Close
10 siti Patrimonio Unesco in Italia da visitare nel 2020

10 siti Patrimonio Unesco in Italia da visitare nel 2020

L’Italia conta ad oggi 55 i beni nella lista dei Patrimoni Unesco. Scopriamo insieme 10 siti Patrimonio Unesco in Italia da visitare nel 2020.

L’Italia viene chiamato “il Bel Paese” mica per niente: sono moltissimi i posti bellissimi, mozzafiato, dai borghi in collina più e meno noti, ai siti archeologici che raccontano pezzi di storia, la lista sembra infinita. L’Italia infatti è il Paese con il maggior numero di siti Unesco nel mondo (a pari merito con la Cina). Ad oggi sono 55 i beni nella lista, e ne sono stati candidati altri 41.

Nell’attesa di scoprire quali posti entreranno nella lista nel 2020, ve ne consigliamo 10 da visitare al più presto.

1. La Reggia di Venaria Reale

Abbiamo già parlato di Venaria qui, ma si tratta di un luogo talmente bello che non ci stancheremo mai di consigliarlo. Non solo la dimora è una delle Residenze Sabaude e ospita nel corso dell’anno ospita mostre e vernissage, ma i suoi corridoi ampi e bianchi sono davvero mozzafiato con la luce del sole primaverile.

2. Il Cenacolo di Leonardo

I genio del Rinascimento ha lasciato il segno non solo in Italia, ma una delle sue opere più importanti è senza dubbio il Cenacolo che si trova a Milano in Santa Maria delle Grazie. Qui trovate tutto quello che c’è da sapere su questo incredibile affresco.

View this post on Instagram

Come Goethe ben descrive nella sua opera "Il Cenacolo di Leonardo", nei due gruppi di apostoli a sinistra di Gesù, gli Apostoli sembrano reagire con ripugnanza e raccapriccio all'annuncio del tradimento. Da sinistra a destra vediamo Tommaso, con il dito alzato, Giacomo Maggiore, che spalanca le braccia incredulo, e Filippo, che porta le braccia al petto in un gesto accorato. Accanto a loro Matteo si rivolge a Taddeo e Simone, mentre con un ampio gesto delle braccia indica Cristo. ​——- ​As Goethe describes in his work “Leonardo’s Last Supper”, in the two groups of apostles to the left of Jesus, the Apostles seem to react with horror and aversion to the announcement of the betrayal. From left to right we see Thomas, with his finger raised, James the Great, who opens his arms in disbelief, and Philip, who places his arms on his breast in a heartfelt gesture. Next to them Matthew turns to Thaddeus and Simon as, with a broad gesture of his arms, he indicates Christ. ​@museitaliani #cenacolo #thelastsupper #art #milan #mibact #polomusealelombardia #museiamilano #milanodascoprire #artinmilan #drawing  #artist #painting

A post shared by Museo del Cenacolo Vinciano (@cenacolo_vinciano) on

3. L’Arte Rupestre della Val Camonica

Sicuramente uno dei buoni propositi per l’anno nuovo sarà “fare più attività fisica”. Conciliare l’attività fisica con la scoperta del patrimonio che il nostro Paese offre può essere un’ottima idea. L’Arte Rupestre della Valle Camonica è distribuita lungo l’intera Valle, con oltre 180 località sparse su 24 comuni e più di 12 mila anni di storia.

4. Il Villaggio Crespi D’adda

Questo sito Patrimonio Unesco si trova a Capriate San Gervasio in provincia di Bergamo, ed è davvero unico nel suo genere: è una vera e propria città del lavoro, una sorta di feudo con tanto di castello a dominare le case dei lavoratori. Il Villaggio Crespi è ancora oggi un paese abitato in maggioranza dai discendenti dei lavoratori dell’opificio tessile.

5. I Palazzi dei Rolli

Ci spostiamo a Genova alla scoperta dei meravigliosi Palazzi dei Rolli, i palazzi che i nobili genovesi fecero costruire nel centro storico a partire dal 1576 e per decreto i loro abitanti erano obbligati a ospitarvi le personalità di spicco quando facevano visita a Genova; alcuni sono dimore private, altri invece sono visitabili con tour guidati.

6. L’Isola di Tino, Golfo di Venere

I primi weekend primaverili porteranno vento favorevole e voglia di mare. In Liguria, nel Golfo di Venere, si nasconde uno dei piccoli gioielli italiani meno conosciuti tra i siti Unesco. Si tratta dell’Isola del Tino, uno dei luoghi più incontaminati della costa ligure che ospita un’area archeologica in cui si trovano resti dell’epoca romana e rovine del cenobio medievale. Il sito è anche base militare, per questo è visitabile sono in alcuni periodi dell’anno.

7. Il Centro Storico di Urbino

Incastonata tra le colline marchigiane, tra la valle del Metauro e la valle del Foglia, Urbino con il suo centro storico è Patrimonio Unesco dal 1998. È circondata da una lunga cinta muraria in cotto e da edifici in pietra arenaria ed è stata fucina di importanti artisti del Rinascimento. Passeggiare per le vie del centro con la loro atmosfera quattrocentesca significa fare un salto indietro nel tempo.

8. I Trulli, Alberobello

I tetti conici in pietra dei trulli sono iconici e famosi in tutto il mondo. La loro origine è ancora controversa ma ciò che è certo è che ogni anno attraggono milioni di visitatori da tutto il mondo. E una visita ai trulli condita da una deliziosa favetta non potrebbe essere più appropriata per l’arrivo della bella stagione.

9. I sassi Matera

Una città che dopo essere stata Capitale Europea della Cultura nel 2019 non ha bisogno di presentazioni: non solo i suoi sassi e le chiese rupestri costituiscono un patrimonio dal valore storico incommensurabile, ma regalano anche viste sensazionali, specialmente al tramonto.

10. Le Isole Eolie

Sette isole, una più bella dell’altra: vulcani, fondali marini, spiagge incredibili e un mare da mozzare davvero il fiato. Ogni isola è più bella dell’altra e ha una sua peculiarità; la cosa migliore è sicuramente visitarle tutte, magari in barca per poter godere anche di notte dello spettacolo dell’eruzione dello Stromboli.

1 comment

  1. Francesca Verdone says:

    L’Italia è molto bella ma avvolte in alcune città costano molto per visitarle specialmente le Chiese il Papa dice che non dobbiamo pagare eppure si paga dappertutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close