Close
Oltre la Costa Azzurra: tre città da scoprire

Oltre la Costa Azzurra: tre città da scoprire

Ecco tre villaggi dell’entroterra da visitare in Costa Azzurra.

Non sorprende che alcuni degli artisti più innovativi del XX secolo si siano ispirati ai colori, ai luoghi e agli odori della Costa Azzurra. Mentre molti si dirigono verso la Provenza e verso le città della Costa Azzurra, come Nizza e Cannes, c’è un’altra area nel sud della Francia dove ci sono delle vere perle: la regione delle Alpi Marittime.

Anche se spesso questa zona incastonata tra il blu del Mediterraneo e le Alpi viene assimilata con la Provenza o con la Costa, questa piccola regione ha una propria cucina tipica, un propria cultura e tante cose da scoprire.

1. Saint-Paul-de-Vence

Il pittoresco villaggio medievale di Saint-Paul-de-Vence è stato a lungo un rifugio di Jean-Paul Sartre, Pablo Picasso, Jacques Prévert e di moltissime stelle del cinema francese e americano.

Il centro della città, noto soprattutto per i suoi stretti legami con il mondo dell’arte, è costellato di gallerie che ospitano di tutto, dalla scultura, alle ceramiche, a dipinti contemporanei. Il legame artistico più eminente di Saint Paul de Vence è quello con Marc Chagall, uno dei più grandi nomi dell’arte surrealista ed espressionista del XX secolo, che in questa città visse, morì e vi fu sepolto.

Oltre alle gallerie d’arte, gli amanti dell’arte devono visitare la Fondation Marguerite et Aimé Maeght, e la seicentesca Chapelle des Pénitents Blancs, con le sue vetrate stupende, dipinti, sculture e vivaci mosaici.

Poco più lontano, Vence, a due passi da Saint Paul, vanta una cappella progettata e decorata alla fine degli anni Quaranta da Henri Matisse. A Vence si trova anche la casa di Auguste Renoir dove si intratteneva con amici come Chagall, Matisse, Picasso, Picasso, Monet e D. H. Lawrence, e la sua bottega che offre una panoramica del lavoro e della vita dell’artista. Per un soggiorno davvero autentico e lussuoso a Saint Paul de Vence, l’hotel La Colombe d’Or, offre un soggiorno raffinato ed era il buen ritiro preferito di molti ospiti illustri della città.

2. Eze

I primi insediamenti umani nella zona di Eze risalgono al 2000 a.C. e non c’è da stupirsi, visto il panorama spettacolare che si ammira da questa città, uno dei più belli che la Costa Azzurra abbia da offrire.
Perfetto per una gita in giornata da Nizza, Eze si trova sulle colline alle spalle di Monte Carlo.

Arroccato sulla cima di una collina rocciosa, offre la vista più perfetta di tutta la costa. Passeggia per le tortuose strade della città, dove brasserie francesi, negozi d’arte e graziose boutique fanno da sfondo, o sali fino al Jardin Botanique d’Èze, per ammirare cactus, succulente e i resti del castello medievale. Chi chi si sente particolarmente avventuroso può percorrere il sentiero il Sentiero di Nietzsche, un’escursione di 90 minuti dalla costa fino al paese. È faticoso, ma ne vale la pena.

Per un’esperienza unica, prenota il due stelle Michelin La Chèvre d’Or: non solo il cibo è incredibile, ma sarà anche accompagnato da una splendida vista sul blu del Mediterraneo. Se il cibo stellato non fa per te, prova uno dei tanti ristoranti arroccati lungo le mura della città per una vista simile a un prezzo più contenuto.

3. Biot

Il villaggio di Biot, ha origini che risalgono all’Antica Roma: dopo essere stato invaso dai pirati, il villaggio è stato riportato alla civiltà dai Cavalieri Templari che si sono stabiliti nel castello di Biot. Oggi, è famoso soprattutto per le sue bolle di vetro e l’atmosfera tranquilla.

Una visita a Biot non sarebbe completa senza quattro tappe: nella parte più nuova del villaggio, visita il Museo Fernand Léger e La Verrerie de Biot per una panoramica sulla soffiatura del vetro (si può anche provare) e per acquistare qualche souvenir. Vale la pena di salire fino al vecchio villaggio per passeggiare lungo le strade tortuose che conducono alla Place des Arcades, la piazza centrale caratterizzata dai portici. Qui, l’omonimo ristorante custodisce un segreto speciale: le cantine sono state dipinte da uno dei suoi clienti più famosi, Pablo Picasso in persona. Se provi a chiederlo con gentilezza, i proprietari del locale ti porteranno ad ammirare murale poco conosciuto del celebre artista spagnolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close