Close
Le Final Eight a Firenze

Le Final Eight a Firenze

Marco D’Arienzo ci racconta le Final Eight che si terranno questa settimana a Firenze.

Febbraio si avvicina, e come ogni anno la LegaBasket si prepara all’arrivo della PosteMobili Final Eight di Coppa Italia: dal 14 al 17, infatti, sono in programma quattro giorni di festa interamente dedicati alla diffusione della cultura della pallacanestro. Sarà ancora il Nelson Mandela Forum di Firenze a ospitare l’evento, per il secondo anno di fila. Un appuntamento che aspira a diventare un appuntamento fisso per una città che ha tanto da offrire e che sta investendo sempre di più per ridare luce al movimento cestistico. L’anno scorso, infatti, sono stati registrati dei numeri molto importanti, sia in termini di partecipazione che di soddisfazione. Oltre 25.000 spettatori nei quattro giorni di manifestazione: le otto tifoserie si sono alternate sugli spalti in maniera esemplare e hanno regalato uno spettacolo meraviglioso in uno scenario che ha dimostrato sin da subito di essere all’altezza. Tante, tantissime, le attività collaterali che hanno fatto da contorno alla manifestazione e che sono riuscite a coinvolgere un numero incredibile di appassionati e curiosi che sono accorsi al Mandela Forum per godersi un pomeriggio diverso dal solito.

Turismo e sport: un connubio vincente. Il numero di appassionati che seleziona le mete dei propri viaggi in base ad un evento sportivo, infatti, è aumentato vertiginosamente negli ultimi anni ed è in costante crescita. La pallacanestro stessa, poi, dopo aver vissuto anni bui sta ritornando a essere appetibile da un punto di vista mediatico e in grado, finalmente, di smuovere le masse. Il ritorno a grandi livelli di piazze importanti come Bologna (sponda Virtus), Brescia e Torino (vincitore a Firenze lo scorso anno tra lo stupore generale) ha aiutato non poco in tal senso. E la scelta di portare le Final Eight a Firenze, capitale dell’arte Rinascimentale italiana, non è casuale. Si lavora da anni, infatti, per recuperare quel bacino d’utenza formato dai tanti appassionati che, purtroppo, non hanno la fortuna di veder giocare la squadra della propria città a grandi livelli. Una sfortuna che accomuna alcune grandi città italiane come Roma, Firenze, Napoli, Genova, Palermo. Riportare queste città in A1 in un futuro piuttosto vicino è sicuramente la più grande sfida a cui è chiamata la Lega nei prossimi anni. Per ridare al basket italiano una dimensione internazionale e far si che acquisisca la forza mediatica necessaria per tornare ad essere secondo solo al calcio nel nostro Paese.

È giusto, infine, spendere due parole anche sul campo. Perché, alla fine, lo spettacolo più bello resta quello che offriranno i campioni sul pitturato. Milano arriva all’atteso appuntamento di coppa da regina dei pronostici. I lombardi, infatti, hanno chiuso il girone d’andata con 14 vittorie e una sola sconfitta all’attivo, patita ad Avellino. Nonostante i problemi di formazione (gli infortuni di Gudaitis e Tarczewski hanno ridotto all’osso le rotazioni sotto canestro), l’Olimpia sarà decisamente la squadra da battere. Ma in coppa le sorprese spesso sono dietro l’angolo, e la finale tra outsider dello scorso anno (Brescia-Torino) ne è un esempio. E allora Venezia e Cremona sono pronte a uscire fuori dai blocchi. Avellino dopo l’addio di Norris Cole fa molta meno paura, mentre Sassari e Brindisi hanno da sempre abituato il pubblico a grandi sorprese. Bologna è chiamata al difficile esordio ai quarti di finale contro Milano, ma ha i numeri per dare fastidio. Varese, invece, torna a giocarsi le sue carte nelle Final Eight dopo qualche anno d’assenza.

Otto squadre a darsi battaglia sul parquet, una vera e propria scorpacciata di pallacanestro ed un palcoscenico d’eccezione. Non c’è un solo motivo valido per perdersi lo spettacolo delle Final Eight quest’anno e scoprire se sarà l’Olimpia a trionfare o se, ancora una volta, ci saranno sorprese inattese all’orizzonte. Per tutti gli appassionati di sport, è decisamente Firenze la destinazione ideale per un San Valentino indimenticabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close