Close
5 musei insoliti per la Giornata Internazionale dei Musei

5 musei insoliti per la Giornata Internazionale dei Musei

Scopriamo insieme 5 musei insoliti e particolari per celebrare la Giornata Internazionale dei Musei, nella speranza di poterli visitare presto.

Ci manca tutto della vita pre-lockdown: ci manca prendere un aereo per fare un weekend in una capitale europea o per fare un viaggio intorno al mondo, ci manca andare al ristorante ad assaggiare pietanze creative e squisite, ci manca avventurarci in alta montagna o in mare aperto; naturalmente ci mancano anche andare al cinema e a teatro, e ci mancano tantissimo i musei. In questo periodo difficile abbiamo cercato di colmare questo vuoto usando le piattaforme di streaming messe a disposizione dai teatri, dai musei, e guardando film e documentari sull’arte.

Il 18 maggio però è la Giornata Internazionale dei Musei e, nella speranza che gli scrigni d’arte italiani (ma non solo) possano tornare ad accoglierci presto, celebriamo a modo nostro: vi portiamo alla scoperta di cinque musei davvero particolari che probabilmente non conoscete e che potete mettere nella vostra lista di posti da vedere insieme alle grandi istituzioni come gli Uffizi o i Musei Vaticani.

1. Museo della Bora, Trieste

Il concetto di per sé è molto creativo e originale. Come si può rinchiudere il vento nelle sale di un museo? Il Museo della Bora è collocato nel Magazzino Dei Venti di Trieste ed è strutturato come un percorso extrasensoriale e personalizzato che fa entrare i visitatori in contatto con il vento più famoso della regione. Tra le altre cose, al museo si può imparare a misurare la velocità del vento, ad attraversare la strada con raffiche di vento che superano i 100 km orari (una skill molto utile per chi abita a Trieste) e tutto quello che c’è da sapere sull’energia eolica.

2. Museo del Rubinetto, Novara

Più precisamente a San Maurizio d’Opaglio, in questo bizzarro e inaspettato museo viene esplorata la storia di un oggetto comune, il rubinetto. Attraverso quello che questa innovazione apparentemente banale ha significato in termini di evoluzione per l’umanità, si approfondisce la storia dell’igiene a partire dal rapporto che l’uomo ha con l’acqua fino ad arrivare all’igiene e alla cura del corpo non più come un lusso, ma come un fenomeno di massa.

3. Museo Criminologico, Roma

Sono in molti ad aver dato fondo a tutte le “scorte” su Netflix di film, telefilm e documentari crime durante questo periodo di lockdown. Roma è sì la Città Eterna, ma per tutti coloro a cui piace sentirsi dei detective ed esplorare le pieghe più oscure della mente umana c’è anche un museo unico nel suo genere. Il Museo Criminologico raccoglie testimonianze della giustizia dall’età antica fino al XVIII secolo, della nascita nell’Ottocento delle istituzioni carcerarie e delle antropologie criminali. Sono anche esposti i “corpi del reato” di alcuni furti con scasso e oggetti relativi a sanguinosi fatti di cronaca nera degli ultimi decenni.

4. Museo della Merda, Piacenza

Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior”, cantava qualcuno. Ed è un po’ questo il presupposto di questo irriverente museo fondato da un agricoltore che è stato in grado di coniugare il suo lavoro con la passione per l’arte contemporanea. Lo spazio del museo è organizzato in modo da mettere in luce come, grazie al riciclo, si possa creare qualunque cosa e come la vita dell’uomo sia, indissolubilmente, legata agli escrementi.

5. Museo del Risparmio, Torino

Saper risparmiare è importante, quindi tanto meglio iniziare ad assimilare questo concetto da piccoli. Concludiamo i festeggiamenti per la Giornata Internazionale dei Musei con il Museo del Risparmio che nasce proprio dall’idea di creare un luogo unico e innovativo dedicato alle famiglie dove i bambini possano avvicinarsi in modo divertente e creativo ai concetti di risparmio e investimento con linguaggio chiaro e semplice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close