Close
Pompei: come saltare la fila e altri consigli utili per la tua visita

Pompei: come saltare la fila e altri consigli utili per la tua visita

Visitare gli Scavi oggi è un viaggio nella storia. Ecco qualche consiglio per vivere al massimo questa esperienza.

Mano a mano che il tempo passa, il fascino di Pompei aumenta. Pompei era una città romana abitata da più di centomila persone e nel 79 d. C. un’eruzione del Vesuvio ha cristallizzato tutto nel tempo: i templi, i teatri, i negozi, il mercato, i bordelli, tutto è stato ricoperto dalla lava del vulcano, restando così immutato per secoli. Visitare gli Scavi oggi è un viaggio nella storia, nel tempo e nelle vite degli abitanti di Pompei; è indagare le loro abitudini e la loro quotidianità in un modo privilegiato che la storia non ci ha concesso in molti altri casi.

Come vivere al massimo questa esperienza? Ecco qualche consiglio per visitare gli Scavi di Pompei.

1. Pianifica la tua visita

Gli Scavi sono aperti dal 1 aprile al 31 ottobre dalle 9.00 alle 19.30, dal 1 novembre al 31 marzo dalle 9.00 alle 17.00 e sono chiusi l’1 Gennaio, l’1 Maggio, e il 25 Dicembre.

2. Prenota un tour guidato

Trattandosi di veri e propri scavi archeologici sono necessari alcuni accorgimenti in più rispetto a quelli che si avrebbero in un museo: tanto per cominciare, il sito è molto ampio, pieno di cose da vedere e di cose da sapere. L’ideale quindi è prenotare un tour guidato per evitare di vagare senza meta, stancandosi soltanto e senza capirci niente. Scopri insieme a una guida esperta come si svolgeva la vita a Pompei, entra nei negozi, nelle case delle persone e nei templi.


Le rovine di Pompei

3. All’aperto, ma…

Pompei è uno scavo vero e proprio (sempre attivo e in continuo restauro ed evoluzione) all’aperto: nonostante questo, non è consentito fumare né portare con voi amici a quattro zampe; è fondamentale però portarsi dietro dell’acqua (molta acqua, se visitate gli Scavi in estate) e un cappellino per avere sempre un po’ d’ombra. Le probabilità che faccia caldo sono alte, e gli Scavi non sono provvisti di aria condizionata!

4. Fai attenzione a ogni tuo movimento

Qualunque sasso a Pompei è un reperto archeologico. Ecco perché è importante non portare zaini o bagagli voluminosi che potrebbero rischiare di sbattere contro una preziosissima colonna e provocare danni irreparabili. Sempre per lo stesso motivo bisogna muoversi con cautela, evitando anche di sostare sul ciglio degli scavi.


I meravigliosi affreschi di Pompei

5. Via libera alle foto

Tira pure un sospiro di sollievo: potrai riempire il tuo feed di Instagram di meravigliosi scatti di Pompei fatti con il tuo smartphone. A Pompei infatti, è possibile scattare fotografie e girare video, purché questo venga fatto senza attrezzatura professionale.

6. Scegli l’ingresso più comodo per te e per chi viaggia con te

È bene tenere conto del fatto che gli Scavi di Pompei hanno tre accessi differenti, Porta Marina (via Villa dei Misteri), Piazza Esedra (piazza Porta Marina inferiore), e Piazza Anfiteatro (Piazza Immacolata). Fai attenzione a dove arrivi e stabilisci qual è l’accesso più comodo per te e per i tuoi compagni di viaggio. Per le persone con difficoltà motorie, l’ingresso più agevole è quello di Piazza Anfiteatro.

7. Tieni a bada l’appetito (almeno fino a Porta Nola)

In prossimità di Porta Nola c’è un’aerea attrezzata per i pic nic. Se quindi dovessi essere colto dalla fame durante il tour, evita di tirare fuori il panino con la mortadella nel bel mezzo degli Scavi e aspetta di arrivare all’area dedicata.


Pompei sotto il sole

Puoi prenotare direttamente online i tuoi biglietti per la visita agli Scavi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close