Close
Castel Sant’Angelo: 5 curiosità che forse non sapevi

Castel Sant’Angelo: 5 curiosità che forse non sapevi

Scopriamo insieme alcune curiosità su Castel Sant’Angelo, uno dei monumenti di Roma più famosi e importanti del mondo.

A Roma ci sono tantissime cose da fare e da vedere: dai Fori Imperiali al Colosseo, dalle vie caratteristiche alle zone più turistiche, ogni angolo di Roma racconta una storia, sempre antica e piena di fascino.

Uno dei monumenti più famosi della Città Eterna, iconico forse quanto San Pietro con la sua cupola, è senza dubbio Castel Sant’Angelo. Venne costruito a partire dal 125 a. C. dall’Imperatore Adriano che voleva un mausoleo funebre che non passasse inosservato, ma venne ultimato molti anni più tardi, nel 139, da Antonio Pio e venne poi adibita a fortezza e prigione. Per questo raccontare la sua storia significa raccontare i segreti di una Roma inedita, poco conosciuta e, a tratti, un po’ macabra.

Ecco quindi cinque curiosità su Castel Sant’Angelo che forse non sapevi.

1. Il suo nome

Fino al 590 il monumento che tutti conosciamo come Castel Sant’Angelo si chiamava Mausoleo di Adriano, proprio per il motivo di cui abbiamo appena parlato. Nel 590 però un’ondata di pestilenza stava investendo Roma: l’arcangelo Michele apparve a Papa Gregorio I durante una processione al Mausoleo mentre rinfoderava la spada come segno della fine della peste. Ai più scettici diremo soltanto che la peste ebbe fine, e che ancora oggi è possibile vedere le impronte dell’arcangelo sulla pietra dove apparse. Quindi, in onore dell’arcangelo Michele e della buona notizia che aveva portato, il Mausoleo Adriano venne chiamato Castel Sant’Angelo e una statua raffigurante l’angelo venne collocata in cima al monumento.

View this post on Instagram

Ecco gli orari e le tariffe per l’ingresso al Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo, in vigore dal 1° agosto 2019: Orari dal lunedì al mercoledì dalle ore 9.00 alle ore 19.30 La biglietteria chiude alle ore 18.30 dal giovedì alla domenica dalle ore 9.00 alle ore 24.00 La biglietteria chiude alle ore 23.00 Biglietti tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 19.30 € 15,00 intero; € 2,00 ridotto Dal giovedì alla domenica dalle ore 19.30 alle ore 23.00 € 7,50 intero; € 2,00 ridotto​ Fino al 3 novembre 2019 il biglietto consente l'accesso anche a Palazzo Venezia e alla mostra “Bvlgari. La storia, il sogno”; la mostra, al Castello, il giovedì sera resta aperta fino alle 24.00 (ultimo ingresso ore 23.00) Restano valide le gratuità previste dal Mibac. Tutte le info su castelsantangelo.beniculturali.it #castelsantangelo La foto sono di @giuliopugliese e @kevinstaleyjoyce

A post shared by Castel Sant’Angelo (@castelsantangelo) on

2. L’angelo

La statua che abbiamo appena menzionato ha una storia interessante e piuttosto travagliata. Essendo fatta di legno, in breve tempo si rovinò fino a sgretolarsi, e venne sostituita da un angelo di marmo, che venne distrutto durante un assedio nel 1379. A questo ne seguì un terzo, sempre di marmo con le ali di bronzo, che venne incenerito da un fulmine nel 1497; venne dunque posto sulla sommità di Castel Sant’Angelo una statua di bronzo dorato, ma anche questa, a un certo punto, venne tolta dalla sua posizione privilegiata e fisa per farne dei cannoni durante la calata dei Lanzichenecchi nel 1527. Dopo un altro angelo di marmo e bronzo, nel 1573 fu la volta dell’angelo di bronzo che sopravvive ancora oggi.

View this post on Instagram

Stasera alle 21.00 l'appuntamento è con @officialdegibri per la rassegna di @artcityestate2019 Sere d'Arte – Notti di Musica a Castello 🎼🌕 – Eli Degibri Quartet – Eli Degibri sax, Tom Oren piano, Tamir Shmerling contrabbasso, Eviatar Slivnik batteria – Sassofonista, compositore e band-leader riconosciuto a livello internazionale, Eli Degibri è un musicista incredibilmente dotato, una fonte inesauribile di talento artistico sia come compositore che come leader. Noto per le sue esibizioni carismatiche, Degibri si fa conoscere suonando al fianco di Herbie Hancock, diventando poi il sideman di Al Foster, che accompagnerà per quasi 10 anni. Il suo attuale quartetto è composto da tre giovani e promettenti musicisti: il pianista Tom Oren, il batterista Eviatar Slivnik e il bassista Tamir Shmerling. – #castelsantangelo #artcityestate2019 – Per info e prenotazioni link in bio foto di @julian_h501

A post shared by Castel Sant’Angelo (@castelsantangelo) on

3. Il ponte

Se pensiamo a Castel Sant’Angelo, l’immagine a cui tutti pensiamo è quella della fortezza come punto di fuga di una prospettiva tratteggiata da Ponte Sant’Angelo (detto anche Ponte Elio), l’iconico ponte ornato da statue di marmo. Un tempo, al posto delle magnifiche statue del Bernini, c’erano le teste mozzate dei condannati a morte. Una decorazione decisamente più macabra che faceva da monito a chi passava di lì.

