisti sono gli spumanti, tra i quali si distingue l’Ancestrale Rosè, e il Riesling San Rocco, con affinamento di dodici mesi in botti di acacia. Le visite al castello con degustazione finale sono disponibili tutte le domeniche su prenotazione.

6. Cantine Torrevilla

Questa cooperativa agricola ha due sedi sul territorio, la cantina di Codevilla e quella di Terrazza Coste, entrambe con bottega. La Cantina Torrevilla nasce nel 1907 e vanta la produzione del marchio La Genisia, eccellenza del territorio. Nel 2021, il Pinot Nero Riserva del marchio si è aggiudicato i Tre Bicchieri di Gambero Rosso, uno dei tanti riconoscimenti del vino delle Cantine Torrevilla. Durante la visita sarà possibile accedere anche alla Torre Vinaria e al Museo del Vino Traversa-Torrevilla.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Torrevilla (@torrevilla_vini)

7. Azienda Agricola Fiamberti

Con più di 200 anni di storia alle sue spalle, l’Azienda Agricola Fiamberti è una delle più antiche cantine dell’Oltrepò Pavese e di tutta la Lombardia. Punta di diamante della sua produzione è il Buttafuoco Storico del 2015, con uve della Vigna Solenga, acquistata dalla famiglia Fiamberti nel 1814. Ideale come abbinamento per carni rosse e cacciagione, questo vino è composto da croatina, barbera, uva rara e ughetta di Canneto, un prodotto unico e un vero piacere per il palato. Per chi è curioso di scoprire tutti i vini dell’azienda, viene messa a disposizione una sala degustazione.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giulio Fiamberti (@fiambertivini)


Se il vino ti appassiona, leggi anche il nostro articolo sulle principali regioni vinicole italiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close