Close
6 motivi per visitare Al Quoz a Dubai

6 motivi per visitare Al Quoz a Dubai

Musement ti porta nel quartiere di Al Quoz, il vivace centro artistico, culturale e del design di Dubai.

Quando si pensa Dubai, con ogni probabilità la prima cosa che viene in mente è una delle seguenti: lusso, novità, sfarzo, grattacieli, modernità, imponenza e glamour. E, sebbene tutto ciò sia innegabile e l’emirato sia una vera meraviglia, nella città dell’oro c’è molto di più da scoprire di quanto non si pensi.

Al Quoz, il cuore pulsante delle industrie degli Emirati, è il quartiere del design di Dubai, nascosto all’ombra di grattacieli come il Burj Khalifa. Questo centro culturale e creativo rappresenta lo yang affascinante e grintoso che contrasta con lo ying della facciata avveniristica dell’emirato. Nessun tour di Dubai sarà completo senza una passeggiata improvvisata in questo animato quartiere.

Ecco 6 motivi per visitare il quartiere Al Quoz di Dubai.

1. Salsali Private Museum

Situato su Alserkal Avenue, il Salsali Private Museum (SPM) è il primo museo privato di Dubai di arte contemporanea mediorientale e internazionale. Il museo ospita una permanentemente di 900 pezzi provenienti dalla collezione privata del proprietario Ramin Salsali, oltre a mostre temporanee di artisti provenienti da tutto il mondo.

2. Alserkal Avenue

Questo complesso recintato è il vero fulcro dell’arte contemporanea di Dubai, probabilmente il più vivace del Medio Oriente. Sede di decine di gallerie (per non parlare di quelle altre nelle strade laterali), Alserkal Avenue è una delizia per gli affamati di cultura. Visita il Carbon 12 che, fin dalla sua apertura 10 anni fa, è stato uno dei primi avamposti dell’arte contemporanea dell’emirato; visita anche The Third Line, che si concentra esclusivamente su artisti mediorientali contemporanei, Isabel Van den Eynde che ospita alcuni dei migliori talenti mediorientali e nordafricani, e Leila Heller, avamposto di un’apprezzata galleria newyorkese che giustappone gli artisti occidentali ai talenti mediorientali, centrali e del sud-est asiatico.

3. Ristoranti deliziosi

Non dovrebbe sorprendere che chi viene ad ammirare l’arte ad Al Quoz abbia un’ampia scelta, tra ristoranti e bar, di luoghi dove fare rifornimento. Wild & the Moon è il luogo ideale per sorseggiare succhi e spiluccare piatti sani a base di verdure, mentre Appetite è un elegante spazio di co-working dove si può anche mangiare, leggere e incontrare altre persone. Gli amanti della carne non dovrebbero lasciarsi sfuggire l’opportunità di provare un hamburger da Tom & Serg, uno dei ristoranti consigliati dal nostro esperto del posto, mentre i golosi di cioccolato potranno assistere all’intero processo di lavorazione del cacao, dalla fava a barretta, a Mirzam, un produttore di cioccolato artigianale del posto. I caffeinomani sicuramente vorranno andare alla Raw Coffee Company, dove li attendono miscele biologiche provenienti da Etiopia, Perù, Messico, Guatemala, Myanmar e Nicaragua, o al Night Jar, un’altra torrefazione esemplare, nonché caffetteria.

4. Shopping e altro ancora

Data la sua fama come quartiere molto importante per l’arte, non stupisce che Al Quoz possa vantare alcuni dei negozi più eccentrici di Dubai nei quali si possono trovare regali e souvenir fantastici. Boo-burys vende mobili fatti a mano provenienti dal Regno Unito, nonché fantastici oggetti d’antiquariato e ceramiche, mentre l’Heritage Touch è noto per i suoi incredibili prodotti artigianali arabi, indiani e africani, come vasi, tappeti, quadri e molto altro. Made by Native offre bellissimi articoli artigianali in pelle e gli amanti delle sneaker dovranno sicuramente dare un’occhiata a Good Life Space. Cartel, con la sua atmosfera da 10 Corso Como, è un concept store che mette in risalto stilisti emergenti provenienti da tutto il mondo, tra cui Dion Lee dall’Australia, 42/54 dal Belgio e Poserazzi dagli Emirati Arabi. Alcuni di questi fanno parte di The Collective by Ripe, una brillante fusione di intelligenti concept store situati in un cortile. Non perderti Jam Jar per corsi e lezioni d’arte incredibili.

5. I luoghi delle arti dello spettacolo

In questo quartiere ci sono anche molti posti dove è possibile assistere a spettacoli dal vivo e proiezioni. The Junction è famoso per la stand-up comedy e per il cabaret, nonché per le produzioni teatrali e di danza eseguite da talenti locali. A proposito di talenti locali, sul palco di The Fridge è possibile trovarne diversi che si esibiscono in spettacoli musicali e concerti. Se apprezzi il cinema d’essay, controlla gli orari del Cinema Akil che proietta film stranieri e selezioni popolari dal circuito del festival del cinema.

6. Festival ed eventi

Il quartiere è sede di alcuni festival incredibili come il Quoz Arts Festival che si terrà il 25 e il 26 gennaio. Il quartiere è in fermento durante la Dubai Art Week,, che si terrà dal 14 al 24 marzo, e la Dubai Art Fair, dal 20 al 23 marzo, che riunirà 90 gallerie d’arte provenienti da 40 paesi diversi. La maggior parte delle festività perDubai Design Week, il più grande festival creativo della regione, si svolgono qui. L’edizione del 2019 cadrà il 12 novembre e durerà fino al 19. Se quest’anno sei in città in una qualsiasi di queste date, assicurati di partecipare a almeno a una delle moltissime attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close