Close
15 delle sculture più famose del mondo

15 delle sculture più famose del mondo

Ecco le 15 delle statue più famose del mondo.

 

Musement ti accompagna in un giro del mondo alla ricerca di 15 delle sculture più conosciute.

1. David di Michelangelo

Il simbolo di Firenze, è esposto alla Galleria dell’Accademia rappresenta l’esaltazione delle virtù civiche della Repubblica fiorentina ed è un indiscusso capolavoro del Rinascimento. David è ritratto prima della lotta contro Golia.

2. Apollo e Dafne

La Galleria Borghese di Roma ospita Apollo e Dafne del Bernini, un capolavoro barocco. La scultura rappresenta la metamorfosi in alloro della ninfa Dafne, che fu trasformata da suo padre Zeus per sfuggire all’aggressione di Apollo.

3. Il Ratto di Proserpina

Questa scultura appartiene allo stesso gruppo di Apollo e Dafne e rappresenta il rapimento di Proserpina da parte del dio degli inferi, Plutone. Il modo straordinario in cui la mano di Plutone affonda nella carne di Proserpina fa venire la pelle d’oca.

View this post on Instagram

⏳🕯

A post shared by Elisa 🍑 (@elisa_mazzucchi) on

4. La sfinge di Giza

Al Cairo, di fronte alle piramidi del sito di Giza, si trova la monumentale Sfinge con la testa del faraone rivolta verso il sole nascente.

5. Il Pensatore

Questa scultura in bronzo è la più famosa di Rodin e si trova nel museo a lui dedicato a Parigi. La sua muscolatura è impressionante ed evidenzia una certa potenza, ma anche un’autentica fragilità che si riflette nell’espressione del corpo curvo come un gigantesco punto interrogativo.

6. Cristo Redentore

Questa statua monumentale sorge sul monte Corcovado, è uno dei simboli più importanti del cristianesimo nel mondo e domina la città di Rio de Janeiro in Brasile.

7. Il Manneken-Pis

All’angolo di Rue de l’Étuve e Rue du Chêne si trova la fontana del Manneken-Pis, un ragazzino spudorato, alto appena cinquanta centimetri. Un vero simbolo di Bruxelles; gli abitanti della città hanno l’abitudine di vestirlo per i grandi eventi. La statua originale è conservata nel Museo della città di Bruxelles.

8. I Moai

Il mistero che ruota attorno a questi giganti con le spalle rivolte al mare sull’Isola di Pasqua non cesserà mai di affascinarci.

9. Venere di Milo

Scoperta nel 1820 sull’isola di Milo, la divinità greca mutilata è alta oltre 2 metri ed è di una bellezza misteriosa e affascinante; è conservata al Museo del Louvre.

View this post on Instagram

Milo Venüsü. MÖ 100. Antik Yunan heykel sanatının en ünlü örneklerinden birisi olan bu mermer heykel, 203 cm boyundadır. 1820 yılında Yunanistan’ın Milos Adası’nda bulunmuştur ve XVIII. Louis tarafından Fransa’ya getirilmiştir. Bu tanrıçanın zarif heykeli keşfinden bu yana herkesi büyülemeye devam ediyor. Genellikle yarı çıplak olarak tasvir edilen Afrodit mi, yoksa Melos adasında saygı gören deniz tanrıçası Amfitrit mi olduğu şüpheli. Heykel, geç Helenistik Dönem boyunca yapılan heykel çalışmalarını yansıtıyor: spiral kompozisyon, mekandaki konumlandırma ve kumaşın kalçalar üzerine düşmesi gibi yenilikçi özelliklere sahip. _____________________ Venus de Milo. 100 BC. This graceful statue of a goddess has intrigued and fascinated since its discovery on the island of Melos in 1820. Is it Aphrodite, who was often portrayed half-naked, or the sea goddess Amphitrite, who was venerated on Melos? The statue reflects sculptural research during the late Hellenistic Period: classical in essence, with innovatory features such as the spiral composition, the positioning in space, and the fall of the drapery over the hips. #arkeofili #arkeoloji #archaeology #venusdemilo #milovenüsü #louvremuseum

A post shared by Arkeofili (@arkeofili) on

10. Nike di Samotracia

La Vittoria di Samotracia è un’altra scultura greca di epoca ellenistica conservata al Louvre, famosa e misteriosa come la Venere di Milo.

11. La Statua della Libertà

Costruita su Liberty Island, la Statua della Libertà a New York non ha bisogno di presentazioni.

12. La Sirenetta

Sul lungomare di Copenahgen, ispirata al racconto di Andersen e simbolo dell’attaccamento dei danesi al mare, si trova la statua della Sirenetta di Edvard Eriksen, un vero simbolo della città.

View this post on Instagram

{copenaghen}

A post shared by 𝙋𝙖𝙤𝙡𝙚𝙩𝙩𝙖 (@paolettamand) on

13. La Pietà

Una Vergine Maria piangente e particolarmente giovane, simbolo di verginità, tiene sulle sue ginocchia il corpo senza vita di Gesù: si tratta della Pietà di Michelangelo. Questa importante opera del Rinascimento si trova nella Basilica di San Pietro in Vaticano.

View this post on Instagram

La Pietà di San Pietro è uno dei più celebri capolavori dello scultore Michelangelo. Qui il Maestro fiorentino si mette subito in mostra il suo talento, infatti viene incaricato a soli 23 anni di scolpire il gruppo marmoreo rappresentante la Pietà. La Vergine è una fanciulla col volto appena velato di tristezza che sorregge amorevolmente il corpo di suo figlio Gesù, anch’egli ugualmente giovane. La giovinezza della Vergine sta ad indicarne la purezza. Per ottenere questa perfezione Michelangelo utilizza il metodo “per via di levare” che consisteva nel rompere il blocco compatto con lo scalpello battuto ed eliminando via le schegge; lui, infatti, trova errato il metodo “per via di porre”, cioè aggiungendo materia a materia, usato da molti del suo tempo. (📷: @lucygobbi ) #italianarts #italianart #italianart_ #italianartist #pieta #pietàdimichelangelo #michelangelo #vaticano #basilicadisanpietro #roma #rome #arteitaliana

A post shared by Italian Art (@italianart_) on

14. Lupa capitolina

Sapevate che Romolo e Remo furono aggiunti soltanto nel Rinascimento alla statua del Medioevo? La Lupa è così divenuta “Mater Romanorum” e racconta la leggenda della fondazione di Roma. È possibile vederla nei Musei Capitolini a Roma.

15. Maman

Va bene, questa non è una delle sculture più famose al mondo, ma volevamo terminare questo articolo con un’allusione. Quindi, questa è la nostra dedica speciale a tutti i fan di Stranger Things. Maman, l’opera principale di Louise Bourgeois è attualmente visibile al Guggenheim di Bilbao. Il ragno ha raggiunto anche la Tate Modern di Londra che l’aveva commissionato, il Museo di Belle Arti di Ottawa, e il museo Mori di Tokyo.

View this post on Instagram

Louise Bourgeois #art #louisebourgeois #justgooddesign

A post shared by Just good design (@just.good.design) on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close