Close
Toscana nascosta: 6 mete fuori dalle rotte turistiche

Toscana nascosta: 6 mete fuori dalle rotte turistiche

Dai borghi abbandonati della Garfagnana alle cascate dell’Alta Val d’Elsa, Musement rivela 6 mete per scoprire la Toscana nascosta.

La Toscana è una delle regioni italiane più amate e conosciute anche a livello internazionale. Grazie a bellissime città d’arte, paesaggi collinari incantati, selvagge riserve naturali e spiagge chilometriche è una meta che si adatta facilmente a tutti i gusti. Ma trovare luoghi nascosti, lontani dalle folle, dove godersi la bellezza e la storia del luogo, sta diventando sempre più difficile. Eppure, fra mete insolite, luoghi misteriosi e borghi nascosti, la Toscana può ancora offrire angoli più sconosciuti e lontani dal turismo di massa.

Ecco, quindi, qualche consiglio per scoprire la Toscana nascosta, con 6 destinazioni fuori dalle rotte turistiche (almeno per ora).

1. Fosdinovo e la Lunigiana

La Lunigiana è una zona di grande importanza storica, spartita equamente fra le province di La Spezia (in Liguria) e Massa-Carrara (in Toscana). È una regione in cui tradizioni, sapori e dialetti si fondono e si confondono tra loro. Il dialetto parlato è un mix di genovese, vernacolo ed emiliano, a tavola si portano gli sgabei, più simili allo gnocco fritto che al pane “sciapo” toscano e il territorio offre mare, collina e anche ambiente fluviale.

Una delle attrattive principali della zona sono i borghi nascosti fra le verdi colline. Fra tutti, merita una visita Fosdinovo, le cui case storiche sono sorvegliate dal Castello Malaspina. Il castello, magnificamente conservato, è noto anche per aver ospitato Dante durante l’esilio. Bella anche la visita alla Chiesa di San Remigio, in stile barocco.

2. La Garfagnana

Altra regione storica della Toscana, poco conosciuta a livello turistico, è la Garfagnana, che tra Alpi Apuane e Appennino Tosco emiliano offre dei paesaggi davvero spettacolari. La meta è ideale per chi ama le camminate, grazie a una fitta rete di trekking curata dal CAI. Tra le più suggestive le Vie della Contessa, una rete di sentieri ad anello per esplorare la Valle del Serchio, tra borghi suggestivi e semi abbandonati.

Il punto d’accesso simbolico alla regione è anche uno dei luoghi più misteriosi della Toscana: il Ponte della Maddalena di Borgo, anche conosciuto come Ponte del Diavolo. A causa della sua forma insolita, con un’arcata del ponte visibilmente più alta rispetto alle altre, la costruzione è stata protagonista di storie e leggende inquietanti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da IG_TUSCANY_ (@ig_tuscany_)

3. Le Vie Cave della Maremma

Tra Pitigliano, Sovana e Sorano, nel cuore della selvaggia maremma toscana, si trovano le Vie Cave etrusche, uno dei luoghi più insoliti e misteriosi d’Italia. Ad oggi non è possibile decretare il numero esatto di questi cunicoli a cielo aperto scavati nel tufo, né con certezza l’utilizzo che ne veniva fatto in epoca etrusca. Ma proprio grazie alla loro particolare conformazione, sono state riutilizzate anche in epoche successive per riti pagani, religiosi e superstizioni.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Touring Club Italiano (@touringclub)

4. Monte Amiata

Il Monte Amiata è un gruppo montuoso, originato da un antico vulcano non più in attività. Per questo è caratterizzato da rocce e laghetti di origine vulcanica. Svetta sulle valli circostanti, affacciandosi tra le altre su Maremma, Val d’Orcia e Chianti. La sua posizione nell’entroterra la rende una meta nascosta in Toscana, non particolarmente affollata.

La zona propone diversi tipi di itinerari, sia dedicati all’aspetto naturalistico che all’aspetto storico e culturale. Molte sono le riserve naturali della zona, mentre le sorgenti termali dei Bagni di San Filippo sono a parer nostro fra le più belle terme libere d’Italia. Particolari anche i borghi di Rocchette di Fazio e Pieve di Lamula, misteriosi per il loro legame con l’ordine dei templari, mentre più famoso è il borgo medievale di Semproniano.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Laura Franzon (@l.auragram)

5. L’arte e le stelle del Chianti

Non si può certo dire che la zona del Chianti non sia famosa o conosciuta, se non altro dal punto di vista del turismo eno-gastronomico. Ma queste belle colline del centro Toscana nascondono anche zone più insolite, che ti faranno vivere un’esperienza a stretto contatto con natura e arte.

Il Parco delle Sculture del Chianti si estende su sei ettari di terreno ed è composto da installazioni permanenti d’arte contemporanea. L’obiettivo del parco è quello di integrare perfettamente arte e natura per proporre un’esperienza unica. Se poi sei in cerca di un’attività notturna diversa dal solito, l’Osservatorio Polifunzionale del Chianti è il posto che fa per te. Certificato tra “I cieli più belli d’Italia”, l’osservatorio propone eventi e visite guidate adatte a ogni età.

6. Sentierelsa

Un sentiero di trekking piuttosto facile e decisamente suggestivo, il Sentierelsa segue il corso del fiume Elsa, incontrando cascatelle e piscine naturali dove fare il bagno in acque incredibilmente turchesi. Lungo soltanto 4 km totali, il percorso permette di rilassarsi nella natura e scoprire la Toscana nascosta attraverso il Parco Fluviale dell’Alta Val d’Elsa. Suggestive anche le grotte sotto la cascata principale, Grotte dell’Orso e Gore Rotte.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sebastiano Liuni (@sebastiano_liuni)

Se sei in cerca di un itinerario più classico, leggi il nostro articolo sui 5 imperdibili della Toscana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close