Close
Dove mangiare a Barcellona evitando i posti turistici

Dove mangiare a Barcellona evitando i posti turistici

Vuoi sapere quali sono i migliori ristoranti dove mangiare la paella, provare tapas deliziose e assaggiare il vermut mentre visiti Barcellona? Per provare i ristoranti più autentici della capitale catalana ecco le dritte di una persona che vive la città ogni giorno.

Se siete come me, anche solo un pochino, allora la vostra priorità quando viaggiate è sapere dove e cosa mangiare. E, per quanto mi riguarda, meno il posto è turistico meglio è; non voglio semplicemente sperimentare la cucina locale o regionale, ma voglio anche sostenere le piccole attività, spesso a conduzione famigliare, che si trovano in città.

A mio modesto parere questo approccio è decisamente più gratificante (sia per te che per gli abitanti della città) che andare a mangiare in uno dei tanti Pans & Company – una catena spagnola di fast food – che stanno spuntando ovunque a Barcellona.

Le tapas ti sorprenderanno senza svuotarti il portafogli

La Spagna è conosciuta in tutto il mondo per le tapas, pietanze delle dimensioni di qualche boccone che vengono offerte quando si ordina un bicchiere di vino o qualsiasi altra bevanda. Le più comuni sono le patatas bravas (patate fritte e croccanti condite con una salsa piccante, o molto piccante), la tortilla (una frittata di patate), lo jamón ibérico (prosciutto crudo tagliato finemente) e le croquetas (crocchette di pesce, di carne o di formaggio filante).

Patatas Bravas – photo credits in fondo all’articolo

Insomma, capirete presto che, quando si va in vacanza in Spagna, contare le calorie è una battaglia persa in partenza.

Per mangiare le tapas i miei posti preferiti sono piccoli bar a conduzione famigliare lontani dai percorsi più turistici. Nel quartiere di Sant Antoni c’è il Bar Ramon, dove le bombas (crocchette di patate dalla forma sferica ripiene di carne), i setas (funghi cotti in padella) e i gambas al ajillo (gamberi all’aglio) sono così buoni che vi verrà voglia di tornarci ogni sera. Questo ristorante è sempre molto affollato perciò vi consiglio di chiamare in anticipo per prenotare un tavolo – magari fatevi aiutare da un amico spagnolo o catalano.


Gambas al ajillo

A soli 100 metri da lì si trova La Bodega D’en Rafel  un vero ritrovo per le persone del posto dove simpatici signori di mezza età servono albondigas (polpette), jamon tagliato al coltello e tortilla appena fatta.

Una paella degna dell’approvazione di una nonna spagnola

Non c’è niente che mi faccia sentire che l’estate sta arrivando quanto pranzare in riva al mare con una gigantesca paella fatta al momento.

La paella è un piatto a base di riso che può comprendere frutti di mare, pollo, coniglio e verdure, ed è l’ideale per un pranzo gustoso. I miei amici spagnoli infatti, dicono che è assolutamente da evitare per cena perché è troppo pesante come piatto.


Paella!

Di solito cerco di evitare i ristoranti lungo le strade principali di Barcelloneta (la spiaggia di Barcellona) e mi dirigo verso il labirinto di strette viuzze che c’è nelle vicinanze. Qui si trova Can Ramonet, un posto molto conosciuto per la qualità della sua paella e per l’autenticità del locale.

Se invece voglio fare le cose in grande – soprattutto quando ci sono amici che vengono in visita in città – mi dirigo dalla spiaggia fino in cima alla collina di Montjuïc al Restaurant Martínez, un fantastico ristorante dove dovete assolutamente provare la paella di coniglio mentre vi godete la vista della città dall’alto.
È mezzogiorno ed è domenica? È ora di un vermut!

In Spagna non solo mangerete benissimo, ma berrete anche altrettanto bene! Quella di “prendersi un vermut”, per esempio, è un’usanza a cui mi sono abituata molto velocemente quando mi sono trasferita a Barcellona e, come si può intuire, prevede il vermouth, un tipo di vino dolce liquoroso.


La domenica a mezzogiorno è il momento ideale per un bicchiere di vermut (photo credits a fine articolo)

Il vermut però è anche un rito che accompagna l’aperitivo – dove vengono servite pietanze più piccole rispetto alle tapas come le boquerones en vinagre (le acciughe marinate), le mejillones (le cozze), i berberechos (molluschi). Molti di questi prodotti sono prodotti in scatola, ma, come ho scoperto, questo non è affatto sinonimo di scarsa qualità, tutt’altro!  La qualità eccellente dei frutti di mare in scatola in Spagna vi lascerà sbalorditi.

Le Boquerones en vinagre sono perfette da mangiare mentre si sorseggia un bicchiere di vermut

Gli spagnoli solitamente si prendono un vermut la domenica a mezzogiorno, e se volete fare come loro potete fare un salto alla Bodega La Punctual nel quartiere di El Born, al Bar Bodega Quimet nella zona di Gracia o al Bar Bodega Carol vicino al quartiere di Clot.
I dolci tradizionali stuzzicheranno il vostro palato

La città di Barcellona – come del resto la maggior parte della Spagna – celebra le festività religiose in molti modi diversi, e una delle cose che amo di più è il fatto che per ogni festa c’è un dolce tradizionale che compare nei negozi della città durante il periodo di festeggiamenti dell’anno.

Durante il giorno del Los Reyes a gennaio, le panetterie si riempiono di Roscón de Reyes, un pandolce a forma di anello decorato con frutta candita. All’interno della torta sono nascosti un fagiolo secco e un piccolo re giocattolo: chi trova il fagiolo nella sua fetta deve pagare la torta, chi trova il re può indossare la corona di carta che viene data insieme alla torta.


El Roscón de Reyes compare nelle panetterie intorno al 6 gennaio

Anche il cambio di stagione è foriero di specialità deliziose. Per esempio, l’horchata (una bevanda a base di zigolo dolce) si beve in estate – il posto migliore per farlo è il Sirvent Barcelona – mentre le castañas (le caldarroste) e le boniatos (patate dolci fritte) vengono vendute in inverno da bancarelle agli angoli delle strade; la primavera invece è il periodo dei calçots, che sono cipollotti cotti sul fuoco e sono decisamente i miei preferiti.


Se sei a Barcellona in primavera unisciti a una calçotada, un evento dove si mangiano i calçots

Photo credits: 

Patatas Bravas: leoglenn_g via Visualhunt.com / CC BY 2.0
Gambas al ajillo: stu_spivack via  Visualhunt.com / CC BY-SA
Paella:  VisualHunt
Vermut: kerinin via  Visualhunt.com / CC BY-SA
Boquerones: fernand0 via Visualhunt.com / CC BY-SA
Calçots:  jbelluch via Visualhunt.com / CC BY-ND

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close