Close
8 destinazioni eco-friendly nel mondo

8 destinazioni eco-friendly nel mondo

Dalla Costa Rica a San Francisco passando per le Isole Palau. Musement ti porta in 8 destinazioni eco-friendly in tutto il mondo.

.

In un momento storico in cui la situazione ambientale globale è disastrosa, ci sono alcuni posti nel mondo che si impegnano più di altri per salvaguardare il nostro pianeta e nel ricercare uno sviluppo sostenibile. È importante imparare a viaggiare in modo sostenibile e Musement vi guida alla scoperta di 8 destinazioni ecologiche da scoprire in tutto il mondo, che si distinguono per innovazioni tecnologiche, politiche urbane all’avanguardia o per la tutela della biodiversità.

1. Oslo

Oslo è la destinazione eco-friendly per eccellenza: è una città eco-intelligente che da diversi anni si distingue per aver messo in pratica progetti di edilizia urbana sostenibile volti a ridurre al minimo la Carbon footprint. La Commissione Europea l’ha giustamente nominata Capitale verde europea per il 2019. Un soggiorno in questa Smart City e soprattutto nel nuovo eco-quartiere di Vulkan vi permetterà di scoprire come saranno, ci auguriamo, le città di domani.

2. Vancouver

Lo sapevate che a Vancouver le energie rinnovabili rappresentano il 90% dell’energia utilizzata in città? Vancouver, vera e propria città modello canadese, vi sedurrà con i suoi vasti parchi boscosi, le numerose piste ciclabili e le strade pedonali punteggiate qua e là da piacevoli giardini pubblici.

3. Bhutan

Situato tra l’India settentrionale e la Cina, questo piccolo regno himalayano grande quanto la Svizzera, è l’unico paese al mondo dove la Carbon Footprint è negativa, un’ottima destinazione eco-friendly per un viaggio. Il Bhutan si è aperto al turismo soltanto nel 1974, ma ogni turista che visita il Bhutan contribuisce a sostenere lo sviluppo sostenibile del Paese. Per visitare il Bhutan è’ infatti necessario pagare una tassa giornaliera che include una tassa di sviluppo sostenibile di poco più di 60 dollari al giorno.

4. Costa Rica

Il Costa Rica è una destinazione eco-turistica, da anni affermata come tale. Già nel 1997 è stato introdotto un marchio di certificazione della sostenibilità turistica per incoraggiare lo sviluppo di un turismo eco-responsabile tra le strutture locali. In questo piccolo Paese dell’America Centrale, dove oltre il 25% del territorio è riserva naturale e territorio protetto, vi sentirete in armonia con l’ambiente che vi circonda e vi si offre. Per una vacanza sostenibile al 100%, scegliete di soggiornare in uno dei tanti eco-lodges del Paese, come l’incredibile e innovativa Finca Rosa Blanca Coffee Plantation Resort.

