Close
Trekking alle Cinque Terre, le 5 gemme italiane

Trekking alle Cinque Terre, le 5 gemme italiane

Per celebrare il Take a Hike Day (la Giornata dell’Escursione), Musement svela una delle aree escursionistiche più amate d’Italia: le Cinque Terre.

Le Cinque Terre sono una delle zone d’Italia più amate e ricche di storia. Sì, è pieno di turisti per la maggior parte americani, ma c’è una buona ragione se loro insieme ad altri turisti provenienti da tutto il mondo, si recano in questo luogo.

In questi 8 km di costa frastagliata della Liguria si trovano Monterosso al Mare, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore, le Cinque Terre. Le Cinque terre sono borghi di pescatori dai bellissimi colori pastello e sono collegate tra loro dalla ferrovia e da strade serpeggianti e vertiginose sui versanti delle colline. Queste colline sono piene di sentieri perfetti per l’escursionismo da cui si ammira lo splendido mare turchese. Non è insolito che i turisti in Italia visitino le Cinque Terre per qualche giorno, sia per crogiolarsi sotto il sole della Liguria e per nuotare nell’azzurro del Mediterraneo, sia spuntare questo sito Patrimonio Mondiale dell’UNESCO dalla lista dei posti da vedere almeno una volta nella vita o semplicemente per assaggiare i piatti locali di mare e la cucina a base di pesto. Tuttavia, chi è alla ricerca di azione e avventura viene qui solo per i sentieri.

Se sei un escursionista neofita, ma non vedi l’ora di scoprire i sentieri e le colline, non lasciarti intimidire dagli escursionisti con sofisticate attrezzature da trekking. Alcuni percorsi sono adatti ai principianti e sono intervallati dai borghi; pertanto, è possibile scegliere di prendersi una pausa, anche facendo una bella nuotata (non dimenticare di metterti il costume da bagno sotto l’abbigliamento da trekking!) prima di proseguire l’escursione. Come è facile immaginare, una meta turistica così popolare prevede un costo per l’escursionismo, e il prezzo giornaliero della Cinque Terre Card parte da 7,50 €.

Al momento, alcuni dei sentieri sono chiusi a causa delle devastanti frane del 2011; tuttavia, ti proponiamo una mappa di tutti i sentieri escursionistici delle Cinque Terre, così da poter pianificare al meglio la tua escursione.


Escursionisti durante una discesa a Vernazza

Il Percorso Blu è il percorso più semplice e maggiormente visitato delle Cinque Terre. È diviso in quattro parti che collegano tra di loro tutti i cinque borghi. Generalmente, i visitatori amano soggiornare a Monterosso in quanto è l’unico dei cinque borghi con una vera spiaggia, e raggiungono uno degli altri quattro borghi in treno o in barca per poi fare l’escursione sula via del ritorno. Il percorso Blu è così strutturato:

  • Il sentiero 2A comprende il tratto di escursione più conosciuto e popolare: la Via dell’Amore (sicuramente avrai visto le foto delle coppie di innamorati in pose scontate e sdolcinate sulla Via dell’Amore nei feed dei social network).  Al momento, solo metà del sentiero è accessibile agli escursionisti (è prevista la riapertura dell’altra metà ad aprile 2018) e la passeggiata da Riomaggiore a Manarola è la più semplice e dura circa 15-20 minuti. Questa particolare camminata lungo una ex linea ferroviaria asfaltata è l’ideale per chi desidera scoprire l’essenza dell’escursione nelle Cinque Terre senza stare troppo a contatto con la natura, con la possibilità di viaggiare tra i borghi senza fare troppa fatica e di ammirare splendidi scorci sul mare.  Il sentiero è accessibile anche ai disabili.
  • Il sentiero 2B collega Manarola a Corniglia e, come il precedente, segue la stessa ex linea ferroviaria, ma si trova più in basso ed è leggermente più lungo (richiede infatti) all’incirca 45-60 minuti). Arrivato a Corniglia (a piedi da questo sentiero o in treno dato non c’è un porto), ti attendono 382 gradini da salire per raggiungere il borgo in collina; in alternativa, è possibile prendere un elegante bus navetta alla stazione ferroviaria. Sfortunatamente, questo sentiero è chiuso fino ad aprile 2018. Qui potrai scoprire per quale motivo.
  • Il sentiero 2C copre il tratto che collega Corniglia a Vernazza; se parti da qui, le racchette da trekking ti saranno utili poiché il percorso si estende tra i due borghi per oltre 3 e richiede poco meno di due ore. Considerato di difficoltà media, il sentiero è ripido e irregolare, con numerose salite e discese lungo il tragitto; la fatica però è ripagata dagli splendidi panorami caratterizzati scorci sul mare e da una ricca vegetazione che comprende uliveti e vigneti.
  • Il sentiero 2D conduce gli escursionisti da Vernazza a Monterosso; è molto simile al precedente (presenta quindi altre salite e discese su terreno ripido e irregolare) ma con splendidi scorci sul mare, sui vigneti e sugli oliveti lungo il tragitto. È un modo straordinario per trascorrere un paio d’ore.


Le Cinque Terre viste dall’alto, un panorama spettacolare

Ci sono anche altri percorsi degni di nota.

  • Una passeggiata di dieci minuti lungo la ex galleria ferroviaria, nella più totale oscurità, ti porterà da Corniglia a Guvano, una spiaggia anche per nudisti. Se non vuoi brancolare nel buio, puoi anche raggiungerla tramite il sentiero X2; tuttavia, ti informiamo che questo sentiero è molto pericoloso.
  • Il sentiero n°1, noto anche come l’Alta Via, non è adatto ai deboli di cuore. Pur non essendo considerati particolarmente ardui da percorrere, i tragitti da un borgo all’altro sono più lunghi rispetto a quelli del sentiero Blu, e i sentieri sono molto più ripidi. L’Alta Via corre sopra i cinque borghi e collega i paesini che si annidano ancora più in alto sulla collina.Di seguito, la disposizione dei sentieri.
  •  Il sentiero 1A copre la distanza da Portovenere al Colle del Telegrafo; naturalmente, è possibile anche fare una deviazione per visitare la roccia del Muzzerone, aggiungendo all’incirca un’altra ora al viaggio che può durare da tre a sei ore, per un tragitto di circa 9 km a una quota massima di circa 513 metri.
  • Il sentiero 1B va dal Colle del Telegrafo a Cigoletta, un tragitto di circa 6 km a una quota massima di 750 metri che richiede da due a tre ore.
  • Il sentiero 1C, che si estende per circa 8,5 km da Cigoletta a Termine, ha una quota massima di circa 812 metri e può richiedere fino a tre ore e mezza.
  • Il sentiero 1D inizia a Termine e si conclude a Punta Mesco, a metà strada tra Monterosso e Levanto, dove è possibile ammirare scorci mozzafiato di tutte le Cinque Terre. Il percorso lungo circa 7 km ha una quota massima di 465 metri, e l’escursione richiede fino a tre ore e mezza.
  • Il sentiero 1E da Punta Mesco a Levanto ha una quota massima di circa 326 metri, è lungo più di 7 km e può richiedere due ore e mezza.

Per ulteriori informazioni, è possibile andare sul sito In Cinque Terre per consultare tutto il materiale informativo riguardo i sentieri escursionistici.

 

 


Non dimenticarti di mettere il costume sotto la tenuta da trekking! Un tuffo nello splendido mare della Liguria ricompenserà la fatica fatta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close