Close
10 piatti tipici italiani che hanno fatto la storia

10 piatti tipici italiani che hanno fatto la storia

La cultura culinaria italiana ha origini antichissime, scopri i piatti tipici italiani che hanno fatto la storia.

La cucina italiana è un ottimo esempio di dieta mediterranea, dal 2010 riconosciuta dall’Unesco come patrimonio immateriale dell’umanità. Ha una storia antichissima, affondando le sue radici nel IV secolo a.C. e venendo arricchita dalle usanze delle civiltà vicine, tra cui l’antica Grecia, la cultura ebraica e la cultura araba. Oggi la cucina italiana è molto apprezzata a livello internazionale, diventando in molti casi sinonimo di qualità ed eccellenza.

Continua a leggere per scoprire 10 tra i più famosi piatti tipici italiani che hanno fatto la storia:

1. Pesto alla genovese

Le origini di questa famosa salsa di Genova si ritrovano addirittura nell’antica Roma. Il moretum era una salsa spalmabile che i romani mangiavano col pane, composta da erbe, formaggio, sale, aceto, olio d’oliva e pestata in un mortaio. Ma la prima ricetta del pesto come lo conosciamo oggi risale all’Ottocento, probabilmente traendo ispirazione dall’agliata ligure e dal pistou francese.

Se vuoi assaggiare il pesto migliore del mondo, segui il Campionato di pesto genovese al mortaio, che dal 2007 decreta ogni anno il suo vincitore.

A post shared by Italy Bite (@italybite) on

2. Bistecca alla fiorentina

Il piatto carnivoro per eccellenza. La bistecca alla fiorentina è un taglio di carne, secondo la tradizione di Chianina, caratterizzato dal suo spessore, ed è uno dei piatti tipici più famosi della Toscana. Anche in questo caso, le origini di questa bistecca sono antichissime, tanto che ne si perdono le tracce. È certo, però, che abbia raggiunto la celebrità grazie alla famiglia Medici. Veniva infatti usata come pietanza principale durante le celebrazioni della notte di San Lorenzo. Firenze, all’epoca dei Medici, era un crocevia culturale e commerciale internazionale, così la fama della fiorentina uscì dai confini italiani e si diffuse nel resto d’Europa.

3. Cacio e Pepe

La pasta cacio e pepe è uno dei piatti tipici italiani più famosi, immancabile se si visita Roma. Nonostante usi elementi molto semplici (tonnarelli, pecorino e pepe) preparare un piatto di cacio e pepe perfetto è un’impresa tutt’altro che facile. Le origini di questa pasta risalgono ai tempi della transumanza, quando la popolazione romana viveva in grande povertà, e veniva cucinata da contadini e pastori dell’agro romano.

4. Ribollita

La ribollita è un piatto “povero” ma molto sostanzioso. Tipico delle zone di Siena, Firenze e Pisa, si tratta di una zuppa di pane raffermo e verdure, a cui si possono aggiungere avanzi di ogni tipo. L’origine del piatto è contadina e il nome suggerisce la modalità di preparazione: si tratta di una zuppa che veniva preparata in grandi quantità per poi essere riscaldata in padella nei giorni successivi.

A post shared by Barbuto 🍴 (@barbutonyc) on

5. Risotto alla milanese

Non si può pensare a Milano senza pensare al risotto. Giallo, cremoso e dal gusto avvolgente, il risotto alla milanese è il comfort food per eccellenza. Pare che questo piatto milanese sia nato nel Cinquecento. Infatti, durante il banchetto di nozze della figlia del vetratista Valerio di Fiandra, che all’epoca stava lavorando al Duomo di Milano, un suo collega decise di stupire gli ospiti con un risotto un po’ particolare. Così, fece aggiungere al burro della mantecatura una spezia che veniva usata per colorare le vetrate: lo zafferano.

A post shared by Nadine F. (@futterhexe) on

6. Pizza

Sarà un clichè, ma non si può parlare di cucina italiana senza menzionare la pizza. Nonostante la pizza più famosa e riconosciuta a livello internazionale sia quella soffice e morbida di Napoli, ne esiste un’altra versione altrettanto storica, quella di Roma, più croccante e sottile. Date le infinite versioni e varianti di questa delizia, è difficile attestarne un’origine certa. Ma la parola pizza era già usata nel latino volgare della Gaeta del 997!

Per avere la pizza come la conosciamo noi oggi bisogna però aspettare il XIX secolo, quando a Napoli nasce la pizza “verace”.

7. Caponata

La caponata è una deliziosa specialità siciliana composta da melanzane e altre verdure (peperoni, carote, patate…), un’insalata che viene condita con aceto, capperi e sugo di pomodoro. Ne esistono tantissime varianti, palermitana, agrigentina, catanese … Nonostante ad oggi venga considerata un contorno, perfettamente abbinata a piatti di pesce, la caponata era già diffusa nel Mediterraneo durante il Settecento, quando costituiva un piatto unico da mangiare col pane.

8. Lasagna al forno

In ogni famiglia italiana esiste una persona specializzata in lasagne al forno, che sia la nonna, la mamma, lo zio oppure il parente vegano che ne fa una versione vegetale. Questo piatto tradizionale, infatti, si presta a tantissime varianti, con le verdure, al pesto o classica, con ragù e besciamella. La versione tradizionale delle lasagne è probabilmente nata intorno al 1200, quando se ne ha la prima testimonianza scritta. Nonostante le più famose siano di origini bolognesi, esistono molte varianti regionali, tra cui quella campana, che sostituisce alla besciamella la bufala, o la provola, e la ricotta romana.

A post shared by Bonita (@boneats) on

9. Tiramisú

Questo delizioso dessert a base di savoiardi e caffè è uno dei piatti tipici italiani più amati in tutto il mondo. Non si sa con certezza se sia nato in Veneto o in Friuli-Venezia Giulia, ma è probabilmente un’invenzione abbastanza recente, di cui si ha testimonianza scritta soltanto a partire dagli anni Sessanta.

10. Digestivo

E per concludere in bellezza…un bel digestivo! Sapevi che è tipico della cultura italiana terminare un pasto abbondante con un amaro o un liquore per favorire la digestione? Limoncello, grappa, amaretto, nocino, ogni regione ha il suo digestivo preferito e tradizionale. L’origine dell’amaro italiano si ritrova nel Medioevo, quando frati e monaci distillavano erbe amare nei monasteri. Ma guardando ancora più indietro, anche nell’antica Grecia, e poi a Roma, le erbe amare venivano usate in vino come medicina.

Fan di degustazioni e tour enogastronomici? Dai un’occhiata alle nostre esperienze:

E se vuoi qualche suggerimento culinario da portarti in viaggio, questi articoli fanno per te:

I migliori bacari di Venezia
I piatti della tradizione emiliana e romagnola
I piatti imperdibili della cucina umbra
I piatti pugliesi più instagrammati
I dolci tipici di Palermo
Le migliori pizzerie di Roma
I migliori ristoranti di Milano
Le pizzerie più famose di Napoli
Dove mangiare a Firenze
Le migliori specialità siciliane
I fondamentali dell’aperitivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close