View this post on Instagram

¿Cómo llevo viajando casi 4 años por el mundo? 👉¿Recuerdas el TACO 🌮 del que te hablé hace una semana? (T)ransporte, (A)lojamiento, (C)omida y (O)cio. Hoy hablaremos del segundo elemento: Gastar menos en (A)lojamiento 🏠 (🛑 Si aun no has leído mis posts sobre Como ahorrar para un viaje o Gastar Menos en Transporte, dales una mirada también 😄) 👉 Tus gastos en alojamiento dependerán del lugar en el que te hospedes. No es lo mismo quedarte en un hostal que en un Resort 5 Estrellas, no? 💸 Hay 3 tipos de alojamiento: El pagado, el gratuito y el canjeable por trabajo. 1️⃣ Pagado: Hostales, Hoteles y Airbnb. Los hostales son el perfecto lugar para conocer mas viajeros y gastar menos 💵. En Asia los hostales van de 2-3 dólares en adelante mientras que en Europa y Australia el promedio es de 17 dólares la noche. En America Latina hay hostales de 5 dólares en muy buenas condiciones 📝 Te recomiendo usar @bookingcom @hostelworld y @agoda. La otra opcion es @airbnb, una plataforma donde te puedes hospedar en casas privadas con precios muy razonables. 2️⃣ Gratuito: Couchsurfing, Acampar y Redes Sociales. @couchsurfing es una pagina que te permite hospedarte en casa de locales de manera gratuita. La idea es que tu también puedas hospedar a alguien en algún punto👂Consejo: envía cuantas solicitudes puedas ya que a veces los anfitriones se demoran en responder o incluso ni lo hacen. Lee bien la descripción también para no llevarte sorpresas. 😉 ¿Acampar?⛺️ Yo viajé 8 meses con carpa 🙌🏻. Asegúrate que sea legal acampar a donde estás. Hay lugares que alquilan el espacio por precios bajos para uses su cocina y baños.📱Redes sociales muchas personas me han hospedado a través de Facebook e Instagram (a todos, gracias!). La mayoría son amigos o conocidos, pero gracias a las RS me pude comunicar con ellos. 3️⃣ Canjeable. Trabajar a cambio de alojamiento y comida. Para ello te recomiendo @workawayinfo y @helpxnet donde encontraras distintos trabajos dependiendo del lugar que visitas. Es una gran oportunidad para ahorrar y aprender algo nuevo. ⚠️ La prox semana seguimos, por ahora guarda esta publicación para que accedas a estos consejos mas fácilmente 💪🏼😁 📸 @bratosiewicz

A post shared by Felipe Villegas Múnera (@backpackinglawyer) on

5. San Francisco

Come tutti sappiamo, gli Stati Uniti sono tra i maggiori inquinatori al mondo. Tuttavia, alcune città, come San Francisco, hanno adottato misure politiche per promuovere lo sviluppo sostenibile. Così, La City by the Bay è diventata una città pionieristica per la conservazione dell’ambiente e mira a raggiungere l’obiettivo di “zero rifiuti” entro il 2020 (è già all’80% del suo obiettivo).

6. Oman

La penisola arabica raramente è associata all’ecologia. Tuttavia, il Sultanato dell’Oman incoraggia fortemente lo sviluppo di un turismo eco-responsabile e promuove la ricchezza del suo patrimonio naturale che può essere scoperto attraverso trekking in montagna, snorkeling, tour in mountain bike e visite guidate alle piantagioni di roseti in primavera.
Attualmente in costruzione, il Oman Botanical Garden, a Muscat, dovrebbe presto aprire le sue porte. Il progetto è stato creato per proteggere la biodiversità locale e preservare le specie vegetali in pericolo in un complesso con una Carbon Footprint ridotta.

7. Nuova Zelanda

Non si può parlare di destinazioni eco-friendly senza menzionare la Nuova Zelanda, il suo ecosistema e la sua natura particolarmente ben conservata. E’ un paradiso per gli amanti delle escursioni in terre selvagge alla scoperta di una fauna e di una flora incomparabile. Tuttavia, il Paese deve affrontare molti problemi ambientali, in particolare a causa del turismo di massa. Pertanto, a partire dal 1 ottobre, ogni turista che entra in Nuova Zelanda dovrà pagare un’ecotassa denominata IVL (International Visitor Conservation and Tourism Levy) dell’importo di 35 dollari neozelandesi al fine di contribuire alla transizione ecologica del Paese e alla conservazione dell’ambiente.

8. Palau

Le isole Palau sono un vero paradiso per le immersioni subacquee e sono quindi molto popolari tra i turisti che purtroppo però non sempre hanno una forte coscienza ecologica. Per evitare che il meraviglioso ecosistema di questo ambiente unico nel suo genere si deteriori ulteriormente (per non parlare delle drammatiche conseguenze del riscaldamento globale che si fanno sentire un po’ di più ogni anno), nel 2017 la Repubblica di Palau ha adottato una politica turistica che non è passata inosservata. Ogni turista che desidera visitare l’isola deve prima far timbrare il proprio passaporto e firmare il Giuramento di Palau. Questo è un testo scritto dai bambini del Paese, che impegna i visitatori a rispettare l’ambiente e a non lasciare tracce indelebili. Solo dopo aver firmato l’impegno ecologico, il visto viene concesso al turista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close