4. Il boia

Tutte quelle teste non si mozzavano da sole. Ci pensavano i boia dello Stato Pontificio a fare il lavoro sporco. In particolare nell’Ottocento ci pensava Mastro Titta, non solo boia ma anche ombrellaio. Viveva e lavorava nella sua bottega di ombrelli a Borgo, a pochi passi da Castel Sant’Angelo, e ogni volta che i suoi servigi da boia erano richiesti nelle piazze principali situate sulla sponda opposta del Tevere attraversava Ponte Elio.

View this post on Instagram

La storia di Mastro Titta, "il boia di Roma" . Al secolo Giovanni Battista Bugatti nato a Senigallia il 6 marzo 1779 e morto serenamente nel suo letto a 90 anni suonati. Conosciuto soprattutto come " Mastro Titta er Boja de Roma", celebre esecutore di sentenze capitali dello Stato Pontificio. Una carriera iniziata a soli 17 anni il 22 marzo 1796. 68 anni di servizio, 516 persone «tormentate» o giustiziate, usando l'impiccagione, la mannaia, la ghigliottina. Senza dimenticare la «mazzolatura», una forma crudelissima di morte, eseguita colpendo con una mazza il condannato in ginocchio. Sentenze che venivano eseguite in piazza, davanti a centinaia di spettatori. Assistettero alle sue esecuzioni sicuramente Alexandre Dumas, George Byron e Charles Dickens. L'attività di mastro Titta oggi può far inorridire, ma quelli di Bugatti erano secoli di ferro. La tortura nelle inchieste giudiziarie era prevista dai codici penali ed era ipocritamente preceduta da una visita medica per accertare che l'indagato fosse in grado di sopportarla, Di conseguenza le punizioni erano altrettanto dure e spietate e a eseguirle venivano chiamati degli «specializzati» che si muovevano all'interno dei confini dello stato. Difatti la prima esecuzione di Mastro Titta fu a Foligno, dove appunto il 22 marzo 1796 impiccò Nicola Gentilucci, reo di aver ucciso un sacerdote, il suo cocchiere e due frati. Come spesso capitava, il giustiziato veniva poi anche decapitato, la sua testa infissa su un palo e infine squartato e i «quarti» esposti ai quattro lati del patibolo. Il tutto in pubblico ovviamente. Le esecuzioni infatti avvenivano in piazza con tanto di annuncio di luogo e ora, per essere di monito al popolo. Un simile personaggio non poteva non alimentare storie, aneddoti e modi di dire come «Boia nun passa ponte». Bugatti infatti abitava sulla sponda destra del Tevere a ridosso dei palazzi vaticani, in via del Campanile 2 dove, se non era di servizio, vendeva e riparava ombrelli. Vista la sua attività gli era sconsigliato di farsi vedere troppo in giro e per questo non attraversava mai ponte Sant'Angelo.

A post shared by Amanti della storia (@amanti.della.storia) on

5. Nella cultura pop

Castel Sant’Angelo ha ispirato personalità, registi e cantautori nel corso della storia. La sua terrazza è il punto da cui la Tosca si getta nel terzo atto della celebre opera di Puccini. Il Castello appare anche nel colossal hollywoodiano Angeli e Demoni, e anche nei videogiochi Assassin’s Creed II e buona parte di Assassin’s Creed: Brotherhood. Infine il trapper romano Achille Lauro lo cita spesso nelle sue rime: nei testi di BVLGARI e Zucchero dice “Ave Maria Nino D’Angelo/Ti compro Castel Sant’Angelo”.

View this post on Instagram

Stasera, alle 20.30 e alle 22.30, si va alla scoperta delle voci e dei volti del Castello con due visite guidate per @artcityestate2019. – Conoscere Castel SantʼAngelo attraverso i racconti e le storie dei personaggi che in modi diversi lo hanno abitato: dallʼanima vagula blandula dellʼimperatore Adriano, che ci tramanda, la sua visione dellʼUniverso resa architettura, al lucean le stelle di Cavaradossi, protagonista dellʼopera lirica Tosca, passando attraverso le storie e i racconti di celebri e oscuri personaggi come Marozia che proprio qui celebrò il suo matrimonio, Benvenuto Cellini che ci racconta come riuscì abilmente a evadere dalla fortezza fino al controverso Cagliostro, forse mago o forse abile truffatore. – #castelsantangelo #artcityestate2019 Per info e prenotazioni link in bio – foto di @ish_sek

A post shared by Castel Sant’Angelo (@castelsantangelo) on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close