Close
Gennaio: destinazione Australia

Gennaio: destinazione Australia

Sebbene l’Australia sia immensa, lo spirito amichevole e rilassato unisce il Paese e lo rende fantastico agli occhi di molti visitatori. L’Australia è nel mio sangue: mi ha nutrita da bambina, e ora mi ispira tutti i giorni.

Sono cresciuta in una piccola città sulla costa dove passavo il weekend sulle spiagge bianche provando a fare surf con scarso successo, perdendo la testa per i ragazzi biondi e abbronzati, e mangiando il gelato in fretta, prima che il sole rovente lo sciogliesse.

Le mie estati sapevano di protezione solare, di repellente per zanzare, di fumo di barbecue e di asfalto rovente al punto da liquefare le infradito dei passanti.

Guidando soltanto 10 minuti nell’entroterra mi ritrovavo in una fattoria, in una zona brulla e piatta dove andare a cavallo, in moto, o guardare il bestiame brucare pigramente l’erba secca.

Per darvi un’idea di come il paesaggio australiano sia vario e cambi drasticamente in modo repentino, potevo trovare tutto questo nel raggio di 12 chilometri da casa mia.


Kayak a White Haven Beach, Whitsundays Islands, foto: Tourism Whitsundays , Photography Phill Gordon

Dal deserto all’oceano in un attimo, il territorio australiano è tanto variegato quanto “drammatico”

In nessun altro posto al mondo puoi guidare per ore senza incontrare anima viva mentre attraversi ogni tipo di paesaggio: dalle spiagge alle lussureggianti foreste pluviali e all’asperità dell’outback.


L’immensità dell’Uluru, Northern Territory, foto: Tourism Australia, Photography Warren Clarke

Sono orgogliosa che nella mia terra natia ci siano magnifici tesori naturali come la Grande Barriera Corallina, il massiccio dell’Uluru, le Blue Mountains, i faraglioni chiamati Dodici Apostoli e la meravigliosa costa che circonda quest’isola paradisiaca.

L’Australia inoltre ospita alcune delle creature più strane, colorate e pericolose — gli Aussies amano in egual misura la bellezza estrema e l’estremo pericolo.


Ammira le creature marine che abitano la Grande Barriera Corallina, foto: Tourism Port Douglas and Daintree, photography Darren Jew

La nostra identità culturale è in costruzione

Ho viaggiato molto nel mondo e ho visto posti di incommensurabile bellezza: sono entrata in contatto con con culture incredibili, ho assaggiato piatti da da acquolina in bocca e ho conosciuto ogni tipo di persone immaginabile.

Queste avventure mi hanno fatto capire che l’identità australiana è ancora in costruzione (si tratta in fondo di un Paese piuttosto nuovo, colonizzato solo nel 1788) ed è composta da un mix eclettico di meraviglie uniche al mondo e di una cultura composita e unica nel suo genere.

 

Ascolta la nostra storia, dalle nostre radici alla Australia di oggi

Per capire a fondo la nostra storia, i turisti possono partecipare ad attività indette dai primi abitanti dell’Australia; si assaggiano le bacche e le piante tipiche della cucina aborigena, si ascoltano storie antiche, si ammira la bellissima arte tradizionale, si ascolta musica e si balla. La nostra storia è composta da momenti di brutalità che hanno portato alla bellezza, ed è importante che chi visita l’Australia conosca questa storia e la ascolti dalla voce di chi l’ha vissuta.


Il Laura Aboriginal Dance Festival a Birdsville, Queensland; foto: Cathy Finch

Una folla multiculturale 

Le nostre vesti multiculturali sono il risultato di una fusione di culture, lingue e anche di tradizioni culinarie diverse. È infatti possibile cenare in ristoranti raffinati e nei vicoli di Melbourne, così come è possibile mangiare fish and chips sulla spiaggia.

Ci piace celebrare la nostra diversità con festival musicali, cinematografici, ed enograstronomici, ma ci piace anche celebrare l’Australia nella sua interezza, e lo facciamo l’Australia Day: durante questa giornata festeggiamo con musica, feste in strada, barbecue, piscine gonfiabili, crema allo zinco e facciamo baldoria nel tipico modo australiano. Se ti capita di essere in Australia per la nostra festa nazionale (il 26 gennaio) assicurati di essere nello spirito giusto per l’occasione e fai uscire l’australiano che è in te!


Festeggiamenti colorati al WOMADelaide, ad Adelaide, South Australia; foto: Grant Hancock

Parliamo in modo divertente e siamo “presi bene”

Parliamo l’inglese in un modo tutto nostro. Oltre al nostro strano accento, diciamo parolacce, usiamo spesso lo slang, accorciamo parole che sono già corte, e aggiungiamo ‘o’ alla fine dei nomi: Bottle Shop diventa Bottle-o, Garbage Collector diventa Garbo, e Singlet diventa Singo.

Amo il fatto che siamo estremamente rilassati. Tutto per noi è tranquillo, e la cosa che diciamo più spesso è “no drama” oppure “no worries” (“tranquillo, non ti preoccupare”), e questo vale anche per gli abitanti delle città più grandi e dinamiche come Sydney e Melbourne. Un atteggiamento realistico ma rilassato ci fa pensare che tutto andrà bene, e ci tiene con i piedi per terra.


Siediti e rilassati a Tattersalls Lane, una delle vie più famose di Melbourne, foto: Visit Victoria, Photography Robert Blackburn

Melbourne, la mia città preferita e meta imperdibile per i turisti

I miei gusti sono certamente cambiati da quando ero una ragazzina della costa che mangiava gelato sgocciolante in costume; ora sono a una — sedicente — hipster che beve latte macchiato a Melbourne, una città che è un centro nevralgico per arte, musica e cultura.

Anche se piccola rispetto ad altre grandi città del mondo, Melbourne offre molte opportunità, e quando serve una pausa dalle serate sui rooftop, dai lunghi e pigri brunch, dalle vibranti strade piene di graffiti e dalla ricca scena musicale, basta fare poca strada per trovarsi immersi nella natura, tra sorgenti, vigne e cittadine d’altri tempi annidate nell’entroterra.


La bellissima Melbourne di notte, foto: Tourism Australia, Photography @lensaloft

Accorrete numerosi!

La sfida più grande per ogni turista è riuscire a trovare il tempo per immergersi davvero nelle nostre meraviglie naturali e nel nostro modo di vivere: l’Australia infatti si estende per un’area grande più o meno quanto gli Stati Uniti.

Ci sono cose magnifiche da vedere e da fare per i topi di città, per chi ama rosolare al sole in spiaggia, per chi fa immersioni, per gli escursionisti, per gli amanti dell’arte, per i caffè-dipendenti, per chi ama assaggiare il vino e per chi ama la campagna. Insomma, ce n’è davvero per tutti i gusti!

Se vi non fosse abbastanza chiaro, vi dico che sono molto fiera della mia bella Australia, e vorrei che tutti venissero a visitare questa isola paradisiaca! Se state pensando di passare, posso solo dirvi di non aspettare oltre!

Questo paese ha catturato il mio cuore quando sono nata, e sono certa catturerà anche il vostro.

Cover credit: <a rel=”nofollow” target=”_blank” href=”http://www.australia.com/en”> Tourism Australia</a>, photographer: Richard Powers

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close