Close
5 consigli per prepararsi a fare il giro del mondo

5 consigli per prepararsi a fare il giro del mondo

Trovare l’ispirazione, districarsi tra la burocrazia e pensare in modo pratico. Ecco 5 consigli per aiutarvi a preparavi per fare il giro del mondo.

Ci pensi da sempre, ma non hai mai trovato il coraggio di farlo; ora però la decisione è presa e stai per partire per un giro del mondo alla scoperta di tutte le destinazioni che hai sempre desiderato esplorare. Sono molti i preparativi che dovrai affrontare, dalla pianificazione dell’itinerario a quella del budget, per non parlare dei dettagli amministrativi necessari. Ecco quindi i nostri consigli principali per preparare con successo un giro del mondo.

1. Definisci il tuo percorso

Dopo aver preso la fatidica decisione dopo lunghe riflessioni e indugi, è il momento di passare alle cose concrete. Il primo passo è quello di scegliere il vostro itinerario: bisogna stabilire le priorità in base anche al tempo e al budget a disposizione. Di conseguenza sarà necessario scegliere le destinazioni, il numero di tappe, e il periodo dell’anno più adatto alla partenza.

2. Come facciamo? Un piccolo aiuto…

Può essere una buona idea organizzare il giro del mondo seguendo un tema, o un fil rouge: può essere quello delle statue più famose del mondo delle statue più famose del mondo , può essere quello naturalistico e paesaggistico, i luoghi più straordinari da vedere prima di scomparire o qualunque altra cosa stuzzichi. Una volta stabilite le tappe da fare, è importante capire ciò che ogni destinazione ha da offrire: le guide turistiche e i blog sono l’ideale per trovare le risposte alle domande più frequenti, mentre app come Musement, sono utili per capire l’offerta di attività da fare in loco.

3. Essere lungimiranti: salute e sicurezza

Una volta scelte le destinazioni e stabilito l’itinerario, è tempo di pensare alla sicurezza e alla salute. Bisogna verificare se alcune tappe richiedono precauzioni o accorgimenti (siano questi vaccini, norme di abbigliamento particolari per temperatura/animali/abitudini religiose) e anche assicurarsi dell’equilibrio politico del paese che si intende visitare per poi agire di conseguenza. Consigliamo ai nostri lettori-viaggiatori di fare un check-up completo diversi mesi prima di partire, approfittandone per chiedere eventuali prescrizioni di farmaci utili in viaggio per affrontare ogni imprevisto.

Avere un itinerario ben definito è fondamentale anche per scegliere l’assicurazione più appropriata in base alle tappe stabilite (rivolgersi a diverse compagnie permette di avere più opzioni e di fare la scelta più adeguata)

4. Essere lungimiranti: amministrazione

Visti e passaporto valido sono elementi fondamentali per partire. Per entrare in alcuni Paesi, è infatti necessario addirittura che il passaporto sia ancora valido diversi mesi dopo l’ingresso nel Paese; bisogna quindi controllare con attenzione i requisiti di ingresso di tutti i Paesi coinvolti nel viaggio (come per esempio la patente di guida internazionale). Consigliamo anche impostare l’importo massimo di prelievo sulla carta di credito e di informarsi sulle commissioni addebitate all’estero. Per maggiore cautela, meglio portarsi dietro più carte, informare la banca del viaggio, controllare le date di scadenza di tutte le carte di credito.

Bisogna anche verificare le condizioni di utilizzo all’estero del vostro operatore telefonico per evitare imprevisti; meglio procurarsi un telefono di riserva, economico ma resistente, da usare in viaggio con una SIM locale. Un ultimo consiglio è quello di fotocopiare tutti i documenti importanti (passaporti, carte d’identità, assicurazione), di inviarne una copia a parenti o amici stretti che restano a casa e di tenerne un’altra copia in valigia; gli originali saranno sempre con voi, magari in una tracolla da tenere sotto la giacca o in un marsupio. Portate sempre anche un taccuino con i numeri di telefono delle persone o delle istituzioni da contattare in caso di emergenza.

5. Preparare la partenza, finalizzare i compiti amministrativi

Fare il giro del mondo significa anche stare via per diversi mesi, a volte per più di un anno. È quindi necessario preparare adeguatamente la partenza ed evitare inutili spese e preoccupazioni. Per chi lavora, sarà fondamentale decidere se prendere un’aspettativa non retribuita, se possibile, oppure dimettersi. Anche la casa sarà un punto fondamentale su cui prendere decisioni importanti: lasciarla o subaffitarla, oppure metterla in affitto (se la casa è di proprietà). Una volta presa questa decisione, sarà il momento di prendersi cura dei mobili e di tutti i vostri effetti personali: qualunque decisione prendiate, probabilmente dovrete vendere alcuni dei vostri effetti personali e tenerne altri in magazzino. Lo stesso vale per l’auto. Sarà inoltre necessario rescindere eventuali contratti non necessari (tv a pagamento, telefono, gas, elettricità, internet, assicurazione auto) e decidere dove far arrivare la posta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close